Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

27 febbraio 2013

RATTI SULL'ORLO DI UNA CRISI DI NERVI

La nostra società è governata da psicopatici per obiettivi demenziali. Credo che siamo governati da maniaci per scopi maniacali e penso che rischio di essere eliminato come pazzo per dire queste cose. Ecco il grado di pazzia che ci circonda. (John Lennon) 
Libere elezioni di padroni non abolisce nè i padroni, nè gli schiavi. (Herbert Marcuse) 
Se non conosci la storia, no conosci niente. Sei una foglia che non sa di essere parte di un albero. (Michael Crichton)
La notizia del giorno, della settimana, dell’anno, è che il terrorismo praticato da Usa, UE e petrodittatori del Golfo attraverso l’uso di lanzichenecchi invasati infiltrati, drogati, armati e mandati a fare stragi che perpetuino un assalto alla libera Siria fallito sul piano del confronto politico e militare, è riuscito a mettere in imbarazzo i suoi stessi mandanti. Le cinque autobombe fatte esplodere il 21 febbraio a Damasco, in mezzo alla gente, davanti a sedi istituzionali, scuole e ospedali, hanno davvero denudato il re, costringendo perfino il palafreniere dei cavalieri dell’apocalisse, Ban Ki moon, e il suo commesso viaggiatore Brahimi, a prendere le distanze e a dimostrarsi inorriditi. Sarebbero questi macellai, la cui mattanza illumina anche le innumerevoli altre stragi e devastazioni compiute in questi due anni di guerra coloniale alla Siria e che il verminaio mediatico occidentale tentava di attribuire, al di là di uragani di prove inconfutabili, a Bashar el Assad e all’esercito patriottico, i rivoluzionari onorati dall’unanimità destra-sinistra in Occidente della qualifica, prima, finchè era possibile occultarne i crimini, di pacifici dimostranti e, poi, di combattenti per la democrazia e i diritti umani. Degli ultimi sviluppi su quel fronte parleremo più avanti.


Ratti e serpenti contro compagni e patrioti
Ma la perfidia dei nemici della Siria non si limita alle inenarrabili atrocità compiute sul terreno, con le quali si cerca di disintegrare la Siria per consegnarne le macerie al mostro bifronte salafita-imperialista. Il patriota siriano che, all’estero, s’impegna a diffondere le verità negate dal servilismo dell’informazione prona ai diktat degli interessi coloniali, che mobilita consenso e appoggio alla difesa del popolo siriano e della sua sovranità e autodeterminazione, avendo ben presente i genocidi compiuti in Libia e Iraq, deve guardarsi dagli attacchi brutali degli stessi ratti e, in più, da quelli subdoli di nemici più infidi che si pretendono dalla parte del legittimo governo siriano.

Ne ho avuto esperienza personale, quando sono stato subissato da contumelie e calunnie perché avevo denunciato l’infiltrazione, tragicamente squalificante, nel movimento di sostegno alla Siria di spuri elementi di estrema destra, perfino dichiaratamente fascisti e nazisti. Dalla volontà di forze di sinistra, autenticamente, e non strumentalmente, antimperialiste e di tanti siriani che considerano grottesca e controproducente una solidarietà con la Siria da parte degli eredi del sanguinario colonialismo di Mussolini e Graziani, è sorta una mobilitazione contro l’aggressione imperial-feudale dai caratteri limpidi, coerenti con la battaglia che il popolo siriano conduce contro il fascismo settario e contro l’imperialismo dei serial killer occidentali. Le migliori iniziative pubbliche, senza ombre di strumentalizzazione di amici del giaguaro rosso-bruni, sono state allestite in Italia da questi compagni, riuniti nel Comitato contro la guerra e nel Comitato Giù le mani dalla Siria di Milano.


