Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

13 dicembre 2011

Il Generale Bouchard ammette che gli informatori della NATO in Libia erano giornalisti

“Le informazioni provenivano da molte fonti, compresi i media a terra, che ci passavano numerose notizie circa le intenzioni e la posizione delle forze di terra”. (Generale di Corpo d’Armata Charles Bouchard)
In un’intervista rilasciata il 31 ottobre 2011 a Radio Canada, il Generale di Corpo d’Armata Charles Buochard, che è a capo dell’Operazione “Unified Protector” in Libia, ha rivelato che una cellula di analisi era stata istallata presso il Quartier Generale della Nato a Napoli. Essa aveva come scopo di studiare e comprendere cosa avveniva in terra, cioè sia i movimenti dell’esercito libico che dei “ribelli”.

Per alimentare compresi i media che erano a terra e che ci davano molte  questa cellula sono state create numerose reti di informazione. “Le informazioni provenivano da molte fonti, compresi i media a terra, che ci passavano numerose notizie circa le intenzioni e la posizione delle forze di terra”.

E’ la prima volta che un responsabile della NATO ammette che giornalisti stranieri presenti in Libia erano agenti dell’Alleanza atlantica. Poco prima della caduta di Tripoli, Thierry Meyssan aveva provocato uno scandalo affermando che la maggior parte dei giornalisti occidentali che soggiornavano presso l’hotel Rixos erano agenti della NATO. In particolare aveva messo in gioco i giornalisti di AP, BBC, CNN e Fox.

Fonte: Reseau Voltaire 

Traduzione per Voci Dalla Strada a cura di Ale Baldelli

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)