Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

3 settembre 2014

COME PUO' UNO SCOGLIO ARGINARE IL MARE - ANCHE SE NON VOGLIO TORNO GIA' A VOLARE (Intorno a Alessandro Di Battista)

Per primissima, urgente, cosa, invito tutti a vedersi il video youtube inserito in cima alla colonna sinistra del mio blog. Stupefacente, sensazionale, agghiacciante (ma non sorprendente per noi)! L’agente del Mossad, Juval Aviv, intervistato dalla CNN, nientemeno, dichiara che l’esplosione del 7 luglio 2005 al metrò di  Londra, attribuito a due ragazzi musulmani, ovviamente incastrati (come risulta, tra le altre incongruenze, dal fatto che le foto dimostrano che la bomba, evidentemente posta in precedenza, esplose da sotto la piattaforma della carrozza e non nello zaino lasciato sul pavimento, come affermato dalla polizia),  “è facile da farsi, come abbiamo fatto NOI a  Londra”, per poi esitare e correggersi: “come è stato fatto a  Londra”.

Ora che,.a forza di urlare come carrettieri ubriachi, o come automobilisti romani inferociti dall’inerme pedone, gli sguatteri dell’imperatore hanno perso la voce, è il momento di ragionare sui fatti. Roba invisa e anche proibita agli sguatteri e praticata, a mia conoscenza, dal solo, per me esimio, Angelo d’Orsi, reperto eterodosso di intelligenza e onestà nel “manifesto”, a dispetto delle ripetute volte che ha spillato fuori dal vaso adeguandosi alle frustrazioni sinistre dei bastona-5 stelle. La sua (l’adesione furbesca ed equivoca di Pannella non conta),  e quella del vignettista Vauro, diseguale fustigatore di infamie padronali (quando non annebbiato dalla vulgata imperiale su “dittatori” e “diritti umani”), sono state, per quanto mi è dato di leggere, le uniche voci che hanno sostenuto le buone ragioni del parlamentare Cinque Stelle Alessandro di Battista, opponendo alla canea dei servi sciocchi, falsari e ignoranti, alcuni metri cubi di razionalismo.
Bravo Di Battista, coraggioso e letale per tutti gli ipocriti sinistri e i predatori della giustizia e della verità annidiati nella "comunità Internazionale". Nella deprimente storia parlamentare della repubblica di questi decenni il suo intervento sul fenomeno “terrorismo” ha il valore di una deflagrazione politica, di potenza uguale  e di indirizzo contrario a quelle che i criminali contro l’umanità praticano contro popolazioni inermi e contro la verità. Si è visto, nelle aule infestate da corrotti e bugiardi, l’impeto travolgente di un nobile bisonte scaraventarsi contro l’omertà e il servilismo degli sciacalli, rappresentanti spuri di una nazione, legittimati unicamente dal consesso extraparlamentare dei poteri planetari del crimine. Uno sconvolgimento degli assunti imposti e accettati, un vero scandalo epocale, che una canizza di coyote a larghissime intese ha cercato di azzannare e seppellire sotto una discarica di ingiurie, stravolgimenti, falsità. Ma che nessuno potrà più cancellare dagli annali della storia politica, un seme che ha iniziato a germogliare nella coscienza dei tanti finora rimasti alla mercè della contraffazione. La sollecitazione a comprendere le ragioni di chi, dalla Valsusa a Gaza e a Ferguson, si oppone, col “terrorismo”, ai cavalieri dell’apocalisse, con affanno servile fatta passare per “giustificazione” e “complicità”, unitamente alla fin qui  inosabile, inaudita, denuncia del terrorismo di Stato statunitense e israeliano quale radice – e, aggiungo, mandante – di tutti i terrorismi, ha confermato i Cinque Stelle estrema risorsa in parlamento della verità e della giustizia.

Da, ahimè, ormai semisecolare passeggero sui convogli della storia capitalista e imperialista passati sulle schiene curve, o sollevate, di popoli e classi disobbedienti, mi permetto, però, di suggerire all’ottimo vindice di tutti costoro, profondo conoscitore dell’America Latina ma, forse, meno di altri scenari, di allargare la sua percezione di chi è vittima e chi carnefice, ripulendo la sua visione di alcune scorie che, come capita a tutti nella pestilenza della disinformazione, minacciano di alterare la forza della sua verità. Non me ne voglia Alessandro. Me lo dettano affetto e stima, tanto per il parlamentare 5Stelle, quanto per coloro di cui ha rivendicato l’umanità, la dignità e il diritto, con coraggio morale e onestà intellettuale.

