Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

29 luglio 2014

UCRAINA E PALESTINA: I MASSACRI FIRMATI DA OBAMA

- Angelo Iervolino- 28 Luglio 2014 - Ieri a Gorlovka, nel Sud-Est dell’Ucraina i criminali di Kiev hanno ucciso una giovane donna e la sua bambina. Quando i media occidentali si accorgeranno di questo genocidio? Pochi giorni fa a Lugansk un altro massacro nei bombardamenti. Tutti morti da attribuire all’amministrazione Obama che sta finanziando da tempo Israele e il governo Ucraino. La strategia della morte attuata dagli Stati Uniti in molti paesi del mondo continua, una nazione al collasso economico che ha investito tutto quello che aveva in armi e quindi in morte. Il prezzo del gran baraccone tenuto in piedi da Obama lo stanno pagando i civili di molti paesi del mondo con la morte. Ovviamente per tenere un esercito di tali dimensioni qualcuno deve pagare, quindi gli Stati Uniti continuano a finanziare e provocare guerre, per giustificare le enormi spese militari alle quali i contribuenti americani sono chiamati a contribuire.
Libia e Iraq sono solo alcuni esempi degli insuccessi americani. Guerre costate milioni di vite umane. E questa sarebbe la grande democrazia che ci hanno propagandato per anni gli americani con i loro film e telefilm, è stata solo una bella propaganda “il sogno americano“, a me sembra più un incubo è una pubblicità falsa che ha funzionato male.

Attenzione, il link contiene immagini fortiLe immagini contenute in questo link sono esplicite e raffigurano scene di guerra in UcrainaE’ sconsigliata la visione ad un pubblico non adulto e facilmente impressionabile.

 https://www.youtube.com/watch?v=RAwWx2bYKnw
 https://www.youtube.com/watch?v=R5DzgQOATzI

Fonte: Le Notizie di Angelo Iervolino

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)