Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

26 settembre 2014

WASHINGTON E LA TRUFFA DELL’ISIS

Nel suo classico romanzo “1984”, lo scrittore britannico del 20° secolo George Orwell dipingeva uno stato repressivo governato da un partito unico, che cercava di giustificare ed estendere il suo dominio totale attraverso la guerra perpetua contro nemici lontani, usando la tattica di riunire le masse “intorno alla bandiera”. Non era mai del tutto chiaro quali fossero i motivi delle guerre, e le identità di alleati e nemici venivano scambiate avanti e indietro secondo le necessità contingenti del partito. Inoltre non era affatto chiaro quanto la guerra fosse reale, aldilà della propaganda di stato.
Mentre in teoria la distopia di Orwell era fantastica, in pratica egli stava documentando le pratiche essenziali delle elite dominanti degli stati moderni. E, sebbene il libro non voglia essere un manuale, si potrebbe a ragione sospettare che le elite americane della politica estera usino 1984 come tale, soprattutto riguardo al Medio Oriente.

La settimana scorsa il presidente Obama ha annunciato una “strategia” per contrastare l’istituzione e l’espansione dell’auto-proclamato Stato Islamico di Iraq e Siria (ISIS).

24 settembre 2014

COSTARICA: L’OK AGLI OGM VIOLA I DIRITTI DELLE PERSONE

Sugli ogm il Costarica compie un enorme passo in avanti, che tanti auspicano possa costituire esempio per molti altre nazioni. La Sala Costituzionale della Corte Suprema di Giustizia ha deciso e le modalità con cui vengono accordati i permessi per autorizzare gli ogm è incostituzionale e vìola i diritti della collettività dei cittadini.
La decisione è arrivata in queste settimane dopo l’azione condotta da diversi gruppi ecologisti e di produttori che nel dicembre del 2012 avevano portato avanti un’azione di incostituzionalità (clicca qui per scaricare il documento) contro il Regolamento statale del Servizio Fitosanitario (qui il documento). I ricorrenti avevano già segnalato che le norme violavano i diritti dei cittadini costaricensi poiché non svelavano, anzi tenevano nascoste, le informazioni tecniche che venivano utilizzate per dare l’ok alla coltivazione di ogm sul suolo nazionale. L’organismo giudiziario ha accolto l’obiezione ritenendola fondata.
In questo modo, la Sala Costituzionale ha garantito che i procedimenti per l’autorizzazione, d’ora in avanti, dovranno essere accessibili a tutti e questo permetterà ai cittadini e alle associazioni di presentare opposizione ai permessi, dal momento che mettono in grave rischio l’equilibrio degli ecosistemi e la salute della popolazione.

23 settembre 2014

Niente di nuovo, sotto lo stesso Sole...

Le infiltrazioni avvengono in vari modi, soprattutto mediante il reclutamento di militanti ricattabili per loro precedenti penali o che si è fatto in modo di cacciare in pasticci criminali, ma vi sono anche molti "volontari". Questi agenti servono per le informazioni ma anche per tutte le operazioni di provocazione e di organizzazione di atti di violenza spettacolare, come per esempio quelli addirittura esemplari dell'Italicus e di Piazza Fontana."
Così si esprimeva l'ex agente della CIA Philip Agee nel corso di un'intevista al periodico "Europeo" nel numero del lontano 30 gennaio del 1976, rimarcando le responsabilità della celebre Agenzia nella "strategia della tensione" italiana. Naturalmente l'ex uomo di Langley forniva qualche dettaglio in più circa le operazioni e le tecniche dell'Agenzia approntate per mantenere le redini della "piccola" Italia, un baluardo strategico a cui era – ed è – impossibile rinunciare agli occhi degli yankees. Certo... Il suddetto Agee non era proprio uno stincodisanto e aveva dato mostra di simpatizzare per il castrismo in pieno periodo di contrapposizione con i sovietici (?), tuttavia non risulta che sia mai stato smentito in maniera efficacie e documentale in merito alle gravissime asserzioni, nè che giudice italiano o straniero lo abbia interrogato su queste delicate questioni. Al di là della sua piena attendibilità, Mr. Agee può essersi comportato come altri suoi ex colleghi, i quali, nauseati dalle condotte di quella che dimostrava ogni giorno di più di essere assimilabile ad un'associazione a delinquere di alto livello, si sono allontanato dalla Compagnia per denunciarne le malefatte... E penso al primo fra tutti, l'italoamericano Victor Marchetti che, fra i primi, parlò dei rapporti fra l'intelligence statunitense e la mafia a partire dallo sbarco in Sicilia, o al "contractor" della CIA  e del MOSSAD Richard "Dick" Brenneke...

