Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

12 gennaio 2013

« DI LIBERISMO SI CREPA! »

Karoshi è la parola giapponese che indica la morte per fatica che colpisce chi lavora al di là di ogni suo limite naturale. Il decesso sopravviene generalmente con un attacco cardiaco, dovuto allo stress e allo sforzo lavorativo: il cuore non regge alla fatica e si ferma. E se qualcuno pensa che sia una cosa tragica ma pittoresca, tipica delle lontane isole del Giappone e magari di qualche distorta mentalità orientale… bhé… si sbaglia di grosso. Nella civile Europa delle guerre per procura e dell’ingerenza umanitaria a suon di bombe, c’è uno Stato che può vantare orgoglioso la sua prima ed ufficiale morte per fatica: l’Italia.
Di  Costantino Ceoldo

Stato & Potenza
Culla di poeti, artisti, esploratori, luogo dove per secoli Arte e Filosofia si sono incarnate assumendo forma viva, l’Italia paga oggi ufficialmente il suo tributo al dio denaro, al vitello d’oro dell’ultima divinità sopravvissuta tra quelle adorate dall’Umanità.
Il luogo del pagamento è Roma, fermata Termini della Metropolitana. Il tempo del pagamento è domenica 18 novembre 2012, mattino presto, troppo presto, assurdamente troppo presto per pagare qualsiasi dazio, figuriamoci questo. Una donna è seduta su una panchina ad aspettare il treno che la porta al lavoro, lungo quei cinquanta chilometri che deve fare due volte al giorno perché la famiglia, marito disoccupato e figli piccoli, possa appena appena sopravvivere.
Oramai è da un bel po’ che fa quella vita ma da qualche tempo la donna si sente diversa, non sta bene ed è sempre più stanca.


Però non può andare dal medico perché deve alzarsi alle 4 di mattina e farsi quei maledetti 50 chilometri per andare fino al bar dove lavora, dalle 7 di mattina alle 7 di sera.
Ed è così che quella domenica mattina di novembre, il cuore di Isabella Viola decide che no, non si può andare avanti così, che non è vita quella e non ce la fa più. Quel cuore così generoso fino ad allora, si arrende a tutto quanto e si ferma a soli 34 anni di età.
Isabella muore come dicono abbia vissuto: senza disturbare, senza fare chiasso, senza chiedere. Resta accasciata sulla sua panchina come un fiore caduto.
O in questo caso sarebbe meglio dire come una lampadina bruciata. Che espressione crudele! Ma rende bene l’idea di qualcuno consumato fino allo sfinimento?

Il suo funerale è stato pagato da una colletta fatta dai clienti del bar dove lavorava. E vi sono state anche grandi parole e grandi promesse da parte del sindaco di Roma.
Non siamo in grado di dire se ad esse sono seguiti dei fatti, come non siamo in grado di dire se Isabella fosse alta o bassa, magra o grassa, intelligente o stupida.
Certo, lei diceva che una donna non indossa il suo gioiello più bello ma lo mette al mondo e quindi possiamo credere che lei, figlia di una Roma semplice alla Anna Magnani, avesse però dei sentimenti alti,  che esprimeva con giudizio.
Quello che possiamo dire sicuramente, perché abbiamo prove a sufficienza, oh! Se ne abbiamo!,  è che la ricchezza di pochi si costruisce con la sofferenza di molti e che anche in Italia i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri.


Possiamo dire con altrettanta sicurezza che tutto questo ha un inizio preciso: l’Italia ha approvato una radicale e tremenda riforma del lavoro nel 1999 grazie a Massimo D’Antona prima e poi ancora nel 2003 con Marco Biagi.
Il risultato è stato un proliferare incontrollato di contratti di lavoro di tutti i tipi ma sempre e solo a scadenza: agli occhi del signor Padrone, ma no… chiedo venia: dell’imprenditore, la persona che lavora vale meno degli strumenti che impiega.
Chi lavora con un contratto a termine è sottoposto al ricatto continuo di un rinnovo contrattuale che non arriva quasi mai e spesso non più di una volta. E’ una fetta di prosciutto sventolata davanti agli occhi, per illudere ed irretire. Chi invece ha un contratto senza scadenza è disposto a fare di tutto pur di mantenerlo, temendo a buon diritto di cadere in povertà.


La crisi economica italiana sta assumendo aspetti sempre più crudeli che sono causati proprio dalle riforme di D’Antona e Biagi oltre che dalla congiuntura internazionale. E, per inciso, è giusto ricordare come D’Antona e Biagi siano stati consiglieri di governi di sinistra, i cui esponenti di spicco in molti casi furono membri del disciolto Partito Comunista Italiano: le leggi peggiori per i lavoratori sono state promulgate sempre e solo dalla sinistra al governo. La destra è stata a guardare: c’era già l’utile idiota che legiferava incoscientemente al posto suo.
Il Karoshi quindi qui non è semplicemente la morte per fatica, perché l’umanità è sempre morta per fatica, per miseria, per stenti.
In un Paese come l’Italia il Karoshi è morte per fatica elevata a sistemica indifferenza per la vita umana. L’Italia, in quanto nazione industrializzata, dovrebbe avere tutti gli strumenti culturali, tecnici, scientifici e legislativi per evitare morti simili. Eppure la nostra intelligentsia culturale ritiene che tutto debba essere sacrificato al Mercato e al Denaro.


Isabella Viola è stata una guerriera eroica che ha combattuto a lungo per non perdere se stessa e la propria famiglia: la sua caduta è espressione di un fallimento generale, non di una sua personale mancanza. La sua morte è l’emblema dell’Italia che fallisce: come Stato, come Nazione, come governo, come famiglia allargata, come tutto.
Perché malgrado l’evidenza di una situazione economica in continuo peggioramento, chi governa ritiene che si debba insistere con il capitalismo liberista ed afferma che ci sono ancora troppe regole per la finanza e per il lavoro.
Ma se il socialismo non è la risposta alla povertà materiale, come può esserlo una religione economica che ha il denaro come unico Dio?
La realtà è che di liberismo si crepa, di mattina presto, su una panchina della metropolitana.

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)