Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

27 gennaio 2014

LA REGINA E L'ECONOMISTA...

Nel novembre 2008, durante una conferenza organizzata per la regina d'Inghilterra da accademici della London School of Economics circa la debacle del mercato internazionale, la regina ha chiesto dopo aver visto i più sofisticati modelli matematici ... "e perché nessuno è stato in grado di prevedere la crisi?". Quello che ella mise in dubbio è se l'economia è davvero una scienza come proclamano gli economisti. 
Se consideriamo la storia degli ultimi due secoli, possiamo vedere che quando le istituzioni religiose hanno cominciato a perdere il controllo ideologico gli intellettuali dell'Illuminismo si sono affrettati ad adottare i principi di analisi come base per la costruzione di un ordine sociale razionale, che garantisca le migliori condizioni per l'evoluzione sociale.

Non ci volle molto per i riformatori sociali anche laici in possesso di questi principi per creare un'economia politica nello stile della scienza. Se il Medioevo fu dominato da progetti teologici per interpretare le leggi di Dio, l'epoca moderna ha puntato tutte le sue carte sulla scoperta delle leggi alla base della realtà economica per comprendere le dinamiche sociali. L'economia si trasforma così nel fondamento sociale a priori, la cui conoscenza è stata considerata essenziale per la costruzione di una società migliore. 
Questo ottimismo dell'economia politica classica si basava sulla fiducia della ragione di scoprire i meccanismi oggettivi dell'economia. Stranamente però questa obiettività, tuttavia, non sempre è stata costruita nello stesso modo.

L'economia politica liberale, per esempio, afferma l'importanza fondamentale del libero mercato. E' solo attraverso l'azione della mano invisibile del mercato che l'equilibrio sociale può essere stabilito. L'economia politica marxista, al contrario, afferma che la sfera della produzione, caratterizzata dalla contraddizione tra le forze produttive e rapporti di produzione è la chiave per comprendere il sociale.

In entrambi i casi l'obiettivo era quello di mostrare le leggi che determinano l'esito finale della storia, il momento in cui gli antagonismi sociali vengono risolti, o dalla mano invisibile del mercato o dall'imposizione della proprietà collettiva. Il problema è che per quanto fosse diverso il modo dei liberali o dei marxisti di costruire l'oggettività economica, essi condividono gli stessi problemi. Per entrambi, l'economia si presenta come un modello concettuale la cui razionalità struttura l'ordine sociale e la possibilità di emancipazione, il progresso morale e la fine della storia. L'ambizione dell'economia politica, fin dall'inizio, è stato quello di dominare l'ambiguità e la contingenza attraverso la demarcazione di leggi immutabili che consentono la trasparenza sociale al di là della politicizzazione e discussione. La politica, quindi, si riduce a un mero fenomeno secondario, al servizio delle istituzioni del potere pubblico che deve lavorare per l'interesse privato o l'interesse dello Stato.
Ciò che questa visione nasconde è la dimensione radicale che tutto il processo politico contiene. È questa dimensione radicale, rivoluzionaria e dirompente che costituisce l'intero sistema compreso lo stesso contesto sociale. Cioè, qualsiasi sistema, per il solo fatto di essere storico, è in ultima analisi arbitrario, frutto di alleanze e giochi di potere, piuttosto che determinazioni ontologiche. L'idea che un sistema sociale possa raggiungere la coerenza e l'equilibrio, senza esclusione e repressione è stato il sogno razionalista da Platone a Marx e oggi continua in Habermas (comunicazione senza distorsione) Rorty (Utopia liberale) e Fukuyama (Fine della storia).

Ciò che questo sogno ignora è che il potere e l'antagonismo sono costitutivi di ogni essere e, quindi, ineliminabili ed è per questo motivo che la premessa che bisognerebbe difendere è quella che indica che processi economici possono essere usati per l'eversione, sostituzione e ricostruzione dei poteri dominanti, piuttosto che la creazione di un modello economico reale o ultimo (anarcocapitalismo, economia mista, proprietà statale o sociale, ecc.). Il cuore di una politica radicale è la critica all'idea stessa di modello unico. E' questa logica che consente la creazione di nuove condizioni storiche, di nuovi progetti di democratizzazione sociale ed economica. Progetti basati su volontà e ideali umani piuttosto che fondamenti naturali.

Certe correnti di pensiero marxista contemporaneo o post-marxista sono caratterizzate dalla loro distanza dalla logica di necessità che si trova nel marxismo ortodosso. In Marx è stato possibile trovare le prove della logica contingente che ha usato per montare le critiche contro le concezioni naturalistiche del capitalismo che erano già in Smith e Locke e che nei tempi moderni abbiamo visto in Friedman e oggi nell'economia neo-liberista che domina e minaccia con qualsiasi tipo di calamità se le sue prescrizioni non sono seguite.
Questa logica della contingenza è possibile riconoscerla ogni volta che Marx descrive l'economia come un costrutto umano piuttosto che come un ordine sottostante in attesa di essere scoperto. Nel de-oggettivare l'economia e dimostrare che la sua realtà è il risultato di relazioni di potere che generano i suoi stessi principi di costruzione, Marx espande la dimensione del politico. Solo che, come vero figlio naturale, cercare rapidamente per ripristinare il progetto modernista con l'affermazione di una metafisica della storia soggetta alle leggi fondamentali che predicono una soluzione finale. Il politico brilla e questa brillantezza, per intermittente che sia, è sufficiente affinché non si spenga completamente. La storia dell'immaginazione marxista è stata caratterizzata da questa continua oscillazione tra la ricerca della certezza e della sua negazione dell'azione politica.