20 settembre 2014

EBOLA: LEGGE MARZIALE E QUARANTENA

Quarantena e Legge Marziale i dettagli operativi: "I malati ... saranno Incarcerati E Isolati contro la loro volontà"

Nota del redattore: L'analisi che segue è stato redatto da Dave Hodges ed è stato originariamente pubblicato in The Sense Mostra Common .
La ricerca dettagliata di Hodges ci dà alcune visioni spaventose su uno scenario della legge marziale che verrà instaurata per l'Ebola o altre forzate malattie trasmissibili che le assomiglia. Certo, Ebola non ha ancora raggiunto lo status ufficiale di una "emergenza di sicurezza nazionale", ma esistono già procedure di governo per un tale scenario. In realtà, come notato da Hodges, questa estate il presidente Obama ha modificato un ordine esecutivo esistente per includere malattie respiratorie come potenziali condizioni di salute in cui potrebbe essere dichiarata la legge marziale. E, come un orologio, ora abbiamo il virus respiratorio EV-D68 che si fa strada in tutto il paese. 
 
Coincidenza? Forse.
Qualunque sia il caso, dovrebbe mai un virus minacciare gli Stati Uniti con la pandemia, al governo sarà lasciato altra scelta che rispondere. La domanda è: quale sarà quella risposta? Le prove, come di seguito evidenziato, suggerisce che non sarà solo di dire ai cittadini di ricoverarsi in luogo e aspettare che le cure mediche siano approntate. No, in una emergenza dichiarata a livello nazionale il governo federale sarà più che probabile che cederà parte o tutte le loro procedure di emergenza alle Nazioni Unite, e, quindi, a un esercito straniero. Inoltre, chiunque sarà designato come una potenziale minaccia - e che rischia di includere non solo quelli con una malattia, ma coloro le cui opinioni contraddicano quella del foro dello Stato - saranno braccati, arrestati e incarcerati e, con la forza se necessario.
 
Questo non è un complotto per un romanzo di fantasia. La legislazione, ordini esecutivi e procedure segrete sono stati documentati da innumerevoli ricercatori. Ignorarli è solo a vostro rischio e pericolo.

16 settembre 2014

DIECI TEORIE COSPIRATIVE DIVENUTE REALTÀ

Anche se il termine “teoria del complotto” è diventato un dispregiativo usato contro chiunque metta in discussione la versione ufficiale degli eventi, ci sono innumerevoli esempi in tutta la storia delle cospirazioni che  si sono poi dimostrati veri. Diamo uno sguardo a dieci casi.
1) Operazione AJAX e operazioni False Flag
L'idea che i governi e le agenzie di intelligence svolgano atti di terrorismo sotto false flag è stata a lungo derisa dai media del sistema come una teoria della cospirazione, nonostante ci sia una pletora di casi storicamente documentati.

Dopo decenni di smentite, nel mese di agosto 2013, la CIA infine ha ammesso il suo ruolo (1) nella messa in scena del colpo di stato in Iran che ha portato al rovesciamento di Mohammad Mossadegh nel 1953 sotto l'egida della Operazione AJAX. Tramite l’AJAX, la CIA ha supervisionato le operazioni segrete che includevano atti terroristici false flag che sono costati la vita a circa 300 persone (2).