  
Battaglione ucraino con insegne SS

Sarebbe stato utile, nel trattare il tema “terrorismo”, distinguere tra "terroristi", quando così vengono qualificati dai terroristi di Stato e mediatici i combattenti per la libertà sotto tiranni, sfruttatori, colonizzati e occupanti, come nel caso dei palestinesi,Tuareg, Taliban, somali di Shabaab, honduregni golpizzati,  russi del Donbass sotto attacco terrorista nazimperialista e tanti altri, fino ai nostri No Tav e No Muos, anche loro “terroristi” nella definizione bipartisan dei vari Lupi, Alfano, Chiamparino. E, sul lato opposto,  terroristi veri dei vari eserciti, contractors, milizie surrogate, del Nuovo Ordine Mondiale, mercenari dell'Impero USraeliano. E qui parliamo di ISIL (oggi IS) e degli identici jihadisti che hanno disintegrato la Libia, la Siria, la Nigeria; dei teppisti che sparano ai chavisti e incendiano università, scuole, quartieri, spacci alimentari dai prezzi  non imposti dalla grande distribuzione. Non si sbagli Di Battista: questa marmaglia sanguinaria, non ha niente di autonomo, è al servizio dell'Impero, responsabile e promotore di tutto il terrorismo mondiale. Stati Canaglia. Il terrorismo è tutto di Stato, come ben si soleva gridare, a dispetto dei già consociati atlantici PCI e DC, fin dai tempi del ’68.  Non c’è attentato terroristico, dall’11 settembre ai successivi, senza neanche voler cercare conferma nella consuetudine storica delle False Flag Usa, tra Pearl Harbour, l’incendio della nave “Maine”  per la guerra contro la Spagna a Cuba, l’operazione Northwoods che prevedeva l’abbattimenti di aerei civili Usa sopra Cuba, che non abbia subito smascheramenti tecnico.scientifici, oltreché logici.

A Di Battista, così attento a individuare i dati reali del confronto mondiale, non dovrebbero sfuggire fonti – e ce ne sono tante e infinitamente più competenti e documentate dei media di regime, destri o “sinistri” che siano – che, a costo di grande impegno e sacrificio analitico ed economico, si sottraggono ai tentacoli del menzognificio occidentale. Magari anche gli organi di comunicazione degli esecrati “Stati Canaglia”, dei “dittatori sanguinari”, sistematicamente da noi occultati o boicottati. E pour cause. Scoprirebbe documentazione inconfutabile sui legami filiali che uniscono le bande di ISIL, oggi fintamente antagonizzate, ai mandanti USraeliani. Come sui loro legami fraterni con i tagliagole che devastano la Siria e che hanno distrutto e insanguinato la Libia, gli stessi, ma allora “rivoluzionari democratici”, pagati e armati a difesa dei “nostri valori”, e con i massacratori Boko Haram che destabilizzano il più grosso boccone petrolifero dell’Africa e che, logicamente, proprio ora hanno dichiarato la loro adesione all’ISIL.

Kiev, oggi: miliziani in tenuta SS in partenza per il Donbass

 Esecuzione ISIL di civili iracheni

Apprenderebbero, Di Battista e tanti suoi colleghi meno preparati in geopolitica, ma che sicuramente sene vorranno fare un interesse specifico alla luce del fatto che Renzi e Berlusconi, o Draghi e Juncker, sono i terminali coloniali della cosca delinquenziale che, nel nome della Cupola militar-finanziaria occidentale, opera su altri fronti con terminali come il saudita Abdallah, il qatariota El Thani, il capo della giunta Ucraina, Poroshenko, messo su dal putsch Usa-nazisti, il sionista Netaniahu, il narcotrafficante curdo-iracheno Massud.  E il neo-califfo Abu Bakr al Baghdadi. Di questa gente c’è da comprendere solo che operano sotto comando di Stati Uniti e Israele. Che ora a Washington,  Londra, Tel Aviv, Bruxelles, ci si straccino le vesti sulle atrocità commesse da questi sicari è ipocrisia pura e persegue altri scopi imperialistici.

