Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

2 dicembre 2011

BOMBE, PROIETTILI E… TANTO INCHIOSTRO

Morte di un commissario scomodo
Correva l’anno 1972 quando, il 17 maggio, immediatamente dopo le tormentate elezioni politiche, il commissario Luigi Calabresi della Squadra Politica della Questura di Milano venne assassinato da ignoti killer davanti alla sua abitazione in via Cherubini. Se inizialmente le indagini si concentrarono sulla pista "nera" e dei traffici di armi, e specificamente su Gianni Nardi delle SAM (Squadre d’Azione Mussolini) che sarebbe successivamente salito alla ribalta delle cronache per la presenza del suo nominativo in una lista di elementi "reclutabili" nell’organizzazione paramilitare atlantica GLADIO e per la riesumazione del suo cadavere quando vennero avanzati dubbi e sospetti sull’incidente stradale a Malaga in Spagna in cui presumibilmente perì nel 1976.
Di HS
La vicenda giudiziaria ed investigativa del caso Calabresi si è invece conclusa con la condanna di alcuni ex militanti della più rilevante e prestigiosa organizzazione extraparlamentare di estrema sinistra, Lotta Continua con condanne comminate ad Adriano Sofri, Giorgio Pietrostefani, Ovidio Bompressi e Leonardo Marino, quest’ultimo con pena ridotta poiché l’inchiesta venne originata nel 1988 dalla sua "confessione" e dal suo "pentimento" offerti ai carabinieri. Al di là della annosa disputa circa l’innocenza o la colpevolezza degli ex "lottacontinuisti" e, soprattutto, del leader del gruppo, Adriano Sofri con la consueta demarcazione fra "destrorsi" e "sinistrorsi", l’assassinio del commissario rimane per larga parte avvolta nella nebbia più fitta a partire dai moventi dei killer e dei loro mandanti.

Generalmente questo delitto viene menzionato come il primo vero attentato degli Anni di Piombo, l’inizio della catena di atti terroristici mirati di matrice perlopiù riconducibile ai gruppi e gruppuscoli dell’estrema sinistra. Ad uno sguardo più attento, invece, il delitto del commissario Calabresi è annoverabile fra i "delitti eccellenti", gli omicidi di magistrati, carabinieri, poliziotti, politici, banchieri, giornalisti eliminati perché sapevano troppo di questioni scottanti che, assolutamente, non potevano essere comunicate alla pubblica opinione. Un omicidio che a me riporta alle mente anche quelli del manager dell’ENI Enrico Mattei e del Presidente della DC onorevole Aldo Moro; dei banchieri massoni e piduisti Roberto Calvi e Michele Sindona; del generale dei Carabinieri e prefetto di Palermo Carlo Alberto Dalla Chiesa e dei magistrati palermitani in prima linea contro la mafia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino; del giornalista – spia Mino Pecorelli e dello scomodo artista ed intellettuale Pier Paolo Pasolini.

Personalità culturalmente e caratterialmente assai differenti ma accomunate dal fatto che ognuno poteva mettere in pericolo e difficoltà l’establishment finanziario – politico – criminale rivelandone dettagli e particolari inediti. Il commissario Calabresi non faceva eccezione: era sicuramente a conoscenza di qual che accadde la sera del 15 dicembre 1969 alla Questura di Milano quando l’anarchico Pino Pinelli precipitò da una finestra. Negli ultimi mesi della sua vita il suo attivismo investigativo si era fatto frenetico quasi presagisse la fine incombente. In particolare stava cercando di fare luce sulla strage di piazza Fontana, sulla morte misteriosa dell’editore "rosso" Giangiacomo Feltrinelli rimasto apparentemente dilaniato da un ordigno in un "incidente sul lavoro" e, soprattutto, sui traffici di armi che alimentavano le bande terroristiche e le altre organizzazioni criminali operanti nel nostro paese. La morte di un commissario scomodo poteva far comodo a molti…
 
La violenta campagna di stampa
Dopo la tragica fine dell’anarchico Pinelli per il noto "incidente" capitato in via Fatebenefratelli, il commissario Calabresi, dirigente della Squadra Politica, venne identificato come il principale responsabile di quella morte e battezzato "Gigi Finestra" anche a causa della durezza e dell’inflessibilità del suo atteggiamento nei confronti degli anarchici milanesi. Nella campagna di stampa si distinse proprio Lotta Continua nello stile aggressivo e perfino violento che, però, caratterizzava quegli anni. Una tappa fondamentale e imprescindibile di questa violenta campagna di stampa volta perlopiù a costringere il commissario a rivelare quanto a sua conoscenza sulla morte di Pinelli e su come la polizia gestì la pista anarchica delle indagini sulla strage di Piazza Fontana, è costituita dalla pubblicazione dell’informatissimo testo di controinformazione "La strage di Stato" edito da Savelli nel 1970.

Si tratta di un lavoro collettivo frutto della collaborazione fra gli ambienti della Nuova Sinistra. Considerata la varietà e la precisione delle informazioni riportate, non è mai venuto meno il sospetto che vi avessero contribuito fazioni e frange dei servizi segreti che, a quel tempo, erano anche impegnate in conflitti di potere sotterranei e nascosti. Si pensi alla rivalità e alla competizione fra i "militari" del SID e i "civili" dell’Ufficio Affari Riservati del Viminale. Significativamente viene citato il commissario Calabresi dipinto come uomo della CIA che nell’aprile del 1969 accompagnò il generale Edwin A. Walker – giunto in Italia al seguito della delegazione del Presidente USA Nixon – ad un incontro riservatissimo con i generali Giovanni De Lorenzo e Giuseppe Aloja.

I nomi dei due generali ricorrono spesso per qual che concerne tentativi di pressione golpista e la "strategia della tensione" e, sicuramente, nonostante la rivalità, godevano entrambi della fiducia americana. Purtroppo, però, l’uomo che accompagnò il generale americano non era Luigi Calabresi, bensì il maggiore dei Carabinieri Antonio Calabrese, ben inserito nel "gruppo" della Divisione Pastrengo di Milano comandato dal generale Giambattista Palumbo egemonizzato dalla loggia P2. Alti ufficiali della Divisione proteggevano l’"estremista di centro" e capo dell’organizzazione terroristica MAR e si erano dati da fare per depistare le indagini sulla strage dei colleghi a Peteano provocata da militanti dell’organizzazione neonazista Ordine Nuovo. Era stato lui a seguire i corsi di addestramento americani della CIA e non il commissario ! Errore, svista o un’operazione di deliberata disinformazione ?

Occorre ricordare che in quei tempi additare qualcuno come "agente della CIA" in certi ambienti equivaleva ad esporlo a minacce, pressioni e violenze. Perché mai si voleva colpire in quel modo il poliziotto ? Una semplice ritorsione per quanto era capitato a Pinelli ? Oppure c’erano altre ragioni e motivazioni inconfessabili ? I primi proiettili sparati contro Calabresi erano di inchiostro… Nella monumentale inchiesta condotta dal giornalista dell’ANSA Paolo Cucchiarelli sulla strage di piazza Fontana – trascritta ne "Il segreto di Piazza Fontana" (edizioni Ponte alle Grazie – 2009) – si legge che alla stesura de "La strage di Stato" contribuì l’ambiguo Giovanni Ventura, personaggio che sarebbe diventato familiare nelle cronache relative alle indagini e ai processi sulla strage di Piazza Fontana.

Questi era un personaggio assai stimato nell’ambito dell’intellighenzia di sinistra e nel mondo dell’editoria della Nuova Sinistra. In particolare era molto vicino ai militanti del Partito Comunista Marxista Leninista d’Italia, una formazione maoista che si contrapponeva al parlamentarismo del PCI. A quell’epoca il maoismo veniva sfruttato dai servii di intelligence americani e della NATO e dalle organizzazioni neonaziste e neofasciste di vari paesi per esacerbare le divisioni e le tensioni all’interno della sinistra.

L’attività editoriale di Ventura era molto complicata: da un lato gestiva case editrici di sinistra come la Ennesse e la Litopress in associazione con compagni maoisti quali Antonio Massari e l’ex partigiano garibaldino Alberto Sartori, dall’altro, assieme all’avvocato Franco Freda pubblicava testi di Evola, Nietzsche e del missino Adriano Romualdi, ad uso e consumo dell’estrema destra di ascendenze naziste. In effetti Freda e Ventura avevano costituito un gruppuscolo neonazista contiguo ad Ordine Nuovo a Padova. L’avvocato Freda teorizzava l’alleanza fra gli estremisti di destra e gli estremisti di sinistra per "disintegrare il sistema" come era consuetudine fra coloro che si definivano "nazimaoisti". La posizione dei due attivisti veneti era però carica di equivoci e chiaramente provocatoria. Giovanni Ventura era informatore e confidente dell’Agente Zeta del SID Guido Giannettini alle dipendenze dell’Ufficio D del SID diretto dal generale Gian Adelio Maletti a cui riferiva circa le attività dei maoisti e degli "amici" nell’estrema sinistra.

