Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

4 dicembre 2013

MONSANTO, IL TTP E LA DOMINAZIONE GLOBALE DEL CIBO

I PROFITTI PRIMA DELLE PERSONE
"Controlla il petrolio e controllerai le nazioni", disse il Segretario di Stato Henry Kissinger negli anni settanta. "Controlla il cibo e controllerai la gente".
Il controllo globale degli alimenti è stato quasi raggiunto, riducendo la diversità dei semi con sementi OGM (geneticamente modificate) che vengono distribuite solo da poche imprese transnazionali. Ma questo programma è stato implementato con un grave costo per la nostra salute, e se viene approvato il Trans-Pacific Partnership (TPP), il controllo non solo sul nostro cibo, ma sulla nostra salute, il nostro ambiente e il nostro sistema finanziario, saranno nelle mani delle multinazionali.

I profitti prima delle popolazioni
L'ingegneria genetica ha permesso la proprietà di semi brevettati da cui dipende l'approvvigionamento alimentare del mondo. I geni "Terminator" rendono possibile la produzione di semi sterili, utilizzando un catalizzatore chimico sintetico chiamato opportunamente "Traditore" per indurre la sterilità nei semi. Quindi, gli agricoltori devono comprare i semi anno dopo anno dai proprietari dei brevetti. Per coprire tali costi, i prezzi alimentari sono aumentati, ma il danno è molto maggiore di quello causato ai nostri portafogli.
Secondo un'intervista di  Acres USA del fitopatologo Don Huber, professore emerito presso la Purdue University, due tratti modificati rappresentano praticamente tutte le colture geneticamente modificate coltivate nel mondo di oggi. Uno riguarda la resistenza agli insetti. L'altra modifica, più preoccupante, comporta l'insensibilità  agli erbicidi a base di glifosato. Spesso conosciuto come Roundup, nome del prodotto più venduto della Monsanto, il glifosato avvelena tutto sul suo cammino, tranne le piante geneticamente modificate per resistergli.
Gli erbicidi a base di glifosato sono ora i più comunemente utilizzati nel mondo. Il glifosato è un partner essenziale degli OGM, che sono l'attività principale della crescente industria biotecnologica. Il glifosato è un erbicida "ad ampio spettro" che distrugge indiscriminatamente, non uccidendo direttamente le piante indesiderate, ma bloccando l'accesso ai nutrienti essenziali.

A causa del modo subdolo con cui opera, è stato venduto come un sostituto relativamente benigno rispetto ai precedenti e devastanti erbicidi a base di diossina. Ma numerosi dati sperimentali hanno dimostrato che il glifosato e gli alimenti OGM che lo incorporano pongono seri rischi per la salute. Ad aggravare il rischio è la tossicità degli ingredienti "inerti" utilizzati per rendere il glifosato più potente. I ricercatori hanno visto, per esempio, che il tensioattivo POEA può uccidere le cellule umane, in particolare le cellule staminali embrionali, placentari e del cordone ombelicale. Ma questi rischi sono stati convenientemente ignorati.

L'uso diffuso di alimenti OGM ed erbicidi al glifosato aiuta a spiegare l'anomalia degli Stati Uniti che spendono più del doppio pro-capite per l'assistenza sanitaria rispetto alla media dei paesi sviluppati, eppure è valutato in fondo alla scala delle popolazioni più sane del mondo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità classifica gli Stati Uniti ultimi tra le 17 nazioni sviluppate nella salute generale.
Tra il 60 e il 70 per cento degli alimenti nei supermercati degli Stati Uniti sono oggi geneticamente modificati. Al contrario, in almeno altri 26 paesi, tra cui la Svizzera, Australia, Austria, Cina, India, Francia, Germania, Ungheria, Lussemburgo, Grecia, Bulgaria, Polonia, Italia, Messico e Russia, gli OGM sono stati vietati o parzialmente proibiti, e in una sessantina di altri paesi vi sono notevoli restrizioni sugli OGM.
Il divieto dell'uso di OGM e glifosato potrebbe andare lontano nel migliorare la salute degli americani. Ma il Trans-Pacific Partnership, un accordo commerciale globale a cui l'amministrazione Obama ha chiesto l'uso del Fast Track, bloccherebbe quel tipo di attenzione concentrata nella causa, prima della crisi dell'assistenza sanità. 

Gli effetti insidiosi del Roundup 

Le colture resistenti al Roundup sfuggono alla morte per glifosato, ma non evitano l'assorbimento nei loro tessuti. Le colture che tollerano gli erbicidi hanno livelli notevolmente più elevati di residui di erbicidi di altre colture. In realtà, molti paesi hanno dovuto aumentare i loro livelli legalmente consentiti fino a 50 volte, per accomodare l'introduzione di colture OGM. Nell'Unione Europea, i residui negli alimenti aumenteranno di 100-150 volte se viene approvata una nuova proposta di Monsanto. Nel frattempo, le "super-erbacce" tolleranti agli erbicidi si sono adattate al prodotto chimico, richiedendo dosi ancora più tossiche e nuovi prodotti chimici tossici per ucciderle.


