Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

13 marzo 2013

GRILLO: "L'Italia è già fuori dall'€uro!"

Il leader del Movimento 5 Stelle lo dice in un'intervista al quotidiano economico tedesco Handelsblatt. I paesi del Nord Europa manterranno l'Italia nell'Euro "finché non riavranno gli investimenti". Dopo "ci lasceranno cadere come una patata bollente".

FRANCOFORTE - "L'Italia de facto è già fuori dall'euro". Queste le parole di Beppe Grillo al quotidiano economico tedesco Handelsblatt, in un'intervista esclusiva.

CI LASCERANNO "COME UNA PATATA BOLLENTE". Secondo il leader del Movimento 5 Stelle, il Belpaese non rimarrà a lungo nell'Eurozona. I Paesi del nord Europa sosterranno l'Italia, solo "fino a quando gli investimenti delle loro banche nei titoli di Stato italiani saranno recuperati. Poi ci lasceranno cadere come una patata bollente", ha detto il comico genovese.

 REFERENDUM ONLINE PER L'EURO. Grillo poi ha suggerito un referendum per l'Euro: non deciderebbe "da solo" l'uscita dalla valuta, ma con "un referendum online". Così come fatto come per il trattato di Lisbona. Tutti questi, dice poi Grillo "sono temi "di cui non si è tenuto conto nella Costituzione".

L'ATTACCO A MONTI. Non mancano poi le critiche al presidente del Consiglio, Mario Monti: è "un amministratore fallimentare per conto delle banche. Invece di tagliare i redditi più alti e le spese statali, ha invece vessato i cittadini con tasse più alte".

"PIU' DEMOCRAZIA". Grillo però non si vede antieuropeo. "L'Europa non deve avere paura", ma serve un cambio netto e "più democrazia". Il suo partito? "E' la rivoluzione francese". Ecco perché l'Europa ha bisogno di un "piano B". "Dobbiamo chiederci: che cosa ne è dell'Europa? Perché non abbiamo una politica comune sull'informazione, sulle tasse, sull'immigrazione? Perché si è arricchita solo la Germania?"


Fonte: http://www.tg1.rai.it/

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)