Tutti sanno, e fingono di dimenticare, che le milizie jihadiste spuntano in Libia contro Gheddafi dal tronco di una antica formazione integralista libica votata al califfato e alla sharìa, capeggiata dall’alqaidista Abdelhakim Belhadj (successivamente installato dalla Nato governatore di Tripoli). Da esso l’intelligence Nato fa fiorire numerosi rami: bande jihadiste da Cecenia, Afghanistan, Tunisia, Marocco, Giordania, Egitto (Fratelli Musulmani). Logistica, armamenti, denaro arrivano dal Golfo, eminentemente dal Qatar e dalla Turchia. La Nato si fa forza aerea e navale di questa soldataglia. La Libia libera e benestante, motore dell’autonomia africana, fattore di equilibrio regionale, esempio di equità sociale, è trasformata in un oceano di sangue in cui imperversano lanzichenecchi di varia denominazione, impegnati a contendersi il bottino. In questi giorni le milizie di Misurata, punta di diamante del jihadismo estremo, a suo tempo coccolate in Occidente, mentre commettevano atrocità affini a quelle dell’ISIL, hanno distrutto e occupato l’aeroporto di Tripoli. Un grande Stato afro-arabo non c’è più. “Caos creativo” all’americana.

La stessa marmaglia di tagliagole arriva in Siria, incaricata di compito analogo, sotto iniziale copertura di manifestazioni pacifiche di rivendicazione. La vulgata occidentale per cui intervenire in Libia era doveroso perché “Gheddafi bombardava la sua gente” (simile a quella sul serbo Milosevic e smentita, oltreché dalla stessa gente, dalle immagini satellitari russe) diventa uno stereotipo in Siria e in Ucraina, dove gli danno corpo cecchini impegnati a sparare sia su dimostranti, sia sulle forze dell’ordine. Cecchini che si riveleranno, anche grazie a intercettazioni telefoniche tra i mandanti, mercenari e specialisti manovrati dall’Occidente. Del trasferimento in Siria di questi soldati di ventura e delle armi si occupa, con assistenza Cia, personalmente l’ambasciatore Usa a Bengasi, Chris Stevens. Verrà fatto fuori da una fazione insoddisfatta.

Nonostante opulente iniezioni di armamenti e milioni di dollari, surrettiziamente da Turchia, Qatar, Kuweit, Emirati e Arabia Saudita, ufficialmente da Washington, Londra, Parigi, motivati essenzialmente da soldo, bottino e stupro, contro un popolo e un esercito impegnati a difendere la patria, l’emancipazione, l’indipendenza, la barbarie jihadista non passa. Alla sconfitta militare si rimedia con il terrorismo degli attentati tra i civili. Ma dopo quasi 4 anni di guerra, la direzione del paese raccoglie ancora il consenso della stragrande maggioranza della popolazione, confermato nel voto referendario e presidenziale riconosciuto corretto dagli osservatori. Occorre un intervento alla libica e, quindi, occorre un pretesto inoppugnabile. Ma lo scherzetto turco-saudita delle armi chimiche, di cui è attribuito l’uso ad Assad, si spappola ancora una volta per merito delle analisi e dei documenti russi e delle testimonianze locali e degli ispettori ONU. Obama deve fermare gli F16. Israele non ottiene più di tanto bombardando occasionalmente, in omaggio al diritto internazionale dei pirati, obiettivi militari siriani, ma dimostra la sua affezione per le milizie terroriste, fornendo armi e curandone centinaia di feriti in ospedali sul Golan e a Tel Aviv.
 
 Abu Bakr Al Baghdadi uno e due

Tocca all’Iraq, destinato alla distruzione in quanto grande, potente e ricco antagonista dell’Occidente e di Israele, mediante la tripartizione prevista da un progetto storico elaborato in Israele dal consigliere geopolitico del governo Oded Yinon nel 1982 e ripreso dagli Usraeliani all’atto delle due guerre d’aggressione 1991 e 2003. Entra in scena Abu Bakr al Baghdadi, capo del califfato in Iraq e nel Levante (ISIL). Una formazione creata per alimentare il famigerato “scontro di civiltà”, teoria alla base dell’imperialismo attuale, e rispolverare in Occidente la psicosi “mamma, i mori!”, pista di lancio di crociate e colonialismi. E’ significativo il fatto che mentre questi supposti fanatici islamici giurano di riprendere agli infedelissimi ebrei Gerusalemme e di marciare addirittura su Roma, neanche un dito mignolo hanno mosso in difesa dei fratelli arabi e musulmani sterminati a Gaza…..