Il neofascista Giannettini non era un agente qualunque e, in qualità di esperto militare, aveva partecipato al celebre convegno dell’Istituto Pollio all’Hotel Parco dei Principi di Roma sulla "guerra rivoluzionaria" (3 – 5 maggio 1965). Si ritiene che da questa riunione vennero gettate le basi della "strategia della tensione" e che vennero poste le premesse per la costituzione dei Nuclei di Difesa dello Stato, sorta di aggiornamento della GLADIO. Nel 1966 Freda e Ventura si impegnarono nel proselitismo e nel reclutamento di ufficiali dell’Esercito nei Nuclei di Difesa dello Stato. Nell’aprile del 1968 si recarono in viaggio premio ad Atene in Grecia con altri militanti neofascisti probabilmente perseguire corsi di addestramento offerti dai colonnelli. Al ritorno molti si convertirono al "maoismo" e all’"anarchismo". Sia Guido Giannettini che Freda e Ventura vennero imputati e successivamente assolti per la strage di piazza Fontana. L’ultima sentenza originata dall’inchiesta del giudice Guido Salvini riconobbe che Freda e Ventura erano colpevoli ma non più processabili perché già assolti con sentenza definitiva.

Insomma l’alacre attività editoriale di Ventura – tanto apprezzata dai compagni maoisti e marxisti leninisti – si accompagnava al ruolo assunto nei delicati settori del terrorismo e del traffico di armi ed esplosivi. Agente atlantico, neonazista, "maoista", cattolico e amico di socialisti, Ventura convinse Giancarlo Marchesin – un amico socialista, appunto – a nascondere nella sua abitazione di Castelfranco Veneto – un arsenale di armi ed esplosivi contenuti anche in casse siglate NATO.

La pista delle armi e dei canali per i relativi traffici in cui sarebbe coinvolto lo stesso Ventura potrebbe portare dritti dritti ai mandanti e agli esecutori del delitto Calabresi. Curiosamente "La strage di Stato" si soffermò sul ruolo di Stefano Delle Chiaie e di Avanguardia Nazionale nei tragici fatti del 12 dicembre 1969, dedicando ben poco spazio al ruolo di Freda e Ventura. Se Ordine Nuovo e il gruppo del duo veneto facevano riferimento al SID, Avanguardia Nazionale coltivava intensi rapporti con l’Ufficio Affari Riservati del Viminale. In sostanza il testo sacro della Nuova Sinistra sessantottina si inserisce nella "guerra" fra settori dei servizi e colpisce il commissario Luigi Calabresi. Uno scenario ben più complesso di quello che si prospettò all’epoca nel quale vengono mosse in modo sorprendente pedine insospettabili…
 
Parla il testimone di destra: via Dandolo
Dalla lettura del libro di Cucchiarelli emerge un filo rosso che lega eventi criminali, delittuosi e misteriosi quali piazza Fontana e gli altri attentati del 12 dicembre 1969, il defenestramento di Pinelli, l’incidente sul lavoro capitato all’editore Feltrinelli, l’omicidio del commissario Calabresi, la strage di Peteano e i traffici di armi, munizioni ed esplosivi che giungevano in Italia. A suffragare tale ipotesi ci pensa un anonimo testimone di destra che – evidentemente implicato e a conoscenza di fatti relativi alla "strategia della tensione" – fornisce una versione collimante con le tesi che sono circolare soprattutto in questi ultimi anni. Si parla dello strano intreccio fra anarchici, maoisti, "nazimaoisti" e neofascisti nella fase iniziale della "strategia della tensione", della strumentalizzazione degli anarchici da parte dei neofascisti, del ruolo dell’Amministrazione USA del Presidente repubblicano Richard Nixon, ma anche degli israeliani nel finanziamento ed appoggio ad Ordine Nuovo e dei traffici di armi intercorsi fra gli ustascia croati e neofascisti italiani basati sullo scambio di esplosivo militare.

Si parla anche del coinvolgimento del potente Presidente dell’ENI e della Montedison Eugenio Cefis – che in "Profondo Nero" scritto d Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza (Chiarelettere - 2009) viene dipinto come il trait d’union fra la "strategia della tensione" e i delitti del Presidente dell’ENI Mattei, del giornalista De Mauro e del poeta Pasolini – come finanziatore dell’eversione e dei traffici d’armi anche tramite i fondi messi a disposizione degli americani. Ciononostante la rivelazione più sorprendente riguarda il movimento di Lotta Continua il cui ruolo in queste vicende sarebbe sullo sfondo e secondario, ma non assente. Si citano incontri in via Dandolo a Roma, ove si stampava il giornale del movimento.

Non viene detto esplicitamente, ma implicitamente si rimanda all’orchestrazione della violenta campagna stampa diretta contro Calabresi. Come sempre in questi casi, le versioni rese ai giornalisti da testimoni anonimi e probabilmente interessati sono da prendere con ampio beneficio del dubbio. Pur tuttavia l’indirizzo della sede della tipografia di Lotta Continua non emerge per la prima volta. Anzi via Dandolo ci introduce nel bel mezzo della storia di un’impresa editoriale curiosa e con risvolti piuttosto inquietanti.
Facciamo qualche passo indietro nel tempo…
 
Una curiosa impresa familiare

Questa curiosa storia è stata narrata in modo succinto dal compianto giornalista investigativo del "Giorno" Marco Nozza e riportata nel suo libro "Il pistarolo" (Il Saggiatore – 2006). Tutto comincia quando uno stimato cattedratico, il professore di Diritto Canonico dell’Università di Bologna, Giuseppe Caputo, decide di rassegnare le dimissioni dal Partito Radicale di Marco Pannella di cui è esponente nazionale. La lettera di dimissioni inviata al settimanale "Notizie Radicali" al numero 8 di via Dandolo a Roma – indirizzo che ricorrerà spesso nelle vicende qui trattate – non viene pubblicata.

Il nostro professore decide allora di inviare la lettera all’indirizzo della società tipografica che stampa il giornale, la Stacmor, ma non la trova nell’elenco telefonico. Gli viene dunque consigliato di cercare invece la Dapco e dall’elenco risulta che quest’ultima è "Editrice del "Daily American", il giornale degli americani di Roma. Incuriosito, il professor Caputo decide di svolgere le sue brave indagini – illustrate ne "La rosa rubata. Libro bianco sul Partito Radicale" - e, oltre, a scoprire i giornali e i periodici stampati dalla Dapco – fra cui naturalmente "Notizie Radicali" e "Lotta Continua" – viene a sapere che l’impresa è riconducibile a uomini della CIA, l’Agenzia di intelligence americana. Dal 1964 il "Daily American", foglio di chiara matrice conservatrice, è amministrato da Samuel Meek che della CIA è fiduciario.

Nel 1968 giunge in Italia – a Roma – un altro americano, Robert Hugh Cunningham che entra immediatamente in società con Meek nel giornale letto dagli americani a Roma. Proprietario di un buon numero di negozi a getto continuo in Ohio, Cunningham non è un semplice agente o fiduciario, bensì uno strettissimo collaboratore del direttore della CIA – dal 1966 al 1973 – Richard Helms, che verrà ricordato soprattutto per aver appoggiato i preparativi del golpe del generale Pinochet in Cile secondo le direttive ricevute dal Presidente Nixon e dal suo Segretario di Stato Henry Kissinger, vera eminenza grigia dell’amministrazione repubblicana. E’ stato l’ex agente della CIA "pentito" Victor Marchetti a svelare l’identità del collega Cunningham nel suo "Culto e mistica dei servizi segreti edito da Garzanti sottintendendo come il "Daily American" altro non fosse che un’attività collaterale dell’Agenzia.

Infatti secondo un’inchiesta del "New York Times" svolta nel lontano 1977, il "Daily American" rientra nel novero delle pubblicazioni utilizzate dalla CIA per influenzare l’opinione pubblica. Ma l’attività del collaboratore di Helms non si limita alla gestione di questo strumento nelle mani della CIA e dell’Ambasciata americana a Roma, e fornisce il proprio supporto a diverse pubblicazioni italiane dalle più disparate collocazioni ideologiche e politiche. Il 27 giugno del 1968 viene costituita la Dapco con rogito del notaio Antonio Santarelli. Amministratore della società è Robert Hugh Cunningham che immediatamente fa lavorare a pieno regime la tipografia sita in via Dandolo 8. Fra le pubblicazioni che si giovano dei suoi servizi ne spiccano due: "Nuova Repubblica" e l’"Assalto".

Il primo è il settimanale dell’omonimo movimento di Randolfo Pacciardi, già Ministro della Difesa, massone e decisamente filoatlantico e filoamericano, molto apprezzato dall’Ambasciatrice americana Clare Booth Luce, moglie di un potente tycoon statunitense accesamente anticomunista. Espulso dal Partito Repubblicano per la sua ostilità nei confronti della politica di centrosinistra e per le frequentazioni con reduci e nostalgici della Repubblica di Salò, aveva fondato "Nuova Repubblica"a metà degli anni Sessanta con l’intenzione di promuovere l’instaurazione di una repubblica presidenziale sul modello gaullista e fedele agli impegni militari presi con la NATO.

Tale posizione verrà abbracciata dall’ex partigiano bianco, anticomunista e antifascista, piduista dalle numerose entrature americane ed inglesi, Edgardo Sogno quando si metterà alla testa dei Comitati di Resistenza Democratica e da un altro reduce della Resistenza "bianca" apprezzato dagli americani, Carlo Fumagalli, capo dell’organizzazione terroristica MAR. Il presidenzialismo dalle forti tinte autoritarie viene spesso associato ai tentativi golpisti minacciati o naufragati e il nome dello stesso Pacciardi viene accostato al Piano SOLO del generale Giovanni De Lorenzo e al "golpe bianco" ideato da Edgardo Sogno e da Luigi Cavallo, l’ex comunista esperto nelle operazioni di provocazione. In entrambi i casi avrebbe dovuto entrare a far parte delle giunte golpiste con cariche ministeriali prestigiose – Sogno lo avrebbe voluto come Presidente del Consiglio -.

