Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

21 gennaio 2013

Riforma Obama: Approvata la Introduzione dei Chip RFID

L'introduzione dei chip corporei per fini sanitari non è più un mito. E' stato infatti convalidata nel 2012 (dalla Corte Suprema USA - n.d.t.) la legge HR 3962 denominata Obamacare, nella quale si prospetta la introduzione di microchip RFID per fini 'sanitari'. A far capo dalla pagina 1501 sono descritte le peculiarità dei dispositivi. Link diretto alla legge HR 3962 in formato pdf  L'impianto della legge è stato lasciato 'aperto', infatti viene statuito che il segretario potrà decidere di aggiungere altre informazioni, non necessariamente sanitarie, all'interno dei chip corporei. Ciò significa che oltre ai parametri medici potranno essere inserite nei chip informazioni in merito al conto bancario del paziente, così da determinare in tempo reale la sua capacità finanziaria. Medici e ospedali saranno quindi autorizzati ad eseguire la scansione dei conti bancari così da poter prelevare immediatamente, in tempo reale, la cifra prevista per il trattamento terapeutico.
 
I repubblicani non hanno alcun piano per contrastare la riforma sanitaria di Obama, sia nel suo complesso, sia nella sezione circa la introduzione dei chip corporei. Recitano la loro parte in TV facendo finta di voler opporsi, ma è ormai chiaro che l'obiettivo finale di tutte le parti in gioco sia di chippare l'intera popolazione. Entrambe gli schieramenti stanno eseguendo degli ordini, perché il nuovo ordine mondiale ha statuito che tutti debbano essere chippati. La Federal Reserve sarà il nuovo governo mondiale. Le tasse derivanti dalla riforma Obama finiranno direttamente nelle casse della Federal Reserve. Il mondo intero sta galoppando verso un sistema che funzioni senza denaro contante.
La riforma Obama prevede che il processo di impianto dei chip nella popolazione abbia inizio entro la primavera del 2013. Come tutti sappiamo il governo lavora lentamente, e il nuovo ordine mondiale è paziente. Aspettatevi che il microchip diventi obbligatorio entro il 2022. I chip RFID saranno diffusi in tutto il mondo (dopo la privatizzazione della sanità? - n.d.t.); chi non vive negli Stati Uniti non creda di sfuggire al microchip. In Messico è stato già microchippato un numero notevole di cittadini. In Canada stanno organizzandosi: LINK

Hanno iniziato con le carte di debito contenenti microchip per andare a parare allo obbligo legale di possedere il chip per usufruire della assistenza sanitaria. Useranno la propaganda e parole come facilità d'uso, sicurezza sanitaria e sicurezza sociale. State pur certi che sarete microchippati.

Tradotto e pubblicato da Anticorpi.info

2 commenti:

  1. Per protestare e opporsi contro il bio-chip sottocutaneo nell'uomo:

    firmare e diffondere ovunque questa Petizione pubblica:
    http://www.change.org/it/petizioni/salvaguardiamo-la-libert%C3%A0-intimit%C3%A0-e-privacy-della-persona-rifiutiamo-l-impianto-del-microchip-sottocutaneo-nell-essere-umano

    L'Unione fa la forza,
    la Coesione della massa, altrettanto,
    ed è almeno un tentativo concreto per far sentire la nostra voce, anche a chi di dovere

    RispondiElimina
  2. CORREZIONE
    E' stata scelta QUESTA petizione come campagna ufficiale contro il microchip sottocutaneo:

    https://www.change.org/it/petizioni/salvaguardiamo-la-libert%C3%A0-intimit%C3%A0-e-privacy-della-persona-rifiutiamo-l-impianto-del-microchip-sottocutaneo-nell-essere-umano

    Considerate valida questa,
    poichè il sito è stato reputato più adatto
    e meno soggetto a moderazioni e cose simili

    Per ogni singola firma,
    sarà inviata una mail ai destinatari,

    diffondete e firmate in massa

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)