Gli obiettivi sono nell’ordine: 
  • 1) consolidare lo squartamento della nazione, fin lì osteggiato da un governo centrale  passato dall’obbedienza agli Usa a quella all’Iran. A sud gli sciti, a nord-ovest i sunniti, a nord-est i curdi. 
  • 2) Istituzionalizzare anche a livello internazionale uno Stato curdo indipendente (e la fornitura di armi occidentali al compare capoclan e contrabbandiere, Massud Barzani, da sempre agente di Cia e Mossad, serve allo scopo) che, impadronitosi della non-curda Kirkuk, garantisca il flusso di idrocarburi da quei giacimenti a Israele e alle compagnie occidentali, fuori dal controllo di Baghdad. 
  • 3) Controllare il rubinetto del petrolio di uno dei più ricchi giacimenti del mondo allo scopo di condizionarne il flusso verso alleati e sudditi potenzialmente concorrenti, in primis l’Europa. 
  • 4) Ottenere da un’opinione pubblica occidentale sconvolta dagli orrori commessi dall’ISIL contro le minoranze, soprattutto di correligionari cristiani, il via libera all’intervento militare Usa e Nato, necessitato dalla resistenza siriana e fin qui impedito dai veti di Russia e Cina e dal fallimento delle bufale False Flag organizzate dai servizi occidentali (pari a quella dell’aereo malese MH17 abbattuto sul Donbass e dimostrato dai russi operazione di Kiev, tanto che non se ne parla proprio più) . 
  • 5) Rilanciare alla grande, sempre attraverso le atrocità compiute dagli islamisti in Iraq, la demonizzazione dell’Islam tutto come fonte di ogni male, ulteriormente drammatizzata dalla presenza di migliaia di jihadisti di origine europea e statunitense, al fine di giustificare guerra dopo guerra e di stringere il cappio del totalitarismo su società occidentali da annientare sul piano economico, sociale, politico: “il nemico è nella casa accanto!”. Dunque, emergenza e altri misure liberticide; 
  • 6)  la messa in scena della decapitazione del giornalista Foley (orchestrata come quella del giovane statunitense Nick Berg in Iraq nel 2013: in entrambi i casi gli esperti hanno constatato la mancanza di sangue nel taglio, Berg era già morto al momento della decapitazione, le dichiarazioni erano recitate come da copione, oltre ad altre manipolazioni). La decapitazione al culmine delle mostruose efferatezze ISIL, per mano di un cittadino britannico che dà corpo alla paura del “nemico interno” e si aggiunge alle centinaia di “nemici interni” europei tra le fila degli scannatori, è la pistola fumante per far entrare in Siria finalmente le forze armate Usa e Nato, con il pretesto di arginare i jihadisti, ma con lo scopo vero di farla finita con la Siria e con Assad. 
  • 7) Effetto collaterale delle carneficine in Iraq: incrementare a livelli iperbolici l’invasione di migranti in un’Europa da debilitare economicamente  e destabilizzare socialmente.
 
Naturalmente è del tutto casuale che l’immane carneficina irachena abbia distolto gran parte dell’attenzione dal genocidio in atto a Gaza che stava facendo divampare di revulsione e indignazione un’opinione pubblica mondiale, minacciando di privare Israele di  molte complicità e passività. O vogliamo aggiungere un paragrafo 8?

 Decapitatori del mondo civile


Si può sospettare una divaricazione tattica nella conquista del controllo sulle risorse energetiche del Medioriente, tra, da un lato, Arabia Saudita e il pilastro Nato Turchia, principali fornitori di quei denari e di quei mezzi che hanno promosso una banda di lanzichenecchi sbrindellati in forza armata organizzata, pari a quella di un potente Stato, e, dall’altro, il trinomio USA-UE-Israele che ha qualche difficoltà d’immagine con califfati oscurantisti, ma saprà a suo tempo sostituirli con despoti verniciati di democrazia. Ma alla fine prevale la coesione strategica per la riorganizzazione coloniale e feudalcpitalista del Medioriente tramite la definitiva distruzione di ogni entità nazionale araba unitaria, indipendente, ostacolo al dispiegarsi del Grande Israele, del parallelo neo-impero ottomano e dei saccheggi neoliberisti. Ne sono reciprocamente garanti USA-Israele e i sultani del Golfo. I primi in termini geostrategici, i secondi per il controllo energetico sull’intera regione.

