Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

8 novembre 2013

UN PAESE DI RETI UNIFICATE

Scrive Hannah Arendt che in certe forme pervertite di agire politico attraverso pressioni, influenze e trucchi di cricche, può succedere che vengano alla ribalta persone che non sanno di nulla e non s’intendono di nulla. E’ una pagina della famosa Vita Activa, testo capitale della filosofia politica del Novecento. Siamo nel lontano 1958 quando la filosofa ebrea traccia queste pagine: eppure somigliano tanto all’Italia di oggi: quella che si aggira, come un gigantesco vampiro, nei salotti televisivi. Una cricca di psicologi, criminologi, politici , imprenditori e giornalisti recita una sorta di rosario a testo unico. Un messaggio ripetuto a reti unificate compone a tamburo battente una sorta di Grande Opinione. Sottrarsene è mera illusione. 
La Grande opinione si forma secondo un meccanismo semplice: ripetere ovunque si può lo stesso identico messaggio. Ecco allora la Santanchè deplorare la sentenza contro la vistosa condotta morale di Berlusconi a Rai 1, 2 e 3. Poi riapparire da Santoro, sgusciare dalla Gruber, ululare da Formigli, baccagliare da Floris. 


Per dire che? La solita melassa confezionata dalla propaganda del Pdl sulla libertà morale di Berlusconi. Sono finiti i tempi della chomskiana manipolazione del consenso: al paese depauperizzato si spaccia la droga di una parola che non ha più nessun valore. E che dunque non richede il patto implicito del consenso. La Grande opinione è il prodotto storico di una società di massa in cui la parola ha perso il suo carattere originario di generare lo spazio del potere, l’infra tra gli uomini e le donne, demolendo la sfera pubblica. Demiurghi di questa operazione di chirurgia sociale sono giornalisti in quota a tutti i partiti dell’arco costituzionale che con la bocca predicano contro la Casta e con la mano afferrano lauti stipendi. 

Alla faccia del paese che pretendono di raccontare. Che differenza c’è tra una trasmissione di Floris e una di Formigli o di Santoro? Nessuna. Stessi ospiti e stessi temi danzano come un valzer per tutto l’etere. E mentre l’Italia annega nel blah blah della televisione a reti unificate, la sinistra che fa? Ammesso che ne esista una, cerca l’uomo nuovo. E se oggi il Vate si chiama Renzi non c’è da escludere che un domani possa candidare anche Fonzie.
di Stefania Pavone*

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)