12 settembre 2014

FISICI RUSSI COSTRUIRANNO LA TORRE DI TESLA

L’avaria di Fukushima non sarebbe avvenuta. I funzionari europei non avrebbe dovuto faticare inventando ostacoli alla realizzazione del gasdotto South Stream. I pensionati della NATO, dopo aver tolto alla Yugoslavia le terre del Kosovo, non si sarebbero occupati di investimenti nei minerali utili esistenti su questo territorio.
Chissà, forse il condizionale non sarebbe qui servito se la Wardenclyffe Tower del geniale scienziato serbo Nikola Tesla, costruita all’inizio del XX secolo, avesse portato alla creazione di un sistema efficace di trasmissione e di produzione di energia elettrica libera in tutto il mondo. Quello che successe cent’anni addietro è tuttora avvolto dal mistero.
Si sono conservate soltanto le impressioni prodotte su abitanti locali e su giornalisti dallo splendore celeste “per migliaia di miglia” causato dalla Torre di Tesla. Recentemente i giovani fisici russi Serghej e Leonid Plekhanov, dopo aver studiato scrupolosamente i diari e i brevetti dello scienziato, hanno deciso di rianimare il progetto di trasmissione di energia senza fili. Hanno persino raccolto mediante internet una somma rilevante per la costruzione della propria Torre. Nell’intervista a “La Voce della Russia” Leonid Plekhanov ha raccontato dei principi di funzionamento della nuova Torre:

11 settembre 2014

BARAK OBAMA E I "RAGAZZI" DELL'ISIS RECLUTATI DAGLI USA...

La drammatica e apparentemente inarrestabile ascesa dell’Isis ha riportato l’attenzione mediatica sul martoriato Iraq, caduto nel dimenticatoio dopo il ritiro delle truppe americane. I mezzi di informazione sono prodighi di informazioni nel descrivere le atrocità del Califfato, ma reticenti nel raccontare chi siano i suoi membri e quale sia la sua origine. Lo Stato Islamico di Iraq e Siria (questo il nome completo) non è una forza apparsa improvvisamente dal nulla, ma il figlio diretto delle politiche dell’imperialismo americano in Medio Oriente che ha le sue radici nel conflitto siriano e nel caos dell’Iraq post-Saddam, ricorda Riccardo Maggioni, secondo cui per capire meglio qual è il ruolo dell’Isis occorre fare un salto indietro di almeno trent’anni, dal momento che l’islamismo politico «è l’alleato oggettivo dell’imperialismo americano nel Medio Oriente» a partire dai lontani anni ‘80, quand’era il pretesto perfetto per consentire agli Usa di intervenire per aiutare i “buoni” e punire i “cattivi”.

Negli anni ’80, durante la guerra fredda, l’Islam conservatore era l’alleato degli Usa nel contenere la diffusione del comunismo e dell’influenza dell’Urss nel mondo arabo, scrive Maggioni in un post ripreso da “Informare per Resistere”. Sotto la presidenza Reagan, gli Usa «armarono e addestrarono i Talebani in Afghanistan» per rovesciare la repubblica popolare afghana e contrastare il successivo intervento sovietico. «Al-Qaeda nasce qui, con i soldi e il supporto americano, tanto che lo stesso Bin Laden (ricordiamolo: proveniente da una famiglia di affaristi sauditi in stretti rapporti con gli Usa) combatteva in Afghanistan e veniva intervistato da quotidiani occidentali come “The Indipendent” i quali lo definivano “freedom fighter”». I Talebani, aggiunge Maggioni, «vennero addirittura glorificati in film come “Rambo 3”», mentre «vari leader islamisti afghani furono ricevuti alla Casa Bianca da Reagan, che li definì “leader con gli stessi valori dei Padri Fondatori”».