Grande è il fastidio che devono aver dato questi unici rappresentanti di una solidarietà non compromessa da strumentali ricerche di consenso politico, da parte di elementi che con la lotta per la libertà e l’autodeterminazione non hanno storicamente e ideologicamente nulla da spartire. Elementi sedicenti filo-siriani che si dividono con i ratti della controrivoluzione in Italia il compito di denigrare, diffamare e, nel caso dei ratti, assalire fisicamente, gli esponenti dei comitati citati. Il 13 dicembre scorso. In occasione dell’incontro “Siria: l’informazione, la verità, le bugie”, organizzato al Centro Scaldasole dal “Comitato di sostegno al popolo siriano”, combriccola  di sostenitori dei terroristi Nato-Qatar-Saudia, una signora di mezza età è stata buttata a terra da uno degli organizzatori per aver denunciato la pratica di filtrare, attraverso bigliettini, le domande gradite da quelle sgradite. Successivamente, ogni iniziativa dei compagni per la Siria è stata preceduta da minacce e campagne di insulti.  

L’ultimo di una serie di episodi si è verificato il 10 febbraio, in occasione di un’iniziativa per la Siria di questi comitati al CIP di Sesto San Giovanni. Una quindicina di energumeni di quell’ ”opposizione” siriana che è stata messa in campo dagli sterminatori di popoli liberi, hanno fatto irruzione nell’assemblea sventolando la bandiera del mandato francese sulla Siria (ricordate la bandiera monarco-colonialista dei ratti libici?), cercando di terrorizzare fisicamente i presenti e arrivando a minacciare di morte Osama Saleh, uno dei protagonisti siriani del riscatto della solidarietà alla Siria dalla contaminazione fascista. Minacce di morte già lanciate in precedenti occasioni in rete, con tanto di pubblicazione delle foto e dei recapiti di Osama. Ovviamente, né Osama, né il pubblico si sono fatti intimidire. Gli aggressori sono stati allontanati, non senza aver tentato prima di spaccare una vetrata, salvo due che, pur continuando a lanciare provocazioni, hanno aderito all’invito di Osama per un democratico scambio di interventi.

L’aspetto più desolante, su un piano anche etico, è stato però una serie di comunicati sull’accaduto da parte di quell’estrema destra autoproclamatasi filo-siriana che va sotto il nome di “Comitato Italia-Siria” e che si arroga la rappresentanza di una cosiddetta “Comunità siriana”, purtroppo con il consenso di alcune fuorviate autorità siriane e di paesi alleati della Siria. Facendo strumentalmente leva anche su un’ infelice dichiarazione dei pacifinti del gruppo “No war” di Napoli, sotto la quale figurava anche la firma di chi a Napoli si chiama anch’esso “Giù le mani dalla Siria”, in cui  si affermava la formula di rito Cia :”Non c’è dubbio che Bashar el Assad, come ieri Gheddafi e Saddam, si è macchiato di crimini verso il proprio popolo” (questi “No War”, perenni cerchiobottisti sulle imprese dell’imperialismo, non ti risolvono ma il dubbio se siano solo utili idioti, o veri amici del giaguaro), questa destra ha dato il suo contributo al tentativo di liquidare ogni autentica e limpida solidarietà alla Siria. Non poteva mancare, nel loro lavoro di diffamazione, l’argomento principe di tutti i polemisti senza argomenti: l’accusa di malversazioni finanziarie, formulata con la domanda retorica su quale destinazione avessero le “raccolte di fondi fatte da Giù le mani dalla Siria” di Milano. Allusione mefitica, ma basata sul nulla, dato quelle raccolte di fondi non sono mai avvenute.


