Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

6 settembre 2012

UN REFERENDUM PER DIRE NO ALL' €URO E' POSSIBILE?

Il picco di caldo raggiunto in questa estate che sta volgendo al termine è stato segnato dalle voci di una possibile iniziativa referendaria diretta a chiamare i cittadini italiani ad esprimersi sulle sorti dell’euro. È stato Roberto Maroni che, per primo, il 16 agosto ha annunciato di voler presentare «in Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare per abbinare alle politiche del 2013 un referendum consultivo nel quali i cittadini italiani possano esprimersi sull’euro».

Tipica provocazione leghista, dettata dalla necessità, per un partito in profonda e forse irreversibile crisi, di rinserrare le fila? Forse. Eppure, inaspettatamente, la proposta viene rilanciata direttamente da un rappresentante del governo, il ministro per gli Affari Europei Enzo Moavero Milanesi, il quale dichiara che «sulla nuova Europa bisogna consultare i cittadini». Applausi bipartisan. Dal PD, Arturo Parisi insiste: «ha ragione il Ministro Moavero. Il futuro dell’Unione dovrà essere deciso da un voto popolare». Poi la prudenza del governo: con l’arrivo del vento freddo, la questione passa nuovamente sotto silenzio.

Il sospetto, però, è che nessuno abbia molto chiaro cosa sia questo “voto popolare”, cosa significhi “consultare” i cittadini.

1 commento:

  1. premetto che non credo nell'istituzione del referendum in sé, il cui risultato spesso viene disatteso ed aggirato. Ovviamente non credo nemmeno in questo proposto dalla Lega. Detto questo, non capisco come a seconda di chi lo proponga si tratti di un'iniziativa provocatoria oppure di sacrosanto progetto. Così come il referendum sull'acqua dimostra, è stata un'abile manovra strumentale utile a far campagna elettorale per la sinistra e non certo a salvaguardare l'acqua bene comune che continua ad essere proprietaria delle varie municipalizzate con capitale privato che detta le regole ed ora in via di privatizzazione. Ma la cosa non scandalizza nessuno, tantomeno la "società civile". Tanto per non fare sconti a nessuno ed appunto sottolineare "discriminazioni politiche".

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)