La critica all'approssimazione naturalistica dell'economia, come dice il critico Glyn Daly, la troviamo anche in Weber, Simmel, Polanyi, Keynes, Agrieta, Lipietz e Boyer, tra gli altri. La stabilità economica, secondo essi, dipende da regole sociali che vanno al di là dell'economia stessa. In misura diversa, tutti dicono che l'economia non può essere considerata come un ordine autonomo, chiuso, ma va considerata in termini contestuali e discorsivi. Ed è questo approccio che ha permesso lo sviluppo di un'economia politica radicale che nega il carattere naturale di qualsiasi politica economica o di identità sociale, una politica che mette a nudo i diversi sistemi economici che cercano di nascondere il fatto che non esiste alcun fondamento o ultima essenza che determina la realtà sociale.

La chiusura di ogni sistema sociale è un effetto puramente storico o artificiale perché ogni sistema è un costrutto di potere che poggia sulla repressione degli altri, di coloro che sono percepiti come antisistema. Non è che i sistemi sociali non hanno fondamenta, il fondamento esiste, ma solo come un confine storico tra forze antagoniste. Ogni sistema è caratterizzato da una violenza originale che cerca di stabilire una coerenza territoriale e la violenza del sistema cerca sempre di giustificarsi facendo riferimento a un principio esterno.
Destino, Divinità, Progresso, Civiltà, Democrazia, o quello che è lo stesso, richiamando alcuni misteriosi agenti soprannaturali o principi storici o naturali che coprono il carattere puramente politico della loro esistenza. La relativa stabilità o l'instabilità di qualsiasi organizzazione sociale è qualcosa che non può essere determinato in anticipo, perché sempre dipenderà dal tipo di impegno politico che esiste all'interno le circostanze in cui si verifica. Ciò che è trans-storico è il fatto che ogni sistema può essere, in linea di principio, sovvertito permettendo un'eterna politicizzazione. Ed è questa prospettiva che offre alla sinistra l'opportunità di sviluppare un approccio più democratico e progressista nelle pratiche socio-economiche confrontate con i discorsi economico-politici più tradizionali.

E come sarebbe il progetto di una trasformazione economica radicale? In un mondo globalizzato, anziché respingerlo, la sinistra dovrebbe lavorare con la logica della globalizzazione per sovvertirla e radicalizzarla. Nuove aperture e lforme di lotta contro i tentativi di dominazione globale delle imprese sono sempre possibili per promuovere una visione alternativa che va oltre la semplice concentrazione e massimizzazione del profitto. Una visione che cerchi di aumentare la libertà e l'uguaglianza come principio socio-economico prioritario. Il linguaggio libertario del neoliberalismo deve essere sovvertito in direzione dell'uguaglianza universale. La libertà che celebra il capitalismo consumista postmoderno può avere senso solo se la società è disposta a fornire risorse a tutti i membri in modo che possano partecipare a queste libertà, se è disposta a garantire la piena partecipazione alla cosiddetta società del consumo.

Per raggiungere questo si richiede, ovviamente, un approccio differente.
Considerate solo questo ... le prime duecento multinazionali sono ormai così grandi che le loro vendite superano le economie di 182 paesi e hanno quasi il doppio della potenza economica dei quattro quinti delle persone più povere del mondo. Delle cento più grandi economie del mondo, cinquantadue sono ora le multinazionali ... 447 miliardari hanno una ricchezza più grande del reddito di metà dell'umanità. 


Le tre persone più ricche del mondo hanno beni che superano il prodotto interno lordo di 48 paesi. (“Institute for Policy Studies, Washington, DC” and “1999 UN and Human Development Index Annual Report” che fino ad oggi non è cambiata in modo sostanziale). Non è questa grottesca concentrazione economica quella che rivela il capitalismo come un sistema profondamente antidemocratico? Un sistema che deve essere sostituito da un altro? 
Si potrebbe facilmente utilizzare la stessa retorica neoliberista della libertà contro il neoliberismo esistente ... l'affermazione della libertà al plurale, espandere e partecipare in luoghi dove vengono prese le decisioni economiche, per moltiplicare e democratizzare gli spazi di rappresentanza e per radicalizzare e riconfigurare quelli già esistenti nell'interesse di sviluppare efficacemente meccanismi di partecipazione.

La riconciliazione ultima delle contraddizioni o il sogno di armonia è un fine illusorio perché il momento della completa simmetria non arrivano mai. Con quello che siamo stati eternamente e con processi di costituzione e di disfacimento sociale dove i confini del sociale dipendono sempre dalle negoziazioni e fluttuazioni del potere. Repressione e potere non possono essere sradicati. Per la sinistra, questo significa l’adozione di un’attività politica di certo paradossale e, sia il suo rinnovamento che la sua creatività dipenderanno da come si mantiene la tensione tra l’uno e l’altra.

Invece di trovare l’ultimo fondamento economico per la costruzione della società ideale e armonica che chiuda/concluda la storia, noi rimaniamo – dopo tutto – con il sospetto che ciò non sia possibile….nè tanto meno, desiderabile.

http://www.surysur.net/2014/01/la-reina-y-el-economista/

Tradotto per Mercato Libero

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)