Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

24 maggio 2012

AUSTERITA' IN GRECIA: FINE DELLA STORIA

Dopo due anni di misure di austerità controproducenti, sembra più probabile che mai un’uscita della Grecia dalla zona euro.
Questa non è una crisi greca. Si tratta di una crisi europea, da considerare in due fasi. In primo luogo, il crollo finanziario del 2008 ha provocato una recessione globale di gravità eccezionale. In combinazione con i salvataggi finanziari delle banche, questa ha provocato un brusco aumento dei debiti e del deficit per la maggior parte delle grandi economie, incluse quelle nella zona euro. Dopo il 2008-9, come le entrate fiscali sono diminuite e la disoccupazione è accresciuta, si sono allargati i disavanzi pubblici. Per colmare il divario, i governi hanno preso a prestito, spingendo in alto i loro debiti. Per i paesi dell’Eurozona, la gran parte di questo debito finanziario è stata assunta da banche europee. 
Le banche erano felici di questa disposizione, in quanto ritenevano che non fosse possibile per un membro della zona euro il fallimento e, pertanto consideravano i prestiti a basso rischio. Anche i governi erano felici, visto che sembrava fossero loro concessi finanziamenti a buon mercato.
Ma esisteva un problema. Per il decennio di esistenza dell’euro, a pieno effetto venivano fissati i tassi di cambio dei paesi membri, l’uno rispetto all’altro. L’opzione di rivalutare o svalutare una moneta all’interno della zona euro non era più disponibile.
 
Per sette anni, la Germania, con una debole crescita di produttività, ha guidato i salari e gli stipendi dei suoi lavoratori verso il basso, con la caduta effettiva dei redditi medi.
Leggi tutto...

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)