Nonostante il passato da combattente antifascista, reduce della guerra civile spagnola, Pacciardi accolse nel suo piccolo movimento, molti reduci di Salò e neofascisti come Giorgio Pisanò, uomo di fiducia del "Noto Servizio", settore occulto dei servizi di informazione nato dal vecchio SIM, e Giano Accame che figurava fra i partecipanti del già citato convegno dell’Istituto Pollio sulla "Guerra Rivoluzionaria". Il secondo giornale stampato dalla società di Cunningham non lascia spazio ad equivoci: l’"Assalto" diretto da Pietro Caporilli e Nino Capotondi è l’organo di un movimento dalle evidenti connotazioni fasciste denominato Riscossa Nazionale.

Nel primo numero – uscito nel giugno del 1969 – si invoca l’intervento delle forze armate e della polizia per riportare l’ordine e debellare la delinquenza con l’uso delle armi. Compare anche un leit motiv proprio delle destre, il ripristino della pena di morte. Apparentemente Cunningham sta fornendo mezzi e supporto per rafforzare le destre italiane, sia le frange del golpismo presidenzialista e atlantico, sia quelle che si rifanno al modello dei militari golpisti in Grecia, per modificare gli equilibri della politica italiana e spostarne l’asse più a destra. Tuttavia il 1° dicembre del 1971 il figlio del collaboratore di Helms, Robert Hugh Cunningham jr viene nominato amministratore di una seconda società tipografica, la Art- Press costituita con rogito presso il notaio Domenico Zecca. La Art-Press si dedica alla stampa di "Lotta Continua", l’organo dell’omonimo movimento che, meglio degli altri, incarna lo spirito del Sessantotto e della Nuova Sinistra. Apparentemente ci si trova di fronte a due società e imprese diversissime: se la Dapco di Cunningham sr si offre di dare impulso alle destre più o meno estreme, la Art- Press del più giovane e moderno Cunningham jr si situa decisamente nel campo della sinistra giovanile e giovanilista. Conflitto generazionale in famiglia ?

Niente affatto, perché la Dapco e la Art-Press sono sostanzialmente la stessa cosa: entrambe le società contano come soci i Cunningham – padre, madre e figlio – e hanno sede a Roma al civico numero 8 di via Dandolo. Insomma una curiosa impresa familiare, quasi sicuramente al servizio della CIA con tanto di divisione del lavoro e di compiti fra la "destra" (Dapco) e la "sinistra" (Art-Press). Il riferimento comunicato dal misterioso testimone di destra a Cucchiarelli comincia ad avere senso. Ma perché la CIA dovrebbe dedicarsi alla stampa del giornale del maggiore movimento dell’estrema sinistra extraparlamentare postsessantottina che, non di rado, spara bordate tremende contro la NATO e l’imperialismo americano. Per il momento lasciamo in sospeso questa domanda e chiediamoci invece se i giovanotti di Lotta Continua potevano essere tanto ingenui da non credere di non poter essere manovrati o strumentalizzati da una famiglia di americani devoti alla CIA.

In realtà, guardando al passato, colpiscono la spregiudicatezza e la disinvoltura della leadership di Lotta Continua, movimento di "rivoluzionari" che non disdegnavano appoggi e finanziamenti provenienti da coloro che, in teoria, avrebbero dovuto essere avversari politici. Sofri & c. ricevevano i finanziamenti che il leader "autonomista" del PSI Giacomo Mancini faceva pervenire tramite il petroliere Nino Rovelli. Con ogni probabilità l’informazione proviene dalla fonte del SID interna al movimento "Partenope" ed è stata pubblicata dal solito giornalista – spia Mino Pecorelli su OP ("Mancini, Rovelli e i soldi di Lotta Continua" dell’11 settembre 1975). Mancini non è nuovo a frequentazioni con esponenti della sinistra extraparlamentare e le sue conoscenze spaziano dall’Autonomia Operaia al brigatismo. A quanto sembra tali aperture nei confronti di ambienti "sovversivi" erano motivati sia dalla necessità di attrarre i giovani verso il PSI, sia di allontanarli dal PCI spingendo quest’ultimo verso una posizione repressiva e di rottura nei confronti dei movimenti. Curiosamente – ma non troppo – nel Piano di Rinascita Democratica, il progetto neoconservatore della loggia P2 di Gelli Mancini viene indicato come uno degli uomini adatti a rivitalizzare il PSI accanto a Craxi e, perciò, destinatario dei fondi dell’organizzazione.

Alcuni appunti appartenenti al dominus dell’Ufficio Affari Riservati del Viminale, Federico Umberto D’Amato descrivono incontri conviviali e pranzi con il leader di Lotta Continua Adriano Sofri. Anni dopo quest’ultimo avrebbe rivelato che proprio D’Amato avrebbe voluto che Lotta Continua compisse alcuni omicidi di esponenti dell’organizzazione terroristica di estrema sinistra NAP. Secondo la sua versione venne opposto un netto rifiuto. Tuttavia la frequentazione del capo dell’Ufficio Affari Riservati da parte di Sofri non è meno sorprendente del rapporto intrattenuto con i Cunningham.

Iscritto alla P2, Federico Umberto D’Amato è, per sua stessa ammissione, stato un uomo della CIA in Italia e ha diretto a lungo l’Ufficio Sicurezza del Patto Atlantico per il rilascio dei NOS. Fondatore del club Berna (1971), organismo di incontro e coordinamento fra servizi di informazione e polizie europee, ha potuto contare sull’amicizia del leggendario agente dell’OSS e poi della CIA James Jesus Angleton, già amico del principe "nero" Junio Valerio Borghese, comandante della X MAS della Repubblica Sociale, coinvolto nel progetto golpista del 1970. Dal 1967 al 1975 Angleton dirigerà l’operazione CHAOS della CIA, un gigantesco programma di manipolazione, infiltrazione e provocazione nella Nuova Sinistra più o meno marxista leninista, maoista, anarchica o libertaria e nei movimenti hippie, underground e giovanili negli USA, in Gran Bretagna, nella Germania Federale, in Francia, in Italia e in Spagna.

Lo stesso D’Amato verrà spesso indicato come uno dei grandi manovratori della "strategia della tensione" grazie all’opera di penetrazione effettuata sia nei confronti dell’estrema sinistra che dell’estrema destra. In particolare riuscì a sfruttare l’attivismo anticomunista di Avanguardia Nazionale, il movimento neofascista di Stefano Delle Chiaie, particolarmente impegnata nell’infiltrazione dei gruppi e gruppuscoli maoisti ed anarchici e nell’allestimento del movimento "nazimaoista" e instaurò un proficuo rapporti "informativo" con Delfo Zorzi, accusato dal giudice Salvini di essere il bombarolo veneto della strage di piazza Fontana. Una bella compagnia di giro… E’ lo stesso Marco Nozza a ritrarre il cinismo dei "sovversivi" di Lotta Continua… Quando chiese a uno dei maggiori dirigenti del movimento – poi esponente dei radicali e dei Verdi – se non fosse per caso motivo di imbarazzo il fatto che i Cunningham, in odore di CIA, stampassero il giornale di Lotta Continua, si sentì rispondere che "la CIA fa buoni prezzi."
 
L’uomo dalle mille maniglie…
Mentre i Cunningham diversificano la loro attività commerciale e produttiva con il padre che si prende carico della stampa di fogli di "estrema destra", mentre il figlio opta per il supporto a giornali e pubblicazioni di "estrema sinistra", si verifica un cambiamento importante nell’assetto societario della SPA Rome American Daily, la società per azioni che possiede il giornale degli americani residenti a Roma. I membri del consiglio di amministrazione si dimettono per fare posto a due signori che, con deliberazione dell’assemblea ordinaria del 27 settembre 1971, accettavano di diventare amministratori della SPA Rome American Daily. Sono Matteo Macciocco, nato ad Olbia (Sassari) il 1° aprile del 1929 e Michele Sindona, nato a Patti (Messina) l’8 maggio 1920.

Il nome del primo dei due nuovi amministratori risulta ai più sconosciuto, ma il secondo è proprio il celeberrimo e famigerato banchiere di Patti che in quel tempo era uno degli uomini più potenti del mondo della finanza non solo italiana. Su Michele Sindona si potrebbero riempire decine di tomi come sul sodale e amico – nemico Licio Gelli, il capo della loggia P2. Businessman, banchiere e consulente finanziario del Vaticano, piduista e influente massone, riciclatore dei capitali illeciti di Cosa Nostra italoamericana e di quella siciliana, finanziatore di operazioni clandestine per conto di diversi servizi segreti, Sindona è stato uomo dalle mille maniglie, il punto di snodo e crocevia fra poteri e potentati massonici, economici, finanziari, industriali, politici, clericali o semplicemente mafiosi e criminali.

La loggia P2, la massoneria americana, inglese e italiana, la finanza internazionale ed italiana, settori politici, militari e dei servizi segreti di USA, Gran Bretagna e Italia, il Vaticano e lo IOR, le correnti democristiane capeggiate da Andreotti e da Fanfani, la mafia italoamericana e quella sicula, le strutture paramilitari atlantiche, associazioni, lobbies e gruppi di pressione che fungono da cerniera fra il mondo angloamericano e l’Italia, ecc… Un universo complesso, variegato ed inquietante che stende i suoi numerosi tentacoli sulla piccola Italia. Quel che accomuna i numerosi elementi che ne fanno parte è la costante adesione ad un assetto di potere finanziario, economico, politico e militare di ascendenza americana, anglosassone ed atlantica che si espande a detrimento di ogni idea di democrazia, socialismo e sovranità nazionale. Una rete complessa di interessi non priva di tensione, conflitto e dialettica fra tali elementi, ma caratterizzata dall’idiosincrasia e allergia nei confronti di una certa idea del bene pubblico, dell’interventismo statale in economia e del welfare.