Quanto è avvenuto e quanto ho qui ripreso dai comunicati dei compagni di Milano non va preso sottogamba. Ratti di varia denominazione, infiltrati o travisati siriani, pseudo-filoplalestinesi, sinistre sinistrate, detriti trotzkisti vari, tutti in sintonia con gli esportatori di democrazia a forza di genocidi, si trovano in fattiva unità d’intenti con fascisti sedicenti sostenitori della Siria di Assad, nel tentativo di soffocare chi per la Siria libera, sovrana, antimperialista in Italia si batte sulla base di principi politici e ideali corretti. E’ necessario e urgente che i tantissimi che denunciano l’aggressione imperialista e le sue menzogne, senza equivoche solidarietà fondate su ideologie in contrasto ontologico con le posizioni assunte dalla Siria fin dalla rivoluzione del Baath (e ribadite nei giorni scorsi, a scorno dei fascisti e dei sinistrati, dal Partito Comunista Unito di Siria), si facciano sentire e facciano chiarezza su chi sta con la Siria e chi ciurla nel manico.

Sosteniamo le iniziative dei compagni di “Giù le mani dalla Siria”, denunciamo le manovre di ratti e fascisti, facciamo crescere un movimento contro la guerra e a fianco della Siria del presidente Assad che non sia inquinato da elementi infiltrati i quali, dai famigerati Nazimaoisti e altri estremisti di destra “antisistema” a oggi,.qualsiasi siano le parole d’ordine conclamate, lavorano di conserva con servizi e forze impegnati contro la libertà, l’autodeterminazione, la giustizia sociale, la sovranità, di classi e popoli.

Intanto in Siria e dintorni…

Le cinque autobombe contro obiettivi istituzionali e civili, compresa l’ambasciata russa, danneggiata, che hanno provocato un centinaio di morti e centinaia di feriti e mutilati, hanno coronato, per ora, una successione di orrori terroristici che, partita dalle prime manifestazioni dell’opposizione, nelle quali subito si erano infiltrati cecchini che sparavano su folla e polizia, si è poi snodata in un’agghiacciante serie di atrocità contro civili, di distruzioni o furti di infrastrutture vitali, di attrezzature industriali e di raccolti e depositi di viveri, di taglio dei rifornimenti idrici, di devastazioni urbane. Sistematicamente battuti sul fronte militare da un esercito patriottico rimasto saldo e unito al popolo durante i ben due anni di aggressione con  mezzi, armi e  fondi forniti dall’imperialismo per abbattere l’ultima nazione araba libera, ai mercenari rastrellati da altri scenari di destabilizzazione alimentati da Occidente e despoti arabi alleati, è stato assegnato il compito di esercitare terrorismo puro. Messa in difficoltà da quanto perfino certa stampa internazionale non se la sentiva di occultare, costretta dall’evidenza solare di tale terrorismo, ostacolata sul piano dell’intervento diretto Nato dal rischio di perdite e disfatte per mano delle forze armate siriane, bloccata dal persistente sostegno della Russia alla Siria di Assad, come anche di grandi paesi del Sud, smascherata dalla cattura in Siria di centinaia di combattenti turchi, libici, marocchini, ceceni, l’aggressione ha dovuto ricorrere ad altre carte.

Il terrorismo, alimentato in particolare dall’Arabia Saudita nelle sue formazioni più estreme, come il Fronte Al Nusrah, dichiaratamente stragista, pare però gradualmente sfuggire al controllo dei cospiratori occidentali e indirizzarsi su una linea di totale autonomia, in contrasto con le strategie e le  mire di Usa e Nato. A costoro, il sempre più evidente utilizzo di jihadisti Al Qaida contro la Siria, in parallelo con quello del Mali finalizzato all’intervento francese e Usa nella regione e dopo che le stesse bande hanno ridotto la Libia in un mattatoio di tutti contro tutti, non poteva, nel quadro di una proclamata guerra mondiale contro Al Qaida e terrorismo islamico, non causare forti imbarazzi. Si è così arrivati al tentativo di attivare un tavolo diplomatico.


