Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

20 dicembre 2012

PERCHE' IL DEBITO PUBBLICO CON MONTI E' AUMENTATO?

Da più di un anno si è affermata la vulgata secondo cui l'aumento del debito pubblico porta alla crescita degli interessi sul debito pubblico e dello spread, il differenziale con i tassi tedeschi. A questo concetto è connessa l'idea che una politica di rigore, riconducendo sotto controllo il debito, può ridurre spread e interessi. Il Presidente Napolitano, proprio allo scopo di risolvere la situazione di crescita del debito e salvare l'Italia dall'insolvenza e dal baratro, ha nominato Monti che ha applicato una politica di rigore. 
Di Domenico Moro 
Resistenze
Ora, però, a distanza di una anno dal suo insediamento accade una cosa strana: il debito pubblico è aumentato ancora. E di molto: la soglia psicologica dei 2mila miliardi è stata sfondata, raggiungendo i 2.014.693 miliardi di euro. La cosa più bizzarra, però, è che nell'anno montiano, tra novembre 2011 e ottobre 2012, il debito è aumentato del 5,3%, mentre tra novembre 2010 e ottobre 2011, Berlusconi presidente, il debito era cresciuto del solo 2%. In assoluto con Monti il debito è aumentato di quasi 102 miliardi, mentre nell'anno precedente l'aumento fu di 38 miliardi.

Altro fenomeno, apparentemente inspiegabile secondo la logica imperante, è il fatto che lo spread sia diminuito.


Ma andiamo per ordine. Perché il debito è aumentato? La politica di aumento dell'imposizione fiscale di Monti ha portato ad un incremento delle entrate fiscali, tra gennaio e ottobre 2012, di 8,75 miliardi rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. In termini percentuali l'aumento delle entrate fiscali è stato del 2,9%, mentre nel 2011 sul 2010 fu dell'1,5%. Forse allora sono state le spese ad essere aumentate in misura tale da annullare l'effetto delle maggiori imposte? Neanche questo è vero, o meglio non del tutto, perché le spese, tra gennaio e ottobre 2012, sono cresciute di 10,5 miliardi. In percentuale l'aumento è stato del 3%, mentre tra 2011 e 2010 fu del 3,7%.

Se andiamo a scartabellare il Bollettino della Banca d'Italia ci accorgiamo, però, che c'è una tabella in cui si evidenziano le erogazioni dello stato italiano a favore dei vari fondi salva stati, in particolare attraverso accordi bilaterali o direttamente all'EFSF. Tali erogazioni passano dai 3,9 miliardi del 2010, ai 13,12 del 2011 e crescono velocemente per tutto il 2012 fino ad arrivare alla bella cifra di 30,2 miliardi. Bisogna osservare che, quando uno stato presta all'EFSF, i fondi vengono ascritti come passività al suo debito pubblico, che di conseguenza ne risulta aumentato.
Ecco, dunque, che la "povera" Italia, in predicato di finire nel baratro, in realtà si è fatta finanziatrice di altri Paesi, senza prendere nulla dall'Europa ed anzi dando un contributo decisivo a mettere le pezze ad un sistema che fa acqua da tutte le parti. Un po' strano per un Paese che doveva ridurre il proprio debito innanzi tutto. Un'altra conclusione da trarre è che nei fatti non esiste una correlazione diretta e necessaria tra aumento del debito ed aumento dei tassi di interesse e dello spread, come le vicende di altri Paesi, dal Giappone agli Usa dimostrano.
Infatti, nonostante l'aumento del debito in assoluto ed in percentuale sul Pil, spread e tassi d'interesse sono diminuiti. Tale diminuzione dipende più che da Mario Monti dall'altro Mario, Draghi, che ha deciso l'intervento della Bce mediante strumenti anti-spread ed ha erogato liquidità alle banche dei vari Paesi, che hanno acquistato titoli di stato, riducendone i tassi d'interesse. Infatti, i tassi, scesi subito dopo l'arrivo di Monti, sono risaliti dopo poco, e sono scesi ancora e definitivamente solo dopo i vari interventi della Bce.
Comunque, il calo dei tassi di Bot e Btp non ha giovato granché al miglioramento delle condizioni di prestito a famiglie e piccole e medie imprese. Anche la rinnovata fiducia degli investitori internazionali, grazie alla ritrovata credibilità italiana, anche questa attribuita al solito e sobrio Monti, sembra essere alquanto esagerata. Infatti, i titoli italiani in mano ad investitori esteri sono scesi dai 796,85 miliardi del 2010 ai 721,7 del 2011 e ancora ai 676,5 di settembre 2012. Viceversa, i titoli detenuti dai nostri istituti finanziari sono saliti dai 541 miliardi del 2010 ai 698 del settembre 2012, quelli della Banca d'Italia da 66 miliardi a 99 miliardi, e quelli in mani di altri residenti da 145 a 197 miliardi.
Non vogliamo dire che debito, spread o alti tassi d'interesse sono una stupidaggine. Vogliamo dire che sono volutamente esagerati o comunque utilizzati come strumento sia per attaccare le posizioni del lavoratori (salario e stato sociale) e dei settori non monopolistici della società sia per regolare conti interni ai gruppi dominanti. Inoltre, certamente non si risolvono con politiche di rigore del tutto inutili. Dietro chi appoggia Monti e in genere dietro chi si fa promotore della agenda "europeista" ci sono forze che utilizzano l'Europa per una profonda ridefinizione degli assetti istituzionali, sociali ed economici continentali.