Da qui discende la mai sopita ossessione per il pericolo del "comunismo" sempre pronto a imporre la sua visione "statalista". Strenuo campione e difensore del liberismo sfrenato, lo spregiudicato Sindona è riuscito ad edificare un enorme ed esteso impero finanziario, industriale ed economico in Italia e perfino negli USA rilevando la proprietà e i pacchetti azionari di maggioranza di un gran numero di istituti bancari e finanziari, proprietà immobiliari, società commerciali, industrie e fabbriche, ecc… Già nel 1967 il banchiere siciliano era stato segnalato dall’FBI alle autorità italiane come persona implicata nel traffico di stupefacenti della mafia italoamericana, tuttavia era riuscito a fare della sua Banca Privata Italiana – un nome, un programma - la prima nel settore del credito privato. Nel luglio del 1972 era riuscito ad acquisire la Franklin National Bank di New York, una delle più rinomate ed importanti banche americane.

Il suo prestigio, la sua influenza e il suo potere erano enormi quando ancora non era il "mafioso Sindona". Ancora nel 1974 il suo più importante amico e protettore politico italiano, l’eterno Giulio Andreotti ebbe a definirlo "il salvatore della lira" mentre l’Ambasciatore americano John Volpe lo premiò insignendolo del titolo di "uomo dell’anno". Le entrature di don Michele presso facoltosi ambienti internazionali, specialmente americani ed inglesi sono a dir poco di tutto rispetto godendo dell’amicizia e della fiducia del Presidente Nixon e del suo Segretario al Tesoro David Kennedy. I contatti americani risalgono probabilmente alla Seconda Guerra Mondiale, quando il "cerchio della mafia" (Corvo, Scamporino, Gigliotti, ecc…) dell’OSS stabilì solidi rapporti con Cosa Nostra italoamericana e i mafiosi siciliani al punto da rendere indistinguibili i contorni delle diverse organizzazioni criminali e i loro rispettivi confini.

Sul versante inglese Sindona ha intrecciato una duratura amicizia fondata sulla comunanza di affari ed interessi con John McCaffery, rappresentante della Hambros Bank di Londra ed ex agente del SOE (Special Operations Executive), l’organismo militare dell’Esercito inglese che, durante la Seconda Guerra Mondiale, attuava azioni di sabotaggio dietro le linee nemiche. Lo stesso fondatore dell’istituto, John Hambro, era stato il capo del SOE. A dimostrazione di una frequentazione assidua e non superficiale, Sindona assumerà il figlio di McCaffery nella Banca Privata Italiana. Senza tema di esagerare In quel tempo un uomo come Sindona era capace di trattare da pari a pari con i Rothschild o i Rockefeller. Nell’ambito della presente trattazione a noi interessa, appunto, descrivere almeno per sommi capi, l’attività finanziaria e criminale di Sindona possibilmente collegata alle trame eversive, golpiste e terroristiche con implicazioni americane e atlantiche sia pure indirette.

Il contributo di generosi e leali personalità che, come "privati cittadini" si muovono per contrastare il pericolo "comunista" è naturalmente ben accetto, soprattutto quando costoro possiedono grandi disponibilità di capitali e liquidità. La rete finanziaria allestita e gestita dal trio Sindona – Marcinkus – Calvi (Banca Privata Italiana – IOR – Banco Ambrosiano) e l’ovvio collegamento con i maneggi della P2 del duo Gelli e Ortolani sembrano convalidare la testimonianza del sedicente contractor CIA Richard Brenneke che parlò di un rapporto stretto fra CIA, P2 e Cosa Nostra italoamericana e siciliana per quel che concerneva i finanziamenti dei traffici di armi e droga e del terrorismo di ogni matrice ideologica a partire dal 1969. Ma alle bombe e ai proiettili si accompagna inchiostro abbondante…

E’ su sollecitazione dell’Ambasciatore americano a Roma Graham Martin che nel 1972 rilevò la proprietà dell’SPA Rome Daily American da Robert Hugh Cunningham e Samuel Meek, ossia dalla CIA, di concerto con l’italoamericano Mark Antinucci e il generale americano di divisione dell’Aeronautica in pensione Sory Smith, a capo del gruppo consultivo di assistenza militare in Italia. A questo punto è chiaro che l’acquisizione rientra in un’operazione concepita dagli americani che hanno chiesto la disponibilità di Sindona. Anticomunista viscerale ed esponente dell’ala più "destrorsa" del Partito Repubblicano americano, alla vigilia delle elezioni del 1972, l’Ambasciatore Martin si era assunto il compito di affidare nelle mani del direttore del SID Vito Miceli, con il quale condivideva l’ossessione per una presa del potere da parte dei comunisti e delle sinistre, ben 10 milioni di dollari da erogare ai partiti e alle correnti politiche ritenute affidabili.

Tale circostanza è stata appurata dalla commissione della Camera USA presieduta dal deputato Otis Pike che rilevò anche come la CIA fosse stata scavalcata dall’Ambasciatore nella gestione di quei fondi, con grande irritazione del Capo Stazione di Roma Rundolph Stone (il cui nominativo comparirà nella lista degli iscritti alla P2). Direttore del SID (Servizio Informazioni Difesa) dal 1970 al 1974, già direttore del SIOS dell’Esercito, affiliato alla loggia P2 e, in seguito parlamentare dell’MSI, Vito Miceli rimane una figura assai discussa di quegli anni. Nonostante la nomina come direttore del SID determinata dall’appoggio decisivo del Venerabile Gelli e la fiducia accordata dall’Amministrazione Nixon, Miceli passerà qualche brutto quarto d’ora a causa delle inchieste giudiziarie sul golpe Borghese e sulla Rosa dei Venti/SuperSID. In genere si ritiene che sia stato proprio Miceli a far conoscere Licio Gelli a Michele Sindona e, quindi, a convincere quest’ultimo – sempre in cerca di alleanze e protezioni - a iscriversi alla loggia gelliana.

Tuttavia è forse più probabile che Gelli e Sindona si fossero conosciuti prima, mentre era in corso il processo di unificazione della Massoneria italiana con il tentativo di fusione fra la comunione del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani sotto la guida del Gran Maestro Lino Salvini e quella di Piazza del Gesù retta dal Gran Maestro Francesco Bellantonio, cognato dello stesso Sindona. Il Venerabile Gelli e il finanziere Sindona erano estranei a questo processo ? Non sembrerebbe… Nel 1973 gli affiliati della loggia coperta Giustizia e Libertà, fiore all’occhiello della Massoneria di Piazza del Gesù, confluirono nella loggia Propaganda 2 del Grande Oriente d’Italia. Fra costoro c’era anche Sindona.

Per quale motivo gli americani decidono chiedere al "privato cittadino" Sindona di assumere il controllo della proprietà e della gestione del "Daily American" subentrando a Cunningham e Meek, uomini della CIA ? Nel classico "Il mistero Sindona" (Alet Edizioni – 2009) lo stesso Sindona rivelò allo scrittore americano Nick Tosches che l’Ambasciatore Martin temeva che il giornale in lingua inglese degli americani di Roma – che finanziariamente non navigava in buone acque – potesse essere comperato da personaggi vicini al PSI. Tuttavia sembra più probabile che Martin volesse estromettere l’Agenzia dalla gestione e dal controllo delle operazioni clandestine in Italia, come dimostra la questione dei fondi da distribuire ai partiti "amici" prima delle elezioni del 1972. Si deve anche rilevare che, nella comune prospettiva di contenere l’avanzata elettorale del PCI e di impedire qualsiasi tentativo di accordo fra i democristiani e i comunisti, si erano formati diversi gruppi e fazioni all’interno dei settori dei servizi segreti, istituzionali, massonici, diplomatici, finanziari, economici, industriali, politici e militari presenti negli USA e in Italia almeno a partire dall’abortito tentativo di golpe del principe Borghese (1970).

Analiticamente possiamo identificare almeno tre fazioni che divergono sul problema della strategia di contenimento anticomunista da adottare e che, probabilmente, riflettono anche interessi e aspettative differenti. Un gruppo tradizionalmente destrorso e conservatore rimane abbarbicato alla ristretta logica del golpe militare sul modello della Grecia dei colonnelli. Un altro gruppo, invece, neoconservatore e "postmoderno", decide di abbandonare tale prospettiva per puntare sulla penetrazione istituzionale e sulla cooptazione di tutto l’arco costituzionale senza escludere un PSI egemonizzato dall’ala "autonomista" e l’assorbimento di ampi settori della Nuova Sinistra.

