Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

10 maggio 2012

"In Europa pericolo di rivolte di massa e persino la rivoluzione"



Il leader dell'Independence Party UK, Nigel Farage, in un discorso al Parlamento Europeo ha detto che le misure di austerita' decise da Ue e Fmi sono barbare. Le elezioni in Grecia ricordano quelle in Germania nel 1932. Il Titanic dell'Europa ha colpito l'iceberg. 

Bruxelles - Il leader dell'Independence Party britannico Nigel Farage, in un discorso di 3 minuti al Parlamento Europeo, ha detto che alcuni paesi Ue potrebbero dover far fronte a "rivolte civili di massa e forse anche alla rivoluzione in alcuni paesi portati alla disperazione", come conseguenza delle misure di austerita' causate dalla crisi dell'euro.

Nel giorno di celebrazione per l'Europa, il 9 maggio, Farage ha messo in guardia il Parlamento Europeo sulla crescita di partiti "estremisti" che potrebbero "causare la rinascita del nazionalismo socialista in paesi come la Grecia", dove le recenti elezioni "ricordano quelle in Germania nel 1932: abbiamo visto il collasso del centro dello status-quo e la crescita delle estreme a destra e sinistra". "Il Titanic dell'Europa ha colpito l'iceberg", "l'euro rappresenta un enorme pericolo per il continente".

Il deputato inglese, che e' a favore di un'uscita del Regno Unito dall'Europa, ha perorato la fine del progetto dell'eurozona. "Sta andando nella direzione sbagliata", ha detto. E le misure di austerita' decise da Ue e Fondo Monetario Internazionale sono "barbare". "Questa e' l'Europa unita del fallimento economico, della disoccupazione di massa e della non crescita", ha detto Farage, aggiungendo: "Dobbiamo spezzare l'eurozona, dobbiamo liberare i paesi del Mediterraneo". "Io non sono contro l'Europa, ma a favore di un'area di cooperazione economica e commerciale".

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)