In netto contrasto con  le maggiori forze terroristiche sul terreno, Al Nusrah in testa, a Doha il capo della Coalizione delle Opposizioni messa in piedi l’anno scorso su pressione Usa, Muaz al Khatib, si è pronunciato, fatto inedito per l’opposizione, per un dialogo con il governo siriano, prescindendo dalla sempiterna condizione dell’uscita di scena di Assad. I miliziani sul terreno hanno immediatamente disconosciuto l’offerta, insistendo, come comanda soprattutto l’Arabia Saudita, sulla preventiva eliminazione del presidente (la cui difesa ad oltranza da parte del popolo, sia detto per inciso, esprime la perfetta consapevolezza che la rimozione di Assad, simbolo della dignità e dell’indipendenza siriane, è per gli aggressori il passaggio necessario per lo squartamento del paese) e intensificando la strategia del terrorismo stragista. Il che non ha impedito ad Al Khatib e al “ministro degli esteri” della coalizione di programmare un viaggio a Mosca per approfondire il progetto. Sarà una mossa propagandistica, sarà un depistaggio, ma tant’è, hanno ritenuto ineliminabile questo confronto diplomatico con il primo sostenitore della Siria.

Dopo oltre due anni di guerra alla Siria, con l’impiego di circa 150mila miliziani infiltrati, delle solite sanzioni che costituiscono, qui come in Iran, un crimine di guerra e contro l’umanità, dei fondi che i despoti del Golfo, gli Usa, l’UE continuano a versare ai famelici mercenari jihadisti, turchi, arabi, bosniaci, delle teste di cuoio francesi e di vari paesi Nato impegnati nei sabotaggi, a dispetto di inenarrabili sofferenze, decine di migliaia di sradicati, comunità cristiane e scite decimate ed espulse, il popolo siriano resta unito nella resistenza, accanto al presidente che ha eletto. E’ l’impasse. Il disorientamento degli aggressori è rivelato dal profondi dissidio apertosi tra miliziani all’interno e la coalizione politica dei fuorusciti maggiormente appesa ai fili e ai soldi dei burattinai occidentali.  C’è poi una Lega araba che incomincia a dividersi e ad esitare, frastornata dall’evidenza delle atrocità terroristiche, e un presidente egiziano che, al pari dei Fratelli Musulmani egemoni nella Coalizione di Doha, si apre a colloqui, in questo caso con l’arcinemico Iran, indefesso alleato della Siria. In Iraq, il regime scita alleato dell’Iran, sfugge al diktat degli sponsor occidentali e manifesta in forme diplomatiche e altre la sua opposizione alla distruzione della Siria. Non solo, tra le stesse bande jihadiste si sono aperti conflitti armati, un po’ sulla strategia, un po’ sulla ripartizione dei rifornimenti dei padrini esterni: nei giorni scorsi quelli di Al Nusrah hanno fatto fuori il comandante militare della zona Nord, Taher al Waqqas, capo della milizia rivale Al Faruk e, contemporaneamente, hanno spinto verso la regionalizzazione dello scontro confessionale tra sunniti e sciti attaccando villaggi libanesi sotto il controllo di Hezbollah.

Grande è la confusione tra gli assalitori, la situazione non sarà ottima, ma grosse crepe si stanno apprendo nello schieramento di chi si proponeva l’affossamento della Siria, come ulteriore passo per l’accerchiamento dell’Iran e che ora, al di là di ogni strumentalmente diffuso sospetto di un cedimento russo, si deve confrontare anche con la fermezza di Mosca, ribadita con l’invio di quattro grandi navi da sbarco ai porti siriani. Hai voglia che il Qatar pompi altri 100 milioni di dollari nei forzieri delle bande jihadiste, che Londra, su pressione dei suoi fornitori di petrolio, allestisca ulteriori forniture di armi, che lo sguattero italiano Terzi, prometta altrettanto, che dalla Libia si spediscano ancora combattenti in Siria. In assenza di un intervento armato Nato come in Libia e Iraq, non se ne esce. Ma Obama non sembra potersi permettere, con le sue varie guerre in atto, di fronte a un’opinione pubblica sempre più consapevole che la propria crisi economica e sociale ha a che fare con la guerra infinita al terrorismo lanciata da Bush e accentuata dal successore, quell’impegno militare aperto senza il quale la Siria non può essere né domata, né liquidata.