Al Baghdadi e altri comandanti jihadisti complottano con McCain


Avete sentito il rompighiaccio dell’imperialismo bellico obamiano, senatore John McCain, invocare ora un immediato intervento armato contro l’ISIL (ISIL, Stato Islamico in Iraq e nel Levante, mi pare più corretto di ISIS, Stato Islamico in Iraq e Siria, perché quest’ultimo trascura le mire del califfato sunnita sul Libano degli Hezbollah e altre presenze scite). Nella foto qui sopra, scattata qualche tempo prima, vedete il senatore in conciliabolo con nientemeno che il futuro califfo Al Baghdadi, insieme ad altri noti comandanti jihadisti. Siamo in una  località al confine tra Siria e Iraq e, come altre foto rivelano, non si tratta dell’unico incontro tra i due. Al Baghdadi, dopo aver trascorso 4 anni a Guantanamo, è stato liberato e, secondo fonti della stessa intelligence Usa, addestrato militarmente e indottrinato in religione oratoria per compiere la sua missione prima in Siria e poi in Iraq.

Non fossero bastati gli ininterrotti rifornimenti di armi e fondi e l’assistenza delle forze speciali angloamericane alle milizie anti-Assad, nominalmente destinati agli oppositori “moderati” del Libero Esercito Siriano, entità del tutto virtuale, e subito arrivati agli integralisti, dove dovevano arrivare; non bastassero i finanziamenti sauditi all’ISIL, mai smentiti da Riad; non fosse sufficiente il fatto comprovato che la Turchia del Fratello Musulmano Erdogan costituisce, insieme alla Giordania dei centri di addestramento gestiti dai Marines, la profondità strategica dell’ISIL le sue retrovie, le linee di rifornimento, le basi di addestramento, questa prova del connubio USA-ISIL disintegra ogni teorema circa una campagna jihadista fuori dal controllo USraeliano e, anzi, diretta contro l’Occidente.

 
Al Baghdadi "integralista islamico"

Sono convinto che Alessandro Di Battista non faticherà a convincersi di quanto sopra e ad aggiornare, con le opportune distinzioni, il suo quadro del “terrorista” antimperialista da comprendere e difendere e del terrorista mercenario imperialista da denunciare. Ma nel saggio del parlamentare 5Stelle vi sono alcune affermazioni, riprese, non so con quanta circospezione, dalle interpretazioni fiorite in Occidente, con tragica unanimità destra-“sinistra”, sull’Iraq, su Saddam, in genere su leader non in sintonia con i progetti di governi, banche e multinazionali, tutti accomunati nell’anatema “dittatori sanguinari” da cui i loro popoli devono essere liberati.

Ne parlerò dopo. Ma prima vorrei mettere in discussione anche un altro punto forte delle argomentazioni di Di Battista: La denuncia dell’accordo Sykes-Picot e degli altri trattati delle potenze coloniali che ridisegnarono il mondo arabo secondo linee arbitrarie che dettero vita a Stati-Nazione innaturali comprendenti varie realtà etniche e confessionali. “Non sta scritto da nessuna parte che popolazioni diverse debbano vivere sotto la stessa bandiera” scrive Alessandro. Così contraddice un principio che contraddistingue la modernità, per la quale diversità progrediscono quando accomunate da un progetto politico, sociale, culturale, economico, condiviso. Difficile, anche in Occidente, trovare oggi una nazione che non comprenda proprio quelle diversità. Separarle, frantumarle, non sembra all’ordine del giorno e, quando ricercata, corrisponde inevitabilmente al disegno imperiale in atto della frantumazione in piccole, insignificanti, deboli entità, di un insieme che, come tale, costituisce un più forte ostacolo all’avanzata della superpotenza. Pensiamo al Regno Unito, con le sue quattro nazionalità, alla Jugoslavia, formidabile interlocutore geopolitico quando unita e mosaico di staterelli senza voce in capitolo e senza voce economica, politica, militare. Non c’è nazione europea che non comprenda in sé le stesse diversità di religione, etnia, tradizione, dei paesi frantumati del Medioriente. O ritiene, Di Battista, che il Risorgimento, unendo celti, romani, etruschi, arabi, occitani, germani d’Italia in un’unica nazione, sia stato un’operazione regressiva e non ci abbia fatto uscire da una servitù millenaria? E che dar retta ai Bossi e ai Salvini sia progressivo e ci garantisca meglio contro le prepotenze e gli appetiti delle potenze?

