Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

2 marzo 2012

LE "PECORELLE" SONO DIVENTATE LUPI!

VALSUSA: DEVASTAZIONE E SACCHEGGIO
Le pecorelle sono diventate lupi. Ore di cariche, lacrimogeni e idranti contro i No Tav, e poi una caccia all'uomo nei vicoli e nei bar. Vetrine spaccate e auto devastate. Corriere e Repubblica preparano e sostengono l'escalation. Una valle occupata, devastata e saccheggiata.
Di  Marco Santopadre
Contropiano
“È trascorsa senza incidenti la notte in Valsusa” dicono stamattina le agenzie di stampa. Ma ieri sulla Torino-Bardonecchia per ore è stata battaglia. L’ordine alle forze di occupazione era di rimuovere le barricate a Chianocco a ogni costo. Un assalto ripetuto da parte di centinaia di Poliziotti e Carabinieri bardati di tutto punto che però ha faticato parecchio a vincere la resistenza di alcune centinaia di No Tav rimasti fino a tarda sera a prendersi le botte, i calci, le manganellate e a respirare i gas lacrimogeni (il cui uso la Questura di Torino continua contro ogni evidenza a negare). Contro il blocco sulla A32 i militari hanno lanciato le ruspe, e contro i manifestanti sdraiati a terra sono stati sparati getti di acqua a pressione dagli idranti. Quando dopo ore di cariche il blocco era stato rimosso i manifestanti si sono sdraiati a terra, esercitando quella resistenza passiva che oggi i quotidiani definiscono ‘violenza’ e ‘assalto’. 

I No Tav, compresi gli anziani manifestanti sono stati trascinati via dai celerini senza tanti complimenti. Neanche chi si era allontanato dall’epicentro dell’assalto è scampato alle botte, visto che i militari e i poliziotti hanno scatenato una incredibile caccia all’uomo nelle vie di Chianocco. Ma i quotidiani oggi non hanno visto le vetrine sfondate dagli uomini in divisa e il terrore sparso tra gli abitanti del piccolo centro.
Una escalation che era stata opportunamente preparata durante la giornata da una sfilza di dichiarazioni bipartisan da parte di esponenti politici mentre i siti di Repubblica e Corriere montavano i casi dei reporter picchiati dai No Tav, dell’intolleranza di Perino nei confronti di una intervista-provocazione dei conduttori de La Zanzara e delle ‘offese’ del giovane attivista No Tav contro un Carabiniere senza volto (e senza codice di identificazione). Un clima che ha opportunamente preparato l’opinione pubblica all’assalto contro i manifestanti che hanno tentato di difendere il loro blocco come hanno potuto, ma che alla fine hanno dovuto cedere sotto i colpi di quelle che alcuni media definiscono giustamente ‘falangi’ di celerini. 

D’altronde la Ministra Cancellieri aveva avvertito: si al dialogo, ma sulla Tav non si torna indietro.
Pesantissimo il bilancio a fine giornata: cinque i manifestanti fermati di cui quattro rilasciati, mentre un ragazzo di 32 anni è stato arrestato per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. La Digos della Questura di Torino avverte che sta analizzando filmati e foto per identificare e denunciare altri manifestanti. Decine di attivisti sono stati picchiati selvaggiamente: teste spaccate, arti fratturati, contusioni.

Ma curate le ferite – almeno quelle inferte sul corpo – i No Tav hanno realizzato durante la notte una improvvisata assemblea, lanciando una nuova mobilitazione. “Alle 18 blocchiamo tutto” è l’indicazione dentro e fuori la Val di Susa. Centinaia di manifestanti, appena cacciati dall'autostrada a Chianocco, si sono ritrovati nel salone del centro polivalente di Bussoleno per decidere come rispondere al blitz. Il Movimento No Tav accusa la Questura di Torino «di cariche violentissime, caccia all'uomo, vetrate dei bar distrutti per un rastrellamento di antica memoria, macchine parcheggiate vandalizzate e altro»

Intanto il governo può vantare la liberazione della Torino Bardonecchia dai “violenti”. La A32 è tornata stamattina percorribile in entrambe le direzioni ad eccezione dello svincolo di Chianocco che resta ancora chiuso. Ufficialmente perché deve essere messo in sicurezza e bonificato dai resti delle barricate. Percorribili anche le statali 24 e 25.

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)