Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

26 luglio 2014

« SE FOSSI PALESTINESE »

Fin dal 1948, i palestinesi sono stati condannati a vivere in un'umiliazione senza fine. Non possono neanche respirare senza permesso. Hanno perduto la loro patria, le loro terre, la loro acqua, la loro liberta', ogni cosa, anche il diritto di eleggere il loro governo.
Quando votano per chi non dovrebbero, vengono puniti. Gaza ora vene punita, è diventata una trappola senza via d'uscita da quando Hamas ha vinto giustamente le elezioni nel 2006. Qualcosa di simile era accaduto nel 1932, quando il Partito Comunista ha vinto le elezioni a El Salvador: la gente espiava il suo cattivo comportamento con un bagno di sangue e da allora in poi ha vissuto sotto dittature militari. La democrazia è un lusso che non tutti meritano. I missili fatti in casa che non hanno dato scelta ai combattenti di Hamas a Gaza, sparano con una mira approssimativa verso le terre una volta palestinesi e attualmente sotto il dominio israeliano, sono nati dall' impotenza.


E la disperazione del tipo che confina con la pazzia suicida, è la madre delle minacce che negano il diritto di Israele a esistere con urla senza nessuna efficacia, mentre una guerra genocida molto efficace nega da lungo tempo il diritto della Palestina alla vita.

Resta pochissimo della Palestina. 

Passo dopo passo, Israele la sta cancellando dalla carta geografica. 
I coloni invadono, seguiti dai soldati che ridisegnano i confini. 
Le pallottole sparate per auto-difesa santificano il saccheggio. 
Nessun tipo di aggressione manca di dichiarare che il suo scopo e' di difesa. Hitler ha invaso la Polonia per evitare che la Polonia invadesse la Germania. Bush ha invaso l'Iraq per impedire che l'Iraq invadesse il mondo. 
Con ognuna delle sue guerre difensive, Israele inghiotte un altro pezzo di Palestina, e il festino continua.
 
Eduardo Galeano
 

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)