5 commenti:

  1. più chiaro di così....una evidente e cristallina FRODE

    RispondiElimina
  2. la mia (stupida) domanda sorge spontanea...
    da un verme che ha passato la vita a speculare sui titoli di stato dei vari paesi del mondo, cosa vi aspettavate?

    gli italiani sono davvero degli IDIOTI... poveri noi, che destino macabro ci attende; tengo a precisare : sono REALISTA, non pessimista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perche' offendi i vermi animaletti non belli ma innocui?

      Elimina
  3. I fondi salvastati sono serviti a salvare le banche tedesche, francesi ed inglesi !!
    Le politiche di rigore non erano giustificate, perché l’Italia non è mai stata in procinto di cadere in alcun baratro.
    E tantomeno avevano senso imposte e tagli sociali che hanno colpito selettivamente i lavoratori salariati.

    La crisi in Italia era sostanzialmente una crisi di fiducia e non di solvibilità, una crisi di fiducia voluta dai poteri forti i cui interessi miravano a destabilizzare l'Italia. Senza l’intervento della Banca Centrale Europea, oggi non esisterebbe più l’euro e non ci sono Monti o Merkel che tengano, sarebbe interessante osservare quale giornale italiano avrebbe il coraggio di mettere in prima pagina una simile notizia, magari certificata dalla Commissione sulla sostenibilità dei debiti pubblici europea!
    Ci aspettano: Deflazione salariale, svalutazione interna,riforme selvagge, austerità e attacco allo Stato sociale, svendita del patrimonio statale e tagli ad una spesa pubblica tra le più "basse" d’Europa, ci stanno prendendo per il culo perchè la nostra spesa pubblica è tra le piu' basse in europa ma loro continuano a raccontarci il contrario, truffatori infami che si servono di una stampa completamente asservita al sistema !!
    Contrariamente a quanto ci era stato raccontato, l’Italia non è mai stata veramente in pericolo fallimento. Dal 2009 e ancor di più nel 2010 e 2011 l’Italia si è tenuta ben al disotto del valore critico di pericolo, mentre la Gran Bretagna era nettamente al di sopra nel 2009, e la Spagna lo è stata nel 2009 e nel 2012.

    Ce ne sarebbe da dire, il popolino credulone italiano ignorante se le beve tutte le cazzate raccontate dai telegiornali e da testate come il sole 24h, però mi rendo conto che anche i più restii stanno aprendo gli occhi, forse fra qualche anno avremo un 50% della popolazione che ha capito l'inganno ... troppo tardi oimè !!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei fin troppo ottimista...
      la Grecia è l'Italia di 4 o 5 anni in avanti, e nonostante ciò il popolo greco continua a credere alle menzogne dei tg, hanno ancora fiducia nell'europa e se ci fossero votazioni imminenti parteggerebbero per nea democratia o il pasok alias pdl o pd, per cui nemmeno nei prossimi anni vedo una presa di coscienza

      Elimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)