Ma ci sono ragioni ancora più valide per impedire che progetti di disarticolazione nazionale del mondo arabo, come quello citato del sionista Oded Yinon, o quella antichissimo Usa, oggi in pieno dispiegamento, vadano a sottoporre al dominio di quello che è un indiscutibile Stato-Nazione, di afroamericani, irlandesi, tedeschi, italiani, latinos, protestanti, cattolici, ebrei, gli Usa, un Nuovo Ordine Mondiale di paesi triturati e, dunque, in perenne, debilitante, conflitto tra i suoi vari pezzi. Una ragione è lo spianamento all’orda imperialista di paesuccoli incapaci di resistenza e di autonomia. Un’altra, decisiva, è la stessa volontà dei popoli, unificati, non solo da Sykes Picot e conferenze varie di Berlino, ma da un retroterra storico comune, come è, tra gli altri, quello dell’Iraq dei sumeri, assirobabilonesi, abbassidi e dello stesso dominio ottomano.e poi britannico.

Caro Alessandro, la tua sete di giustizia e verità viene adulterata dall’assunzione acritica delle vulgata irachena come raccontataci dai complici della distruzione di quel paese e supinamente ripetuta da pigri e opportunisti “sinistri”. Vorrei che fossi venuto con me in quella parte del mondo che la lotta contro i colonizzatori ha cementato in grandi e rivoluzionarie nazioni, proprio per questo oggi sottoposte a squartamento da parte degli antichi conquistatori. Nel 1966, quando per Paese Sera seguii la Guerra dei Sei Giorni, inizio del progetto Yinon, ai successivi viaggi nell’Egitto di Nasser (copti e musulmani, africani e arabi), nel Sudan di Nimeiry (africani, arabi e tante confessioni), nella Siria (sciti, sunniti, drusi, curdi), nella Libia delle mille tribù, nell’Iraq di Saddam Hussein. Popoli uniti da un voluto destino di emancipazione, socialismo, indipendenza, coesione. Ho molto amato l’Iraq, assiduamente frequentato dal 1977 a oggi, baluardo principale dell’unità araba, dell’antimperialismo e dell’antisionismo, tanto temuto dall’Occidente e da Israele dall’averli mossi all’orrenda strage in corso dal 1991.

Era un paese che ai suoi popoli aveva assicurato benessere, dignità, giustizia sociale, autostima. Tanto che nessuno allora si sarebbe sognato di identificarsi e contrapporsi in quanto scita o sunnita, turcomanno o assiro, cristiano a musulmano e i matrimoni interconfessionali e interetnici erano all’ordine del giorno. Un milione di curdi viveva a Baghdad e, nonostante le brighe di Cia e Mossad, nel Kurdistan iracheno solo una minoranza infeudata a un paio di capiclan minava l’unità nazionale con sporadiche rivolte istigate da fuori, da coloro che oggi si sono comprati mezzo Kurdistan e ne succhiano il petrolio che un tempo beneficiava la collettività nazionale tutta. Quella vicenda divenne il massacro di 200mila curdi per mano di Saddam. Una storia raccontata da un’unica parlamentare britannica e da qui assunta, senza prove, a verità indiscutibile.  E non è vero, come si è voluto propagandare, anche per impedire che gli antimperialisti dalle nostre parti solidarizzassero con quell’Iraq sotto assedio, che Saddam fosse” uomo degli americani”. 
 
La rivoluzione del 1968, che  lo ha visto protagonista (Al Bakr, nominalmente presidente, era solo una figura di rappresentanza), poneva fine a un regime asservito ai britannici. E’ stato lui il nazionalizzatore del petrolio iracheno, azione che avrebbe determinato la fine sua e del suo popolo. Elementi fondanti di un consenso collettivo, come la sanità, l’istruzione, la distribuzione della ricchezza, le infrastrutture,  la protezione e lo sviluppo delle enormi risorse storiche e culturali, la dignità, sono state opera di Saddam e del partito Baath. Cose che nel Terzo Mondo erano miraggi, che da noi erano date per scontate, prima di essere perdute.

