Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

4 luglio 2013

LA GRAN BRETAGNA SVILUPPA UNA NUOVA GENERAZIONE DI "ROBOT ASSASSINI"

La Gran Bretagna è pronta a sviluppare una nuova generazione di "robot assassini" per proteggere le proprie truppe sul campo di battaglia, ha detto il ministro degli Esteri. Alistair Burt, il cancelliere conservatore del Regno Unito, ha detto che la nuova tecnologia è un "passo avanti" rispetto ai veicoli senza pilota utilizzati attualmente in Afghanistan, perché questi robot sono in grado di selezionare e uccidere i suoi "obiettivi", vale a dire, esseri umani.

Nel corso di un dibattito alla Camera dei Comuni, il ministro degli Esteri ha accettato (a parole) le preoccupazioni sollevate dai membri sul fatto che la tecnologia ha potenzialmente "terribili" implicazioni. Tuttavia, il ministro ha detto che il Regno Unito ha un "obbligo" verso le "persone che ci proteggono" e "si riserva il diritto" di sviluppare questa tecnologia.

Burt ha avvertito che il Regno Unito non si unirà alle Nazioni Unite per chiedere un divieto totale di questa tecnologia e ha sostenuto che i droni assassini saranno sempre sorvegliati da un essere umano.

La Gran Bretagna ha già sviluppato veicoli d'attacco in grado di operare senza controllo umano. Taranis, l'aereo senza pilota che porta il nome del dio celtico del tuono, può volare più veloce della velocità del suono e selezionare automaticamente bersagli. Il 'dio celtico' richiede l'autorizzazione di un controllore umano solo quando attacca un bersaglio. Il velivolo, che sarà utilizzato nel Nord Africa, ha fatto il suo primo volo all'inizio di quest'anno.

Nel frattempo, i laburisti hanno obiettato che tale tecnologia potrebbe creare un "vuoto" legale e morale. Il deputato laburista Nia Griffith ha detto: "Potrebbero essere 'hackerati' o sequestrati, magari usati contro lo Stato, oppure possono fallire con conseguenze fatali."

Fonte: RT.com

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)