9 settembre 2014

LE TAPPE STORICHE DELLA DISTRUZIONE DELL'ITALIA

Questo vuole essere solamente un pro-memoria sulle tappe principali che ci hanno portato al disastro attuale. La “lunga marcia“ della finanza sta arrivando a destinazione ed al compimento dei propri scopi: la distruzione dei popoli.
1972 – Serpente Monetario Europeo (poi l’Italia uscì nel 1974 causa conflitti sociali e crisi petrolifera)
1979 – Adesione allo SME
1981 – Divorzio tra Ministero del Tesoro e Banca d’Italia – Fine della sovranità monetaria per volere dello Stato che cede la facoltà di emettere la propria moneta a favore delle banche
1986 – Atto Unico Europeo – Libera circolazione di “persone”, merci, servizi e capitali
1990 – I capitali possono espatriare liberamente – La Banca d’Italia perde la facoltà di imporre misure sui movimenti di capitali
1992 – Trattato di Maastricht
1992 – Mani Pulite – Addio alla spesa pubblica e avanti con i servi dei capitali, praticamente della finanza
1992 – Amato dopo aver privatizzato Bankitalia fa uscire l’Italia dallo SME con una svalutazione di circa il 25% rispetto al marco

7 settembre 2014

“Non preoccupatevi di Ebola (e iniziate a preoccuparvi di cosa significa)”

E' la frase con cui esordisce in un suo intervento il professor Adam Levine, docente di Medicina d’emergenza alla Brown University di Providence. Ebbene…cosa significa? Andiamo a vedere.

Già avevamo fornito il quadro dei dati reali circa l’epidemia di Ebola nel nostro articolo “Ebola, il nuovo incubo (l’ennesimo)” . Ora vogliamo proporvi l’analisi di Adam Levine. Innanzi tutto, anche in questo caso, Levine fornisce dati, che già aiutano a farsi un’idea. «Durante gli ultimi sei mesi – scrive Levine - mentre Ebola metteva in pericolo la vita di circa mille adulti e bambini, nella sola Africa Sub-Sahariana circa 298.000 bambini sono morti per polmonite, 193.000 per diarrea, 288.00 tra adulti e bambini sono morti di malaria e 428.000 tra bambini e adulti hanno avuto bisogno di cure d’emergenza per ferite dovute a vari incidenti. Un migliore e più efficace accesso alle cure potrebbe, dunque, salvare non solo chi è affetto da Ebola ma anche chi è colpito da questi killer molto più diffusi». Levine critica poi i media che passano dall’ignorare completamente l’Africa a parlarne a spot allarmistici solo in occasione di epidemie o quando si teme che qualche gruppo terroristico arrivi fino a casa nostra.

5 settembre 2014

LA VOCE DEL SILENZIO

Credo... Credo di avere il legittimo sospetto che presto le mie parole si interromperanno perchè suggerite spesso dall'Ego e da una sorta di insopprimibile narcisismo...  Credo nella democrazia, nel parlamentarismo e nel pluralismo dei partiti e dei movimenti, purchè rappresentino realmente istanze politico – culturali e le domande provenienti dalla società. In caso contrario ci dovremmo confrontare con una truffa conclamata come, ogni giorno, dimostrano i cosiddetti sistemi bi o tripartitici e bi o tri polari...

Credo e ritengo convintamente che il pensiero "marxiano" costituisca un ottimo strumento d'analisi delle dinamiche sociali, economiche e politiche del capitalismo in tutte le sue forme. In ultima istanza sono le condizioni materiali di esistenza a influenzare i processi istituzionali, politici e culturali e le condizioni materiali di esistenza – l'economia in ogni senso – vengono plasmate da coloro che ne detengono il controllo e la proprietà. Sono le classi e i ceti dominanti a dettare i tempi e i modi dell'organizzazione dell'economia – oggi sempre più globalizzata – e a strutturare, quindi, i rapporti sociali...