In mezzo l’ala del "golpe bianco" (Sogno, Cavallo, Pacciardi, Fumagalli) che persegue una riforma istituzionale presidenzialista anche attraverso un colpo di mano e con l’appoggio di tutti i partiti con l’ovvia esclusione del PCI e dell’MSI. Si può presumere come tali differenti posizioni si siano manifestate anche all’interno dell’Amministrazione Nixon. In aderenza a tale interpretazione si deve, quindi, desumere che l’Ambasciatore Martin, rappresentante della fazione "italoamericana" golpista e reazionaria, abbia sfilato il controllo del Daily American all’ala "progressista" della CIA. Non è però da escludere che Sindona si sia semplicemente offerto a prestare una copertura alle attività delle agenzie di intelligence americane e dell’Ambasciata USA. In effetti nella storia della CIA, come delle altre agenzie americane e non solo, si è verificato molto spesso che "privati" si adoperassero per fornire supporto e copertura alle azioni clandestine. In buona misura le vicende di Sindona, come anche dei Gelli, degli Ortolani, dei Calvi e – perché no ? – dei Marcinkus lo dimostrerebbero…

E’ dato incontrovertibile e difficilmente confutabile l’implicazione di Michele Sindona nei tentativi di golpe e nelle trame eversive che, con tanto di corollario terroristico, hanno sconvolto la vita politica e sociale nella prima metà degli anni Settanta. Dalle tracce documentali e dalle testimonianze si ricava che – dal golpe del principe Borghese a quello dei "golpisti bianchi" legati a Sogno, passando per la Rosa dei Venti e altri tentativi meno noti o sconosciuti – Sindona finanziò generosamente e lautamente i vari progetti. Naturalmente nell’ambito del mondo finanziario e industriale non era il solo, affiancato da altri grandi magnati come il sempre presente Eugenio Cefis, il petroliere ed editore Attilio Monti, l’industriale Piaggio e diversi armatori genovesi. Inizialmente hanno quasi certamente partecipato alle erogazioni gli esponenti del capitalismo familiare come Agnelli e Pirelli e il guru della finanza italiana Enrico Cuccia, Presidente di Mediobanca, il tempio finanziario italiano.

Inoltre, pur nella diversità di intenti e programmi, in ogni progetto golpista sono state lasciate tracce di settori istituzionali, politici, militari e dei servizi segreti americani, inglesi e italiani, della massoneria e della mafia siciliana e calabrese. In piena sintonia con gli obiettivi della CIA, per mezzo della sua Banca Privata Italiana e della Finabank, filiale svizzera del suo impero, Sindona finanziò i colonnelli greci saliti al potere nel 1967. Nel corso dell’inchiesta della magistratura padovana sull’organizzazione eversiva ed atlantica Rosa dei Venti il sindacalista di destra Roberto Cavallaro rese testimonianza di un incontro in una villa del vicentino risalente al 1973 a cui parteciparono lo stesso Sindona, ufficiali dell’esercito ed esponenti dei servizi segreti americani ed italiani e rappresentanti delle istituzioni. I partecipanti si proponevano di ideare e organizzare un colpo di stato che avrebbe insediato un esecutivo guidato dall’onorevole Andreotti.

Secondo Cavallaro Michele Sindona era il principale finanziatore della Rosa dei Venti. Sottratta al giudice di Padova Tamburino per approdare al più tranquillo Palazzaccio romano, nota sede di insabbiamenti, diversamente l’inchiesta sulla Rosa dei Venti avrebbe potuto portare a risultanze sorprendenti se coltivata fino in fondo… Lo stesso Cavallaro svelò l’esistenza di un’organizzazione X che andava a coincidere in gran parte con la GLADIO o struttura simile della rete atlantica STAY BEHIND. A tale struttura erano affidati compiti di controinsorgenza, ma in caso di necessità, poteva attivare i "gruppi paralleli", formazioni sia di estrema destra che estrema sinistra, per provocare situazioni di violenza, disordine e caos per giustificare l’intervento delle forze armate e il conseguente "colpo dello stato". Secondo il pentito di mafia Angelo Siino, il "ministro dei lavori pubblici" di Cosa Nostra, Sindona sarebbe stato più direttamente coinvolto in un progetto separatista in Sicilia risalente al 1972 con il supporto della mafia, della massoneria e del gruppo legato ad Edgardo Sogno, notoriamente uomo di fiducia di ambienti americani ed inglesi. Questo piano non avrebbe però raccolto l’assenso di Licio Gelli, contrario ai colpi di mano separatisti ed autonomisti.

Nel 1980 lo stesso Sindona testimoniò dinnanzi agli attoniti agenti dell’FBI che in caso di successo, la Sicilia separata dalla penisola sarebbe stata offerta agli USA come base navale nel Mediterraneo. Una dichiarazione scritta rilasciata il 3 luglio 1981 dall’amico ex agente segreto e socio d’affari inglese John McCaffery taglia forse la testa al toro. "Sindona è anticomunista, filoamericano, progettò un colpo di stato in Italia nel 1972. Era destinato ad insediare un governo filoamericano e capitalista. A questo progetto partecipai anch’io.". McCaffery aggiunse che entrambi ebbero colloqui con alti ufficiali delle forze armate italiane e che Sindona si incontrò con membri della CIA e funzionari di alto rango dell’Ambasciata americana. La dichiarazione di McCaffery conferma la testimonianza resa dal "rosaventista" Cavallaro, anche se non è ancora chiaro a quale progetto eversivo egli effettivamente partecipò.

Abile stratega della finanza, ma probabilmente non altrettanto accorto sul piano politico, si può pensare che si gettò in ogni avventura che potesse soddisfare le richieste dei più potenti ed influenti settori e circoli politici, finanziari, massonici e criminali americani e italoamericani. Nonostante il frenetico attivismo e la possibilità di usufruire di potenti amicizie e coperture, ciò non frenerà il crollo del suo impero sulle due sponde dell’Atlantico…
Nel biennio 1974 – 1975 si verifica una serie di avvenimenti che sconvolgono parzialmente gli equilibri di potere internazionali e ch difficilmente si possono considerare scollegati l’uno dall’altro. Uno dopo l’altro, crollano i regimi militari e fascisti in Portogallo, Grecia e Spagna incapaci ormai di reggere al peso dell’impopolarità e della mancanza generale di consenso.

Ormai le dittature di stampo reazionario non solo non sono in grado di tenersi in piedi senza l’esclusivo ricorso alla repressione più cieca, ma mancano di qualsiasi base di consenso. A ciò si aggiunga che l’Amministrazione del Presidente repubblicano Nixon è stata travolta dal cosiddetto scandalo Watergate che ha messo in luce lo spionaggio messo in atto nei confronti degli avversari repubblicani con la collaborazione anche di agenti prezzolati della CIA. Ma Nixon & c. vedono esaurire il grado del loro consenso anche a causa della prolungata avventura bellica vietnamita e indocinese che sta dissanguando le dissestate finanze dell’Amministrazione e dell’appoggio offerto al generale golpista cileno Pinochet contro un Presidente socialista democraticamente eletto come Salvador Allende. Sicuramente neanche l’apporto finanziario, diplomatico e militare offerto a vari tentativi golpisti non ha giovato a Richard Nixon.

Secondo l’ex ambasciatore Edgardo Sogno, il famoso "golpe bianco" che sarebbe dovuto scattare nell’agosto del 1974 – il mese della strage del treno Italicus -, venne interrotto proprio per la caduta di Nixon, facendo così mancare l’appoggio americano. Anche Michele Sindona si ritrova a non poter più contare sulla potente amicizia di Nixon e il suo impero finanziario crolla come un castello di carta in pochi mesi. Non è certo escluso che a questa situazione concorsero le forze della finanza laica capitanate dal solito Enrico Cuccia, da sempre avversario di Sindona. Scatole cinesi, società offshore, controllate, holding, ecc…

Le tessere del domino cadono ad una ad una… Viene a galla la situazione debitoria della Banca Privata Italiana e nell’autunno del 1974 il Tribunale di Milano avvia contro il banchiere siciliano una procedura per bancarotta fraudolenta e viene l’avvocato milanese Giorgio Ambrosoli viene nominato commissario liquidatore con l’incarico di ricostruire l’edificio finanziario ed economico sindoniano. Qualcosa di simile accade anche negli USA a New York per la Franklin National Bank. Nonostante perfino la Procura di New York abbia istruito un procedimento per frode finanziaria e fiscale, Sindona sceglie di fuggire negli States. Secondo il giornalista Pecorelli, già iscritto alla P2, la fuga di Sindona sarebbe stata agevolata dalla Massoneria, alludendo forse alla loggia di Gelli.

Il bancarottiere di Patti ha fiutato che il vento sta cambiando e forse teme l’ascesa dei comunisti al potere. Sicuramente la situazione politica, economica e finanziaria internazionale è assai mutata nell’arco di pochi mesi riflettendo una probabile modifica di strategie e prospettive fra i detentori del vero potere. In Italia sono in molti a doversi rifare una verginità antifascista, per cui, complice il solito Andreotti, si fa in modo di liquidare vecchi arnesi reazionari o di ridimensionare soggetti ormai ritenuti inaffidabili come il direttore del SID Miceli. Nello stesso tempo si cerca di occultare pezzi importanti della verità di quegli anni convulsi come il coinvolgimento della loggia P2 nelle varie trame cospirative. Le varie inchieste sui tentativi di golpe – Borghese, Rosa dei venti e il tentativo di Sogno e Cavallo – vengono sottratte al giudice naturale per approdare al solito Palazzaccio ove i magistrati ben rispondono alle aspettative andreottiane.

Per comprendere la svolta negli equilibri di potere, non si può prescindere dalla fondazione della cosiddetta Commissione Trilaterale (USA – Giappone – Europa occidentale) voluta da David Rockefeller, finanziere, magnate ed esponente dell’ala "liberal" del Partito Repubblicano, per raccogliere la crema del mondo diplomatico, finanziario, industriale, politico e giornalistico dell’Occidente con lo scopo di mettere a punto strategie più sofisticate di controllo delle masse e dell’opinione pubblica. Sopravvissuto al ciclone Watergate, Kissinger conserva la carica di Segretario di Stato con il Presidente repubblicano Gerald Ford, massone e già vicepresidente sotto l’Amministrazione Nixon.