Uomo degli americani? Nella guerra Iraq-Iran, fomentata da revanscisti come Kissinger (“E’ bene che questi due paesi si dissanguino a vicenda”), è stato l’Iran, al quale va tutto il mio rispetto, a ricevere armi da Israele (il ricavato è stato utilizzato dagli Usa per lanciare la Contras contro il Nicaragua, come ben sai). Trovami un solo fotogramma delle migliaia di chilometri di filmati delle due guerra all’Iraq dove si intravveda un’arma, un fucile, una granata statunitensi. In entrambi i casi l’Iraq si è dovuto difendere con obsoleti armamenti sovietici e qualche residuo del mercato internazionale. Poi la famosa “stretta di mano tra Rumsfeld e Saddam”. Peccato che cronisti allora e storici oggi si dimentichino le circostanze in cui una normalissima stretta di mano diplomatica è avvenuta. Fu quando Rumsfeld tentò di ricattare l’Iraq con la promessa di assistenza contro  l’Iran in cambio della riapertura dell’oleodotto Kirkuk-Haifa in Israele (ora riattivato dai curdi del narcotrafficante Barzani). Saddam gli strinse la mano rimandandolo con le pive nel sacco. 

Occhio ai risentimenti di  certi “comunisti” allineatisi agli sbranatori dell’Iraq perché “Saddam aveva sterminato i comunisti”. C’è sotto un odio viscerale per chi ha saputo fare meglio e non ha tradito. Ne sapete qualcosa voi, Cinque Stelle. La verità è che, all’atto delle guerra con  l’Iran, il PC iracheno, già al governo di Baghdad insieme a Baath e curdi), su ordine di Brezhnev si schierò con  l’Iran, tradendo il proprio paese, come Mosca tradiva il proprio principale alleato in Medioriente. Non ci fu nessuno sterminio. Molti comunisti entrarono nel Baath, altri andarono in esilio in Siria, alcuni dirigenti furono giustiziati per aver collaborato col nemico. Non ti dice niente, Alessandro, il fatto che tutti i regimi israeliani hanno considerato l’Iraq di Saddam il primo e massimo nemico da distruggere? Che io stesso il 9 aprile 2003, nell’uscire dalla Baghdad occupata dalle forze Usa, viaggiai verso Damasco accanto a un pullmino con  funzionari iracheni che, a governo iracheno crollato, eseguivano l’ultimo ordine di portare aiuti finanziari alle famiglie dei martiri palestinesi?

Il mio Iraq era un paese popolato da genti orgogliose e serene, da donne liberate, da bambini con la sicurezza del futuro. La sua vivacità creativa sul piano culturale, artistico, letterario, ricordava quella di Cuba nei primi decenni della rivoluzione. E Fidel era tra gli amici più stretti di Saddam. Si dirà, con prosopopea euro centrista e parecchio razzista, “ma era una dittatura, come quelle di Nasser, di Gheddafi, di Assad, di Fidel”. E qui opera il tremendo virus della superiorità occidentale, del “fardello dell’uomo bianco” civilizzatore. Lo si osa ripetere addirittura oggi, ai tempi di Ferguson, di Kiev, di Gaza, di Draghi, Juncker e Renzi, di Obama che, con decreto presidenziale, alle sette guerre di sterminio che va conducendo, aggiunge il diritto di ordinare in tutto il mondo assassinii extragiudiziali di “soggetti sospetti”. Non ci si abbassa a considerare contesti storici, sociali, culturali, che, forse, hanno imposto modelli di organizzazione della società alternativi ai nostri perfettissimi ordini democratici. Non si consente ai popoli di fare i propri percorsi nei tempi necessari, magari uscendo da tirannie secolari che hanno impedito la formazione di immaginari e bisogni collettivi in linea con i nostri modelli. Abbiamo tutti avuto bisogno, da piccoli, di padri della patria, di guide ispirate e capaci. Ci è stato dato il tempo di maturare. Loro non hanno avuto la rivoluzione francese e neppure quella d’ottobre. I loro Voltaire, Machiavelli, Hegel, sono scomparsi alla fine del primo millennio. Dopo averci dato tutto.

Grazie, Di Battista
 
Fonte: Mondocane

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)