3 settembre 2014

COME PUO' UNO SCOGLIO ARGINARE IL MARE - ANCHE SE NON VOGLIO TORNO GIA' A VOLARE (Intorno a Alessandro Di Battista)

Per primissima, urgente, cosa, invito tutti a vedersi il video youtube inserito in cima alla colonna sinistra del mio blog. Stupefacente, sensazionale, agghiacciante (ma non sorprendente per noi)! L’agente del Mossad, Juval Aviv, intervistato dalla CNN, nientemeno, dichiara che l’esplosione del 7 luglio 2005 al metrò di  Londra, attribuito a due ragazzi musulmani, ovviamente incastrati (come risulta, tra le altre incongruenze, dal fatto che le foto dimostrano che la bomba, evidentemente posta in precedenza, esplose da sotto la piattaforma della carrozza e non nello zaino lasciato sul pavimento, come affermato dalla polizia),  “è facile da farsi, come abbiamo fatto NOI a  Londra”, per poi esitare e correggersi: “come è stato fatto a  Londra”.

Ora che,.a forza di urlare come carrettieri ubriachi, o come automobilisti romani inferociti dall’inerme pedone, gli sguatteri dell’imperatore hanno perso la voce, è il momento di ragionare sui fatti. Roba invisa e anche proibita agli sguatteri e praticata, a mia conoscenza, dal solo, per me esimio, Angelo d’Orsi, reperto eterodosso di intelligenza e onestà nel “manifesto”, a dispetto delle ripetute volte che ha spillato fuori dal vaso adeguandosi alle frustrazioni sinistre dei bastona-5 stelle. La sua (l’adesione furbesca ed equivoca di Pannella non conta),  e quella del vignettista Vauro, diseguale fustigatore di infamie padronali (quando non annebbiato dalla vulgata imperiale su “dittatori” e “diritti umani”), sono state, per quanto mi è dato di leggere, le uniche voci che hanno sostenuto le buone ragioni del parlamentare Cinque Stelle Alessandro di Battista, opponendo alla canea dei servi sciocchi, falsari e ignoranti, alcuni metri cubi di razionalismo.
Bravo Di Battista, coraggioso e letale per tutti gli ipocriti sinistri e i predatori della giustizia e della verità annidiati nella "comunità Internazionale".

1 settembre 2014

EPIDEMIA DI EBOLA? PROVE TECNICHE DI CONTROLLO...

Passano le stagioni e gli anni, cambiano apparentemente anche i burattini della politica che si alternano a marionette manovrate dagli stessi fili, eppure le strategie del Sistema sono sempre le medesime. Non cambiano di una virgola. A parte qualche sfumatura infinitesimale, la strategia è sempre la stessa: controllare dal punto di vista fisico, mentale ed emozionale, la popolazione intera del pianeta, o una buona fetta di essa. Come fare? 
 
E’ più semplice di quello che si possa immaginare, e lo stile di vita moderno ne è la prova lampante: respiriamo aria avvelenata (scie chimiche, inquinamento), beviamo acqua sterilizzata la cui vitalità è meno di zero, mangiamo alimenti morti, pastorizzati, pregni di chimica e adesso anche transgenici. Se tutto ciò non bastasse ci intossichiamo quotidianamente il fisico e le menti con veleni quali droghe, farmaci e vaccini. Dall’altra parte, i super controllati e potentissimi mezzi di comunicazione massa (cinema, giornali, radio e televisioni), apparentemente disgiunti, lavorano invece in sinergia col Sistema, perché si occupano di tenere distratte le menti, le intasano e ingolfano di false notizie, spacciate però per informazione, e avvelenano le anime con emozioni e sentimenti deleteri e assolutamente devianti.
Ricordiamo che il fine ultimo è il controllo dell’uomo!