Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

13 febbraio 2014

L'U€: APPROVA UN NUOVO MAIS OGM

I ministri degli Affari europei dei 28 Stati membri della UE, martedì 11 febbraio, hanno approvato la coltivazione di TC1507, una nuova specie di mais geneticamente modificato, anche se 19 paesi rifiutano questa proposta.
"Non c'era la maggioranza qualificata", ha detto Evangelos Venizelos, il vice presidente del governo greco e ministro degli esteri, a nome della presidenza greca dell'UE durante il dibattito pubblico tra i ministri a Bruxelles. Tutti i 19 paesi contrari all'autorizzazione equivalgono a 210 voti, lontano dai 260 voti necessari. L'astensione di quattro membri (Germania, Belgio, Portogallo e Repubblica Ceca) e il voto favorevole di cinque paesi (Spagna, Regno Unito, Svezia, Finlandia e Estonia) hanno impedito il rifiuto della coltivazione. In conformità con le procedure stabilite, ora è il turno della Commissione Europea. Secondo le norme dell'UE in materia di OGM, nel caso non vi è una maggioranza qualificata a favore o contro un provvedimento, questo ritorna nelle mani della CE che, presumibilmente deve essere approvarlo automaticamente. Un portavoce del colosso biotech statunitense DuPont Pioneer, multinazionale che ha sviluppato il TC1507, ha detto all'agenzia di stampa AFP che stava aspettando che la Commissione a proceda "al più presto possibile per dare la sua approvazione definitiva" al prodotto.
"La 'lobby'degli OGM è molto potente", ha detto Maria Carrascosa, attivista e ambientalista della piattaforma Andalucía Libre de Transgénicos (Andalusia Libera da OGM).

Il TC1507 è presentato come un mais altamente riproduttivo e resistente agli insetti lepidotteri e alle erbacce. Si noti che l'Europa attualmente già lo importa, dal momento che il suo uso per alimenti e mangimi nel territorio UE è permesso. Se si approva anche la sua coltivazione, sarebbe il secondo mais geneticamente modificato che viene  piantato in Europa, dopo il MON810 della Monsanto. Nel 2012, secondo i dati dell'UE, il paese che più ha coltivato commercialmente il MON810 è stata la Spagna, con 116.306 ettari. Secondo i dati preliminari, nel 2013 questa cifra aveva raggiunto 137.000 ettari.

"A poche settimane dalle elezioni europee, dare questa autorizzazione è estremamente pericoloso per l'immagine dell'Unione Europea e delle sue istituzioni", ha detto il ministro francese degli Affari europei Thierry Repentin. "Questa è la decisione peggiore al momento sbagliato", ha detto il suo omologo ungherese, Enikő Győri. In un comunicato stampa dopo il voto, Győri ha descritto il fatto come un "dramma assurdo" e ha detto che nel suo paese non ci sarà nessun OGM, così come prevede la legislazione nazionale. Nel frattempo, il Commissario per la Salute e la tutela dei consumatori dell'UE, Tonio Borg, ha confermato che se il TC1507 è autorizzato, gli Stati membri possono bloccare la coltivazione nel proprio territorio.

Ministri degli Affari europei dei 28 Stati membri della UE il Martedì approvato la coltivazione di TC1507, una nuova specie di mais geneticamente modificato, anche se 19 paesi rifiutano questa proposta.

Texto completo en: http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&ie=UTF8&prev=_t&rurl=translate.google.it&sl=es&tl=it&u=http://actualidad.rt.com/actualidad/view/119685-eu-cultivo-nuevo-maiz-transgenico&usg=ALkJrhg45YOxuFLKtc0e3TsLPiOwedi6lg
Ministri degli Affari europei dei 28 Stati membri della UE il Martedì approvato la coltivazione di TC1507, una nuova specie di mais geneticamente modificato, anche se 19 paesi rifiutano questa proposta.

Texto completo en: http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&ie=UTF8&prev=_t&rurl=translate.google.it&sl=es&tl=it&u=http://actualidad.rt.com/actualidad/view/119685-eu-cultivo-nuevo-maiz-transgenico&usg=ALkJrhg45YOxuFLKtc0e3TsLPiOwedi6lg

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)