Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

24 giugno 2014

LA NUOVA MODALITA' DI INVASIONE IMPERIALE: IL TERRORISMO ISLAMICO

Si tratta di una nuova modalità strategica di invasione e conquista senza l'utilizzo delle tradizionali forze militari degli Stati Uniti e delle potenze NATO. Consiste nel lanciare operazioni con gruppi terroristici islamici, finanziati e addestrati dalla CIA per rovesciare i governi e appropriarsi di paesi con il pretesto di guerre settarie o religiose.
Di  Manuel Freytas - IAR Noticias
manuelfreytas@iarnoticias.com


I gruppi fondamentalisti che operano in Siria dal 2011, e che hanno appena fatto esplodere il controllo delle regioni in Iraq, fanno parte di una strategia volta a promuovere la divisione e lo scontro razziale e religioso tra fazioni  arabo-musulmane, delegando i compiti sporchi dell'occupazione militare a gruppi mercenari motivati ​​dal denaro, dal fondamentalismo religioso, o da entrambi contemporaneamente, che sostituiscono le forze militari imperiali convenzionali in operazioni di invasione e acquisizione di mercati e paesi.
Con questa strategia gli Stati Uniti e le potenze "alleate" acuiscono la divisione tra  
le fazioni, suscitano tensioni interne in ogni stato e aprono uno spazio per la conquista militare senza l'utilizzo di truppe militari.


Inoltre, con la nuova metodologia tentano di nascondere la loro responsabilità nei massacri di massa che organizzano per l'acquisizione dei mercati e delle risorse strategiche, principalmente di petrolio e gas, in diverse aree di conflitto in Asia, Africa e Medio Oriente.


Dopo vari fallimenti di operazioni militari in Asia, Africa e Medio Oriente, Washington, il Pentagono e le potenze alleate della NATO, hanno imparato. Così hanno deciso di non pagare più il costo umano, politico e finanziario delle occupazioni militari eseguite a viso aperto dalle loro forze regolari. Iraq e Afghanistan hanno fatto traboccare il vaso.
Miliardi di dollari di costo per il Tesoro, decadimento dell '"immagine" dell'impero locomotiva, delegittimazione, interna ed esterna delle guerre militari di conquista, hanno insegnato astrateghi del Pentagono che è meglio fare la "guerra con altri mezzi" senza esporsi o pagare i costi finanziari e politici.


In Iraq, per esempio, il finto "ritiro" delle truppe statunitensi (che conservano le loro basi e postazioni in periferia), ha fatto spazio ad una guerra civile programmata (tra sunniti, sciiti e curdi) per finire di dividere e distruggendo la resistenza irachena.

Si tratta di un piano, elaborato durante la gestione di Bush jr., orientato a tirar fuori le forze statunitensi dalla prima
 linea di fuoco, controllare il paese dalle basi militari segrete, e lasciare che gli  iracheni si distruggano a vicenda per mezzo di una sanguinosa guerra di "tutti contro tutti".

Dopo aver fallito in Siria, ora la strategia è stata proiettata di nuovo in Iraq. Il destino progettato per l'Iraq con l'attuale operazione terroristica lanciata oggi è quello della "Somalizzazione petrolifera" come hanno fatto con la Libia dopo averla distrutta attraverso la NATO.

In breve, gruppi fondamentalisti islamici, controllati dalle forze speciali della CIA e del Pentagono, che giocano insieme controllando pezzi di petrolio iracheno, e i cui beneficiari diretti sono gli Stati Uniti, l'Unione Europea e le monarchie del Golfo alleate.

E' l'obiettivo che non è riuscito in Siria. Che i musulmani si uccidano a vicenda, sembra essere la parola d'ordine della nuova strategia per l'invasione imperiale che ha avuto il suo primo esperimento in Libia con la morte di Gheddafi e la fine del suo regime, e ora cercano di proiettarla in Siria e in Medio Oriente. 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)