Gli enzimi umani sono influenzati dal glifosato nello stesso modo degli enzimi vegetali: il prodotto chimico blocca l'assorbimento di manganese ed altri minerali essenziali. Senza questi minerali, non siamo in grado di metabolizzare adeguatamente il nostro cibo. Questo aiuta a spiegare l'epidemia di obesità dilagante negli Stati Uniti. La gente mangia e mangia nel tentativo di acquisire le sostanze nutritive che semplicemente non sono contenute negli alimenti.
Secondo i ricercatori Samsell e Seneff  in Biosemiotic Entropy: Disorder, Disease, and Mortality (Abril de 2013):
Inibizione da glifosato degli enzimi citocromo P450 (CYP) è una componente trascurata della sua elevata tossicità per i mammiferi. Gli enzimi CYP svolgono un ruolo cruciale nella biologia ... L'impatto negativo sul corpo è insidioso e si verifica lentamente nel tempo, l'infiammazione danneggia i sistemi cellulari in tutto il corpo. Le conseguenze sono la maggior parte delle malattie e condizioni associate ad una dieta occidentale, tra cui disturbi gastrointestinali, obesità, diabete, malattie cardiache, depressione, autismo, sterilità, cancro e il morbo di Alzheimer.
Oltre 40 malattie sono state collegate all'uso del glifosato, ed altre continuano a comparire. Nel settembre 2013, l'Università Nazionale di Rio Cuarto, in Argentina,  pubblicò le sue conclusioni su come il glifosato migliora la crescita di funghi che producono l'aflatossina B1, una delle sostanze più cancerogene. Un medico del Chaco, in Argentina, ha dichiarato all'Associated Press: "Siamo passati dall'avere una popolazione abbastanza sana ad un'altra con un alto tasso di cancro, difetti congeniti e malattie mai viste prima". Lo sviluppo di funghi è aumentato significativamente nel raccolto di mais degli Stati Uniti.
Il glifosato ha causato gravi danni ambientali. Secondo un rapporto di ottobre 2012 presso l'Istituto di Scienza nella società:
Le affermazioni dell'agroindustria dicono che il glifosato e le coltivazioni tolleranti ad esso, aumentando i profitti per gli agricoltori e beneficiano l'ambiente riducendo l'uso di pesticidi. La situazione è esattamente il contrario ... L'evidenza indica che gli erbicidi al glifosato e le colture tolleranti ad esso, hanno avuto effetti molto negativi, come le super erbacce resistenti al glifosato, agenti patogeni virulenti delle piante (e animali), sulla salute e riduzione delle colture, danni alle specie che non ne erano il bersaglio, dagli insetti agli anfibi e animali, così come la riduzione della fertilità del suolo.
La politica trionfa sulla scienza

Alla luce di queste conclusioni avverse, perché Washington e la Commissione Europea hanno continuano a sostenere il glifosato come sicuro? I critici sottolineano le normative permissive, una forte influenza di lobbisti corporativi e un programma politico che ha più a che fare con il potere e il controllo che con la tutela della salute delle persone.

Nel libro Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation, pubblicato nel 2007, William Engdahl afferma che il controllo alimentare globale e la depopolazione sono diventate la politica strategica degli Stati Uniti sotto il protetto dei Rockefeller, Henry Kissinger. Insieme con la geopolitica del petrolio, dovevano essere la nuova "soluzione" alle minacce al potere globale degli Stati Uniti e la continuità di accesso degli Stati Uniti alle materie prime a buon mercato del mondo in via di sviluppo. In linea con questo ordine del giorno, il governo ha mostrato estrema parzialità in favore dell'agroindustria biotecnologica, optando per un sistema in cui il settore si monitora "volontariamente". Gli alimenti bio-ingegnerizzati sono trattati come "additivi alimentari naturali", senza richiedere alcun test speciale.

Jeffrey M. Smith, direttore esecutivo del Institute for Responsible Technology conferma che la politica della Food and Drug Administration (FDA, il suo acronimo in inglese) consente alle aziende biotech di determinare se i loro alimenti sono sicuri. La presentazione dei dati è del tutto facoltativo. E conclude:
Nel settore critico della ricerca sulla sicurezza alimentare, l'industria biotech non deve rendere conto, non esistono norme o revisioni paritarie. Hanno convertito la scienza basata su dati errati in una scienza.
Che la depopolazione sia intenzionale o no nell'agenda, l'uso diffuso di OGM e glifosato sta avendo questo risultato. Le proprietà endocrine dannose del glifosato sono state collegate a sterilità, aborti, malformazioni congenite e arresto dello sviluppo sessuale. Negli esperimenti russi, gli animali nutriti con soia OGM erano sterili dalla terza generazione. Grandi quantità di terreni agricoli sono stati sistematicamente rovinati dalla morte di microrganismi benefici che permettono alle radici delle piante l'assorbimento di nutrienti.
Nel documentario rivelatore da Gary Null Seeds of Death: Unveiling the Lies of GMOs (Semi di Morte: Svelare le menzogne ​​degli OGM), il Dr. Bruce Lipton avverte: "Stiamo conducendo il mondo verso la sesta estinzione di massa della vita su questo pianeta ... Il comportamento umano sta rovinando la rete della vita".