Pur essendo stato implicato nel golpe cileno, Kissinger è membro autorevole della Commissione Trilaterale e, rendendosi conto che in Europa la riproposizione della modello della dittatura militare e fascista è ormai anacronistico, decide di puntare anche sui partiti socialisti e, per quanto riguarda l’Italia, comincia a guardare con interesse al giovane leader "autonomista" del PSI Bettino Craxi. Invece nell’ambito della Massoneria italiana e della loggia P2 viene congegnato il Piano di Rinascita Democratica superando le rozze manovre golpiste e privilegiando la penetrazione progressiva nelle istituzioni e il controllo dell’informazione e dei mass media in generale. La "Nuova Destra" neoliberista, neoconservatrice e neoliberale soppianta e si sbarazza delle destre conservatrici… Ma Sindona, con tutto quel che sa, rimane una spina nel fianco…

Gli amici non dimenticano mai gli amici, specie quando non è possibile ignorarne le richieste… Il 13 dicembre 1976 i legali di Sindona presentano alla Procura Distrettuale di New York una memoria difensiva e, in allegato, alcuni affidati, dichiarazioni giurate di diversi personaggi italiani, americani ed inglesi della massoneria, della politica e della finanza in relazione con il banchiere imputato, allo scopo di contrastare l’estradizione in Italia. Vi ritrovano vecchie conoscenze come Licio Gelli, Edgardo Sogno, John McCaffery e il cognato massone Francesco Bellantonio. Fra gli altri meritano la citazione il piduista Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Roma Carmelo Spagnuolo, il socialdemocratico "atlantista" Flavio Orlandi e la signora della finanza milanese Anna Beolchini Bonomi. Fra gli altri spicca l’italoamericano Philip Guarino, massone e in rapporti con la mafia e lobbies italoamericane e, in seguito, Presidente del comitato elettorale del Partito Repubblicano per l’elezione dell’ex attore hollywoodiano Ronald Reagan come Presidente degli USA. Sulla base della documentazione delle Commissioni Parlamentari di Inchiesta su Sindona e sulla loggia P2 si ricava che Guarino mediò i rapporti fra ambienti americani e italiani e, segnatamente, allacciò rapporti soprattutto con Gelli, Sindona e Miceli.

In Italia entra a far parte del collegio difensivo di Sindona, l’avvocato democristiano di destra, Massimo De Carolis, già animatore della Maggioranza Silenziosa, un movimento della pubblica opinione orientato decisamente a destra, affiliato alla loggia P2 – numero assegnato 1815, appena un numero "sotto" quello del futuro tycoon Silvio Berlusconi – e vicino al Noto Servizio, mentre il Presidente del Consiglio Andreotti si attiva per sistemare la situazione disastrata del sistema finanziario sindoniano. Da un lato si cerca di impedire l’estradizione in Italia che avrebbe portato ad un processo che non è conveniente per molti, dall’altro si vuole sistemare il "rosso" del decaduto impero sindoniano accollandone i costi sulla collettività. Per fortuna entrambi i tentativi falliranno…

Sindona non si fida fino in fondo e non vuole fare da capro espiatorio… Ricatta, intimidisce e minaccia di rendere nota la famosa "lista dei 500", l’elenco di amici, soci e clienti che si erano serviti delle sue capacità di occultare denaro, per esportare capitali ed evadere ingenti somme al fisco. In questa sua opera di pressione decide di avvalersi dell’esperienza di un provocatore di professione come Luigi Cavallo che gli era stato presentato dal sodale Edgardo Sogno.

L’opera prestata da Cavallo attraverso l’Agenzia A è intensa ed efficace: nel novembre del 1977 vengono affissi manifesti in cui si accusa il Presidente del Banco Ambrosiano Roberto Calvi di effettuare operazioni finanziarie irregolari ed illecite e diffusi manifesti e volantini firmati "Autonomia" in cui si invitava a sparare su esponenti prestigiosi del capitalismo italiano come lo stesso Calvi, il petroliere Nino Rovelli e l’editore Angelo Rizzoli jr. Ex comunista convertito all’anticomunismo più viscerale, Cavallo conosceva bene il linguaggio delle formazioni del Partito Armato e della sinistra extraparlamentare. Secondo la Magistratura torinese e quella milanese, Cavallo poteva essere in contatto con membri delle BR e di Prima Linea, poiché tali volantini riproducevano alla perfezione il frasario delle formazioni armate di estrema sinistra. Inoltre Cavallo era in possesso di missive e documenti che poteva aver ottenuto solo nell’ambito di tali ambienti sovversivi. Per evitare il precipitare degli eventi Gelli cercherà di mediare fra Sindona e Calvi riuscendo a mettere pace fra i due finanzieri. Tuttavia l’opera provocatoria di Cavallo commissionata da Sindona susciterà l’attenzione e l’interesse della Banca d’Italia per un’eventuale ispezione.

In quel periodo il piduista Roberto Calvi era il banchiere principale del gruppo capeggiato da Gelli e Ortolani e aveva appreso proprio dal Sindona tutti i segreti dei marchingegni di occultamento dei capitali e per le transazioni finanziarie attraverso le "scatole cinesi". Sindona non si limiterà a questo e si servirà degli amici della mafia siciliana per minacciare e intimidire Enrico Cuccia, da lui considerato il principale ostacolo alla soluzione dei suoi problemi giudiziari e finanziari, e l’avvocato Ambrosoli. Quest’ultimo verrà assassinato l’11 luglio 1979 a Milano per mano del killer professionista italoamericano Joseph Aricò su probabile mandato dello stesso Sindona. L’apoteosi delle pressioni ricattatorie di Sindona raggiungono il culmine il 3 agosto 1979, quando una telefonata anonima annuncia il suo rapimento. Si tratta, in realtà, di una simulazione… Ricordandosi del sequestro di Moro ad opera dei brigatisti, Sindona fa sapere di essere stato rapito da un gruppo similbrigatista che starebbe cercando di estorcergli informazioni sulla "lista dei 500". L’intento è quello di allarmare gli (ex) amici, soci e clienti, ma il sequestro è visibilmente finto. Non è ben chiaro quel che egli fece nel periodo successivo…

Fuggito da New York, Sindona fece tappa a Vienna e Atene probabilmente per recuperare documenti scottanti e utili a esercitare ulteriori pressioni. Complici e compagni di viaggio esponenti della Famiglia Gambino e delle altre famiglie mafiose di New York, della mafia palermitana dei Bontate e Inzerillo, della massoneria italoamericana e siciliana e di associazioni e lobbies italoamericane. Vi si ritrovano tutti gli inconfessabili comprimari delle scorrerie finanziarie sindoniane… Cosa Nostra è probabilmente interessata a recuperare i capitali incamerati con i traffici di droga e riciclati dalle banche di Sindona. Del viaggio di quest’ultimo si ricorderà probabilmente l’ex socio Roberto Calvi, quando, per ricattare i numerosi soci e protettori che gli avevano voltato le spalle e allontanare dal Banco Ambrosiano l’ombra del fallimento, si farà accompagnare a Londra da emissari vicini alla Banda della Magliana, notoriamente in affari con il boss mafioso di Porta Nuova Pippo Calò. Finirà appeso al Blackfriars Bridge nel giugno del 1982.

Giunto a Palermo, Sindona verrà ospitato nell’abitazione di Francesca Paola Longo, affiliata alla massoneria e verrà raggiunto dal medico italoamericano, nonché massone affiliato alla loggia Camea, Joseph Miceli Crimi. Per dare una parvenza di credibilità al sequestro, quest’ultimo sparerà ad una gamba del bancarottiere. Inoltre, in questo periodo, Miceli Crimi si recherà spesso nei pressi di Arezzo a villa Wanda per conferire con il Venerabile Maestro della loggia P2 Licio Gelli evidentemente al corrente di tutte le manovre ricattatorie di Sindona. Sarà proprio questo particolare a convincere i giudici milanesi Colombo e Turone che stavano indagando sulla fuga in Sicilia di Sindona a ordinare alla Guardia di Finanza il sequestro di documenti nella villa Wanda e negli uffici della Gio.Le, la fabbrica di tessuti di Gelli.

Così, nel marzo 1981, scoppia lo scandalo della loggia P2 e delle sue liste comprendenti ministri, parlamentari, politici, funzionari, banchieri, industriali, finanzieri, petrolieri, editori, alti ufficiali dell’Esercito, i vertici della Guardia di Finanza e della Polizia, dei servizi segreti, professionisti, giornalisti, gente dello spettacolo, ecc… Uno stato nello stato… Il 16 ottobre Sindona verrà ritrovato a New York e, successivamente tratto in arresto da agenti dell’FBI.
Non tutto è veramente stato chiarito sui motivi del viaggio di Sindona organizzato con la complicità "masso mafiosa". Veramente l’unico vero scopo perseguito era quello di ricattare gli (ex) amici agitando lo spauracchio della "lista dei 500" ? E’anche possibile che, clandestinamente, Sindona si fosse preso carico di sondare la fattibilità di una cospirazione separatista in Sicilia che, come abbiamo visto, era stata abbandonata nel 1972.