Un Israele spiazzato da questi sviluppi si arrabatta infierendo sul Golan sottratto alla Siria nel 1967 con la provocazione di consentire alla statunitense Genie Energy di perforare il territorio rubato alla ricerca di idrocarburi. La Genie Energy è presieduta dal generale Effi Eitam, ex-ministro della Casa, noto per aver ripetutamente sollecitato la totale pulizia etnica dei palestinesi nei territori occupati. Suoi consulenti e soci nell’impresa sono, tra altri neocon filo-sionisti, il mandante dell’11 settembre Dick Cheney e l’oligarca mediatico, tromba della Cupola imperialista, Rupert Murdoch. L’intervento israelo-statunitense di modifica di un territorio occupato viola la Carta dell’ONU e le convenzioni di Ginevra. Qualcuno se ne è accorto?


E il disorientamento all’interno di una Lega araba che si pensava compatta contro Damasco, ha avuto una conferma nel vano tentativo del Qatar di convincere l’Algeria, da sempre opposta all’aggressione, con la tangente di 20 miliardi di Euro, di aderire al fronte antisiriano, incominciando con la chiusura dell’ambasciata siriana ad Algeri. Netto e indignato è stato il rifiuto del grande paese del Maghreb, così espresso dal rappresentante algerino nella Lega: “Questo è un complotto da voi personalmente ordito, che ha superato la legge e la carta della Lega. Voi in testa a tutti nel dirigere gli atti vandalici, non solo in Siria, ma in tutto il mondo arabo, insieme al Segretario Generale state criminalizzando la Siria e tutto il mondo arabo. Siete strumenti e sporchi servi per l’attuazione di un programma occidentale ed il popolo arabo un giorno vi giustizierà per questi crimini”. Il ministro degli esteri del Qatar, della stessa dinastia proprietaria privata del paese, ha così risposto: “Presto toccherà a voi!”. Frase da porsi sullo sfondo delle operazioni dei mercenari Nato di Al Qaida nella stessa Algeria e dell’accerchiamento del paese da parte di truppe occidentali ora collocate in tutti gli Stati confinanti (Mali, Niger, Marocco, Libia, Chad).


Rimane, per un momento di Galgenhumor, di umorismo da patibolo come lo chiamano i tedeschi, la notizia che il presidente francese Francois Hollande è stato insignito del Premio della Pace dell’Unesco. Con la seguente motivazione: “Avendo esaminato i pericoli e le ripercussioni della situazione in Africa, in particolare relativamente al Mali, come anche per il resto del mondo, la Giuria esprime il suo apprezzamento.per la solidarietà manifestata dalla Francia ai popoli dell’Africa”. Dopo i Premi Nobel della Pace a Obama e all’Unione Europea, questo al criminale di guerra Hollande non poteva mancare. Si vuole nutrire ancora qualche dubbio sul significato che in Occidente si dà alla parola pace?
.
 **********************************************************************************************************


comunicato stampa
Contro le guerre dei padroni.
Solidarietà internazionale ai proletari e ai popoli che lottano contro il capitalismo e l’imperialismo.

 La mattina del 10 febbraio - mentre si svolgeva un’assemblea-dibattito organizzata dal Comitato contro la guerra di Milano dal titolo “Siria: guerra civile o intervento imperialista?” presso il Centro di Iniziativa Proletaria “G. Tagarelli” di Sesto San Giovanni con Osama Saleh del Comitato “Giù le mani dalla Siria” e Carlo Remeny direttore di Arabmonitor - una decina di sostenitori dell’”esercito libero siriano” e fautori dell’intervento della Nato in Siria hanno cercato di impedire l’iniziativa entrando nella sala con striscioni e bandiere.
Nei giorni scorsi, uno di questi era venuto a fotografare le vetrine del Centro di Iniziativa Proletaria, foto che sono finite su siti internet arabi insieme a “democratiche” minacce di morte per Osama Saleh.


