Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

12 ottobre 2012

NOBEL PER LA PACE ALL’UNIONE EUROPEA

Il premio Nobel per la pace 2012 è stato attribuito all’Unione Europea: “per oltre 60 anni ha contibuito all’avanzamento della pace, della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani in Europa“, è stato spiegato nelle motivazioni del premio. Fra le primissime reazioni quella del presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, che si è detto “onorato e toccato” dal riconoscimento.
Il comitato norvegese ha scelto di attribuire il premio alla Ue per gli sforzi compiuti a favore dell’unità del continente, a favore della ricostruzione dopo la Seconda guerra mondiale e per il suo ruolo nel favorire la stabilità degli ex paesi comunisti dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989. 
Di Italo Romano

Dopo aver assegnato al guerrafondaio Barak Obama il premio 2009, quest’anno si va oltre i confini della realtà. Diciamo le cose come stanno, l’Unione europea, schiacciata dalla crisi economica e dal “rigore” delle misure di austerità imposte dalla finanza internazionale, è fautore di tutto fuorchè della serena e civile convivenza tra i popoli.
Aleggiano venti di guerre civili e rivolte, ma non importa, perchè grazie al totalitarismo per gradi targato UE, sta per sorgere il mega stato centralizzato tanto agoniato e desiderato dai poteri forti che dirigono le sorti del mondo. Esso è il primo tassello di un progetto mondiale.

Se andiamo a ritroso, alle origini di questo premio sporco di sangue, possiamo capire la vera valenza delle assegnazioni annuali.

L’ideatore del premio Nobel è Alfred Nobel, chimico e filantropo svedese. Egli nel 1867 inventò la dinamite. Grazie alla sua scoperta, in brevissimo tempo, riuscì ad aprire società e laboratori in svariati paesi nel mondo. Lo stabilimento di produzione più grande, non a caso, fu insediato in Italia, ad Avigliana.
Dico non a caso, in quanto all’epoca, nel nostro paese vi era la più grande riserva mondiale di zolfo.
Zolfo che, combinato con carbone e salnistro, serviva a produrre la polvera da sparo, di cui tutti necessitavano per guerreggiare e distruggere.
Il gruppo finanziaro Nobel diventò un poco tempo uno fra i più potenti del pianeta. A causa della sua scoperta il mondo militare face un enorme balzo in avanti, il potere distruttivo dell’uomo subì un incremento esponenziale, il primo di una lunga serie.

Alfred Nobel, nel suo testamento lasciò precise indicazioni per la creazione di questo riconoscimento internazionale.
E’ un riconoscimento elitario, il cui ruolo è prettamente simbolico e direzionale.
Per cui il messaggio di questo premio è chiaro: avete intrapreso la strada prescritta, continuate senza esitazioni.

1 commento:

  1. vergognoso, noi che siamo le pedine Usa e dichiariamo guerra agli altri stati sovrani a suon di sanzioni che il Pentagono ci comanda....che schifo.
    Ed il bello è essersi sorbiti tutta la retorica finto pacifista attribuita a questa Ue. Perché non si sbarazza delle basi nato? Allora sarà forse, più credibile

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)