In tal modo si possono spiegare i numerosi contatti con esponenti della mafia italoamericana, di quella siciliana, della P2 e, più in generale, della massoneria. Segretamente Sindona avrebbe ricevuto il beneplacito da parte di importanti personaggi americani che, in tutta evidenza, non volevano essere coinvolti direttamente nel piano. A conferma di questa ipotesi, lo stesso Sindona amava esibire una lettera del contrammiraglio Max K Morris, rappresentante all’ONU per il Pentagono che lo ringraziava anche a nome dell’ammiraglio Alexander Haig, comandante militare del Pentagono dal 1976 al 1979. Morris avrebbe discusso del progetto anche con il direttore della CIA Stanfield Turner.

La figura di Alexander Haig merita di spendere qualche parola… Massone e assistente del Segretario di Stato Henry Kissinger durante le Amministrazioni Nixon, come Kissinger passerà indenne attraverso lo scandalo Watergate (1974). Molta pubblicistica gli attribuisce la conoscenza e la frequentazione di Licio Gelli e quest’ultimo, sarebbe stato esortato dallo stesso Haig e da Kissinger a iniziare alla massoneria quattrocento ufficiali fidati delle Forze Armate nel lontano 1969. Si trattava probabilmente della "leva militare" disponibile ad attuare un colpo di stato contro il "clericomarxismo" (leggi: il compromesso fra DC e PCI).

Successivamente si segnala come uno dei più prestigiosi animatori del CSIS (Center of Strategic and International Studies) di Georgetown), think tank che è anche il punto di incontro delle destre americane guerrafondaie e imperialiste. Ne fanno parte ex direttori delle maggiori agenzie di intelligence americane (CIA, DIA e NSA), professori delle più facoltose università americane, ex diplomatici, discepoli della scuola diplomatica kissingeriana, neoconservatori, falchi repubblicani ma anche democratici, rappresentanti degli interessi della mastodontica macchina industriale bellica, ecc… Oltre ad Haig in quegli anni l’istituto poteva annoverare fra i suoi più illustri frequentatori l’ex direttore della CIA e capo Stazione dell’Agenzia a Roma William Colby – colui che definì l’Italia il più importante laboratorio per le operazioni clandestine, il direttore del centro già vicedirettore CIA Ray Cline, la già citata ex ambasciatrice Booth Luce e l’ex Ministro delle Finanze e governatore del Texas John Connally, ex democratico passato nelle file dei repubblicani e in relazione con gli ambienti massonici e mafiosi italoamericani implicati nel falso sequestro di Sindona.

Fra i più brillanti consulenti del CSIS figura il giovane professore neoconservatore ed ex trockista Michael Ledeen, esperto nelle questioni italiane. Quando Reagan verrà eletto Presidente USA (1981) il novello Segretario di Stato Haig lo vorrà come assistente. Considerate le sue posizioni radicali in materia di politica estera Haig non durerà a lungo nell’Amministrazione Reagan e nel 1982 verrà costretto alle dimissioni. In genere si ritiene che sia l’ammiraglio Haig che il suo pupillo Michael Ledeen fossero coinvolti negli affari della loggia P2.

Che interesse potevano avere questi personaggi nei confronti del progetto separatista e "massomafioso" portato avanti da Sindona ? Alla fine degli anni Settanta gli USA e le altre potenze della NATO avevano deciso di installare un certo numero di missili Cruise nella base di Comiso in Sicilia in risposta all’aggressività della politica sovietica brezneviana. Questa decisione aveva provocato una vasta opposizione della società civile italiana e, segnatamente, siciliana. Inoltre si dubitava della lealtà atlantica dei democristiani morotei che ancora mantenevano un atteggiamento dialogante con i comunisti. In tale contesto poter staccare la Sicilia dalla penisola per proteggerne le installazioni militari poteva assumere un significato preciso sul piano strategico.

Curiosamente nello stesso periodo la feroce mafia corleonese - che si sta sbarazzando della vecchia mafia ad egemonia palermitana - dichiara una guerra terroristica allo stato italiano, falcidiando politici democristiani e comunisti, magistrati, prefetti, carabinieri, poliziotti e giornalisti. Un fenomeno interno puramente criminale o, in qualche modo vi entrano fattori strategici di carattere internazionale ?

L’infaticabile attivismo non gli servirà a nulla… Intorno a Sindona è stata fatta terra bruciata… Il potere della loggia P2 è stato come minimo pesantemente ridimensionato, i vecchi amici della mafia palermitana sono stati eliminati dai corleonesi, mentre i protettori americani hanno abbandonato don Michele al suo destino da tempo… Estradato nel 1984, processato e condannato all’ergastolo per l’assassinio dell’avvocato Ambrosoli, il 22 agosto 1986 Sindona morirà per avere ingerito un caffè avvelenato al cianuro. Omicidio o suicidio ? I dubbi non sono stati mai dissipati, ma, sicuramente con la morte del bancarottiere di Patti molti possono dormire sonni tranquilli. Massone, collaboratore e amico di Michael Ledeen e uomo di punta del SuperSISMI diretto dal generale piduista Santovito (Billygate, depistaggi delle indagini sulla strage alla stazione di Bologna, trattative per la liberazione dell’assessore campano Ciro Cirillo, caso Calvi), il giovane Francesco Pazienza non doveva essere a corto di informazioni sulle vicende che hanno riguardato Sindona. Dagli appunti che gli sono stati sequestrati, egli espone tre ipotesi su coloro che potevano volere la morte del banchiere: Andreotti, americani e Vaticano.
Così si conclude la vicenda umana, finanziaria e criminale di un uomo dalle mille maniglie…
 
Di padre in figlio: sempre più a "sinistra"…
Con il crollo dell’impero di Sindona anche il "Daily American" entra in crisi e, nel 1976, in sua sostituzione, Cunningham padre e figlio fondano un altro giornale in lingua inglese, il "Daily News". Pare che ormai la loro attività editoriale sia totalmente sganciata dalla CIA anche perché l’Agenzia non sta attraversando un momento felice per la crisi di immagine e per l’indagine della Commissione senatoriale presieduta dal vicepresidente Nelson Rockefeller. Ciononostante è presumibile che in tale frangente il contributo offerto da "privati" di fiducia sia stato decisivo e i Cunningham sono tra le altre cose infaticabili ed intraprendenti uomini d’affari.

Nel febbraio del 1977 viene decisa la fusione fra la Art-Press (amministrata da Cunningham jr) e la Dapco (gestita dal padre) per costituire una nuova società tipografica, la Stacmor che principalmente stampa il bollettino del Partito Radicale e pannelliano, "Notizie Radicali". La sede della Stacmor è sempre sita in via Dandolo 8 e ospita anche il comitato radicale per i referendum. D’altronde in quegli anni Pannella si propone come punto di riferimento dell’ondata sessantottina più "libertaria", senza trascurare i rapporti con gli amici di Lotta Continua e la rivista "Re Nudo" che tra misticismo orientale, amore e sesso libero, cultura underground e delle droghe "leggere", riassume lo spirito che serpeggia in molti strati giovanili. Ormai l’impresa editoriale è passata decisamente nelle mani di Cunningham jr che si getta ulteriormente a "sinistra"…

Cosa può spingere degli americani repubblicani e neoconservatori a fornire supporto alle frange della sinistra neolibertaria, in teoria molto distante dalle loro posizioni ? Certo si può pensare che l’accettazione dell’aiuto americano sia inconsapevole e denoti soprattutto ingenuità… Ma "la CIA fa buoni prezzi"… Robert Hugh Cunningham jr cerca di diversificare la sua attività dimostrando una certa oculatezza e l’8 febbraio 1975 si mette in società con i giovanotti di Lotta Continua per costituire la cooperativa "Tipografia 15 giugno". Fra i soci del gruppo: Lionello Massobrio – responsabile amministrativo e finanziario di Lotta Continua -, Marco Boato, Pio Baldelli, Angelo Brambilla Pisoni, tutti esponenti di primo piano del movimento…

Più il cittadino americano Robert Hugh Cunningham jr ! Come avverte la nota sul frontespizio di uni dei libri pubblicati dalla "Tipografia 15 giugno", "Questa tipografia è stata costruita con migliaia di contributi dei compagni, dei democratici (…), perché diventi uno strumento per tutte le organizzazioni popolari e i gruppi della sinistra che trovano difficoltà a produrre giornali, riviste, opuscoli, libri, manifesti". Così, non solo la cooperativa tipografica di Lotta Continua prosegue l’attività di stampa del giornale del movimento, svolta prima dalla Art-Press dei Cunningham, trasferendo la sede in via dei Magazzini Generali, ma offre i suoi servizi anche alle altre organizzazioni della sinistra extraparlamentare, soprattutto nell’area della cosiddetta "Autonomia".