Espulsi dalla sala dai compagni presenti, hanno inscenato una manifestazione davanti al Centro di Iniziativa Proletaria, con il beneplacito della polizia e della Digos presenti fin dal primo mattino a presidiare la via. Uno di loro ha preso a calci una delle tre vetrate del Centro, sempre sotto i benevoli occhi della polizia.
Quella polizia che - sempre pronta ad impedire e reprimere manifestazioni di operai, disoccupati e studenti - questa volta ha difeso il loro “diritto di manifestare” e disturbare una manifestazione antimperialista: fedeli esecutori della linea interventista del governo Monti, che per bocca del suo ministro degli esteri Terzi, ha chiarito nei giorni scorsi che l’Italia, al pari degli altri paesi NATO, è interessata alla spartizione del bottino della Siria, sostiene e aiuta i “ribelli” con armi e soldi, che non ci sono invece per la sanità, le pensioni, la scuola, il lavoro della popolazione lavoratrice italiana.

L’obiettivo dell’assemblea era di capire quali interessi ci sono dietro le guerre in Siria, in Mali e in altre parti del mondo, e cosa significa per i lavoratori e i pensionati Italiani la partecipazione dell'Italia nelle varie guerre in giro per il mondo

Dopo aver respinto la provocazione l’assemblea è continuata (ha parlato anche un rappresentante dell’opposizione cosiddetta “democratica” siriana) ed è terminata con la votazione di un ordine del giorno che riassume i temi discussi e che riportiamo di seguito.


Centro di Iniziativa Proletaria “G. Tagarelli”
Via Magenta 88 Sesto San Giovanni (Mi)

Comunicato del Comitato contro la Guerra Milano
Il 13 dicembre scorso, in occasione dell'incontro "Siria: l'informazione, la verità, le bugie, la guerra" presso il Centro Scaldasole organizzato dal "Comitato di sostegno al popolo siriano", gruppo che sostiene i cosiddetti "ribelli" siriani, una signora di mezza età è stata buttata a terra da uno degli organizzatori. La sua colpa è stata quella di contestare le modalità di richiesta degli interventi del pubblico attraverso dei fogliettini in modo che le domande venissero filtrate più agevolmente.

Nella mattinata di ieri, domenica 10 febbraio, nel corso dell'assemblea-dibattito organizzata dal Comitato contro la guerra di Milano “Siria: guerra civile o intervento imperialista?”, presso il Centro di Iniziativa Proletaria “G. Tagarelli” di Sesto San Giovanni, una quindicina di siriani che si autodefiniscono "liberi" hanno inscenato una protesta nel tentativo, forse, di intimidire i presenti che desideravano unicamente approfondire quanto sta accadendo in Siria.

Già nei giorni scorsi questi sedicenti "difensori della democrazia" avevano ripetutamente preannunciato la volontà di creare scompiglio in un evento che non rappresentava il loro punto di vista.

Episodi che negli atti si pongono in netto contrasto con quello che questi elementi cercano di far credere a parole, in Siria esattamente come in Italia.

Perché è evidente che non può esistere democrazia laddove viene meno la libertà di parola, la possibilità di contradittorio, la libertà di espressione.
Non sostiene la libertà chi sceglie la provocazione violenta, appoggia gli estremismi, teme un pensiero antitetico e preferisce l'aggressione al pacifico confronto.

Alla luce di questi fatti incresciosi, il Comitato contro la guerra Milano desidera confermare il suo costante impegno contro quanti cercano di minare la libera informazione che si pone in contrasto con la vergognosa campagna mediatica in corso; una propaganda a favore del sostegno occidentale agli jihadisti che stanno destabilizzando un Paese sovrano. 
Il Comitato contro la guerra Milano riafferma, ancora una volta, l'appoggio solidale al popolo siriano che deve essere lasciato libero di decidere da solo del proprio futuro.

Comitato contro la guerra - Milano

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)