Il TPP e il controllo Corporativo internazionale

Poiché i risultati devastanti di questi e di altri ricercatori risvegliano le persone in tutto il mondo dai pericoli del Roundup e di alimenti OGM, le multinazionali lavorano febbrilmente con l'amministrazione Obama per attuare il Fast Track (via rapida, N.d.T.) del Trans-Pacific Partnership, un accordo commerciale che priverebbe i governi del potere di regolamentare le attività aziendali transnazionali. I negoziati sono stati tenuti segreti al Congresso, ma non ai consulenti aziendali, di cui 600 sono stati consultati e conoscono i dettagli. Secondo Barbara Chicherio in Nation of Change:
L'accordo di partenariato Trans-Pacifico (TPP) ha il potenziale per diventare il più grande accordo regionale di libero scambio nella storia ...
Il capo negoziatore statunitense è l'ex lobbista della Monsanto, l'Islam Siddique. Se fosse ratificato il TPP imporrebbe regolamenti che conferiscono alle multinazionali diritti senza precedenti per chiedere il risarcimento con fondi pubblici per le politiche che le aziende ritengono un ostacolo per i loro profitti.
... Stanno creando accuratamente il TPP per garantire che i cittadini dei paesi coinvolti non abbiano alcun controllo sulla sicurezza alimentare, su cosa mangiano, cosa si coltiva, le condizioni in cui il cibo è coltivato e l'uso di erbicidi e pesticidi.
La sicurezza alimentare è solo uno dei molti diritti e tutele che possono soccombere a questa super-arma di controllo societario internazionale. In una dichiarazione nel mese di aprile 2013 per The Real News Network, Kevin Zeese chiamato il TPP  "NAFTA con steroidi" e "colpo di stato aziendale globale." Ha avvertito:
Non importa quale sia il tema di cui vi preoccupate - se suoi salari, i posti di lavoro o la tutela dell'ambiente. . . questo argomento sta andando ad incidere negativamente ...
Se un paese fa un passo per cercare di regolamentare il settore finanziario o costituire una banca pubblica per rappresentare l'interesse pubblico, può essere citato in giudizio. . . .
Ritorno alla natura: non è troppo tardi 

Esiste un modo più sicuro, più compatibile con il pianeta per alimentare le nazioni. Mentre la Monsanto e le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti impongono coltivazioni OGM alle famiglie americane, le famiglie russe mostrano cosa si può fare con i metodi agricoli sostenibili in semplici e piccoli orti. Nel 2011, il 40% degli alimenti in Russia è stato coltivato in dacie (case di campagna o lotti di campo). Gli orti nelle dacie hanno prodotto oltre l'80% di frutta e fragole, lamponi e more del paese, oltre il 66% di ortaggi, quasi l'80% delle patate e circa il 50% del latte della nazione, consumato gran parte crudo. Secondo Vladimir Megre, autore del bestseller Ringing Cedars Series:
In sostanza, ciò che gli ortolani russi hanno dimostrato è che gli ortolani possono sfamare il mondo - e che non c'è bisogno di OGM, allevamenti intensivi, o qualsiasi altro trucco tecnologico per garantire che tutti abbiano abbastanza cibo necessario. Si consideri che la Russia ha solo 110 giorni di stagione di crescita per anno - per cui negli Stati Uniti, ad esempio, la produzione degli ortolani potrebbe essere significativamente più alta.  Oggi, tuttavia, la superficie occupata da prati negli Stati Uniti è due volte superiore a quella dei giardini della Russia - e non produce nulla di più che un'industria per la cura del prato e milioni di dollari.
Negli Stati Uniti, solo uno 0,6% della superficie agricola totale è dedicata all'agricoltura biologica. Questa zona dovrebbe essere notevolmente ampliata, se vogliamo evitare "la sesta estinzione di massa". Ma prima, dobbiamo esortare i nostri rappresentanti per fermare il Fast Track, votare no al TPP, e richiedere l'eliminazione globale di erbicidi a base di glifosato e alimenti OGM. La nostra salute, le nostre finanze e il nostro ambiente sono in gioco.


Fonte: Web of Debt


Traduzione per TLAXCALA a cura di Alba Canelli

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)