Fra i giornali stampati dalla "Tipografia 15 giugno" risulta, appunto, la testata "Autonomia", settimanale del gruppo padovano raccolto intorno al discusso professore Toni Negri. Generalmente "Lotta Continua" che, ufficialmente, designa ormai solo un giornale "militante" e non più la disciolta e omonima organizzazione extraparlamentare, viene ritenuta la voce "critica e ragionevole del Movimento", confrontandosi in maniera dialettica con gli altri più aggressivi gruppo, tuttavia la società tipografica "lottacontinuista" offre il suo generoso supporto alle pubblicazioni riconducibili all’"Autonomia" che, al contrario, propugna la diffusione della lotta armata a livello di massa. Gli autonomi si introducono e si infiltrano nel Movimento del Settantasette, provocando incidenti e facendo degenerare le proteste. Nel 1977 le piazze di Roma, Milano e Bologna diventano terreno di violentissimi scontri fra polizia e manifestanti. Nei cortei cominciano a circolare le pistole fra autonomi e manifestanti camuffati e si cominciano a contare i morti dai due lati della barricata. L’ambiguità dei più autorevoli membri di Lotta Continua pare specchiarsi in quella dei Cunningham…
 
Arrivano i rampanti anni Ottanta
La stagione dello (pseudo)terrorismo e della violenza diffusa non è destinata a durare… Bande di giovani "rossi" e "neri" si dividono le zone della città conducendo una specie di guerra fra bande, ormai quasi priva di contenuto realmente politico e alimentata da un’autoreferenzialità basata sulla violenza esercitata in varie forme. Sostanzialmente ci si trova di fronte all’incontenibile aggressività si gang giovanili dedite a comportamenti trasgressivi senza costrutto e addirittura distruttivi. In questo clima è proprio l’impegno politico ad esaurirsi progressivamente, tanta è la delusione e il disgusto di fronte a comportamenti ed atteggiamenti irrazionali, intolleranti e perfino criminali. Molti si rifugeranno nel privato, coltivando le proprie individualistiche aspirazioni, ricercando la carriera, il profitto o il successo, o, semplicemente, coltivando la cura del proprio corpo o della personalità, altri cercheranno di esprimere la propria creatività.

Malessere, delusione, inadeguatezza nei confronti della vita spingeranno molti giovani all’autodistruzione indotta dal consumo di eroina, che per un certo periodo assume proporzioni più che preoccupanti. E’ già un altro mondo… Soprattutto dopo il sequestro e l’esecuzione dell’architetto del Compromesso Storico fra DC e PCI, Aldo Moro, il quadro generale della politica si stabilizza. Le varie aree extraparlamentari vengono presto azzerate contribuendo all’egemonia della politica ufficiale e istituzionale raccolta intorno ai partiti. Dove non è arrivato il disimpegno e la delusione, dove non è giunto il ripiegamento sul privato, ci ha pensato l’efficiente ondata repressiva che ha colpito nel mucchio… Certo qualsiasi duratura prospettiva di accordo esclusivo fra DC e PCI è tramontata la morte di Moro, aprendo la strada alla formula governativa del pentapartito (DC, PSI, PRI, PSDI e PLI) e il consociativismo ormai trionfa dato che le opposizioni rappresentate dal PCI e dall’MSI sono perfettamente integrate al sistema e ne sono partecipi.

Tale nuovo assetto è agevolato dall’esaurirsi delle spinte ideologiche trasformando i partiti in pure macchine elettorali e clientelari organizzate unicamente per la raccolta di voti e l’amministrazione del consenso. Quanto ancora ha veramente senso parlare, a proposito dei partiti, di posizione "democristiana", comunista", "socialista", "fascista" e così via ? Il discredito che il terrorismo di matrice brigatista ha gettato sulle sinistre e sul mondo sindacale facilita l’offensiva confindustriale. Da allora il valore reale di stipendi, salari e pensioni è costantemente calato e una massa sempre maggiore di lavoratori è stata sprofondata in una situazione di cronica precarietà.

Si stanno affacciando gli anni Ottanta, gli anni del riflusso, gli anni rampanti, dello yuppismo e dell’edonismo. Gli anni in cui tutto è possibile ed ogni promessa può essere esaudita. Gli anni del reaganismo… Proprio sul finire del 1980 l’ex mediocre attore hollywoodiano e delatore dei tempi bui del maccartismo, convinto e risoluto anticomunista, repubblicano ed ex governatore della California Ronald Reagan viene eletto Presidente USA sconfiggendo il democratico Jimmy Carter. Tale vittoria è il frutto maturo di un’inedita e salda alleanza fra componenti apparentemente disparate e molto differenziate del mondo politico, finanziario e militare americano.

Nel carismatico e decisionista neopresidente si riconoscono i sostenitori del neoliberismo della Commissione Trilaterale, le componenti più conservatrici della massoneria, gli ambienti dell’oltranzismo sionista, i neoconservatori che animano think tank come il CSIS, i fondamentalisti protestanti, i falchi anticomunisti, i rappresentanti degli interessi del mondo finanziario di Wall Street, dei colossi dell’industria petrolifera e di quella bellica, altre associazioni e lobbies come quelle che propugnano la superiorità WASP e anglosassone (British Israelities). In particolare alcuni settori contribuiscono in maniera decisiva alla vittoria reaganiana e repubblicana…

I Rockefeller e la Commissione Trilaterale hanno voltato le spalle al precedente vittorioso candidato Jimmy Carter, giudicato troppo morbido nei confronti dell’URSS e del comunismo e inadeguato al compito di rilanciare l’immagine della superpotenza americana nel mondo. Analoga è la posizione dei neoconservatori che si fonda però su una visione militare del confronto con i sovietici piuttosto che sul piano della competizione economica.

Significativamente molti professori e "consulenti" che hanno abbracciato il verbo neoconservatore, hanno alle spalle un passato sessantottino e trockista. Altri hanno traslocato dalle file democratiche a quelle repubblicane… Un’altra delle motivazioni che hanno spinto i neoconservatori a entrare nel Partito Repubblicano dell’epoca reaganiana risiede nel loro radicalismo sionista e bellicista che pone come cardine della politica internazionale l’alleanza fra USA e Israele. D’altronde le lobbies ebraiche si sono espresse favorevolmente rispetto al nuovo corso promesso dal candidato repubblicano anche sotto per impulso del Likud, il partito della destra israeliana.

L’ondata del reaganismo e della sua popolarità sono precedute dalla vittoria del Partito Conservatore in Gran Bretagna che, analogamente a quanto accade negli States, è determinata da una personalità carismatica come Margaret Thatcher (1979). A completare il quadro nel 1978 sul soglio pontificio viene eletto Papa Wojtyla, già arcivescovo di Cracovia noto per una posizione antisovietica che non accetta compromessi e per l’acceso conservatorismo. Senza troppo esagerare si può ben dire che il trio Reagan – Thatcher – Wojtyla ha posto vittoriosamente a termine la Guerra Fredda, piegando definitivamente l’URSS ormai già esangue e paralizzato. Vedremo più avanti qualche aspetto neanche troppo edificante della collaborazione fra USA, Gran Bretagna e Vaticano con il concorso di altre componenti. Ma l’intesa del duo Reagan – Thatcher segna anche l’inizio dell’assoluta egemonia neoliberista, neoconservatrice e neoliberale caratterizzata innanzitutto dalla deregolamentazione dei mercati, dalla privatizzazione di settori pubblici strategici, dalla progressiva finanziarizzazione economica, dalla defiscalizzazione delle alte rendite e dei redditi elevati, dallo smantellamento dello stato sociale e del welfare, dal bellicismo ammantato di "democraticismo" in politica estera e di difesa e dalla cosiddetta "tolleranza zero" in materia di sicurezza.

Capisaldi di una politica imposta dai potentati economici, industriali e finanziari, dalle multinazionali e dalle corporations e accettata dalla politica ufficiale di centrodestra e centrosinistra.
Paradossalmente sul terreno del reaganismo e del thatcherismo finiscono per incontrarsi i neoconservatori "destrorsi" e i neolibertari "sinistrorsi", tutti ugualmente interpreti del nuovo corso neoliberista e neoliberale…
Che ne è dell’amico e socio americano dei giovanotti di Lotta Continua ?

Il Presidente Reagan gli affida incarichi prestigiosi all’interno del partito in qualità di delegato per gli affari europei del Partito Repubblicano e direttore per le comunicazioni del Comitato per i repubblicani all’estero. Nomine che indicano un elevato grado di fiducia riposta dall’uomo più potente del pianeta. A quanto pare chi ebbe modo di conoscere e lavorare con Cunningham jr in questo periodo non ebbe difficoltà a dipingerlo come reaganiano di ferro, addirittura reazionario. Un vero Rambo, secondo Nozza, sulla falsariga dell’eroe cinematografico interpretato con successo da Sylvester Stallone e tanto amato da Reagan e i reaganiani. Nel frattempo, esauritasi la stagione dei movimenti extraparlamentari, il giornale "Lotta Continua" ha chiuso i battenti. Chissà cosa pensavano questi ormai ex militanti di estrema sinistra mentre l’amico americano andava a ricoprire incarichi di fiducia e di responsabilità per un’amministrazione dai connotati decisamente conservatori. Quale seguito hanno avuto i rapporti con Cunningham jr ? Non lo sappiamo…

Sicuramente fra tutti coloro che parteciparono alle ondate contestatrici e protestatarie sessantottine e postsessantottine, furono proprio loro a godere di maggior fortuna, specie in ambito intellettuale, giornalistico e letterario. Fra le diversità di percorso è d’obbligo però segnalare come fu soprattutto il PSI, ormai sotto l’egemone guida di Bettino Craxi, leader ormai convertito all’atlantismo e al più solido anticomunismo, a costituire l’ombrello di riparo per gli ex di Lotta Continua come di altre formazioni extraparlamentari di sinistra quali Potere Operaio e l’Autonomia Operaia.

Nel corso degli anni Settanta il PSI è stato il partito politico più aperto e comprensivo nei confronti delle istanze giovanili anche con il preciso intento di catturarne voti e consenso. Ma il segretario Craxi che, caso unico nella Prima Repubblica, riuscirà a governare per ben quattro anni (1983 – 1987), conquisterà la fiducia di Reagan e della Thatcher che ne ammirano quel suo decisionismo così rispondente ai criteri della Nuova Destra internazionale. Pur senza i crismi dell’ufficialità, il neoconservatore Michael Ledeen, assistente del Segretario di Stato Haig ed esperto anche di affari italiani, annovera Craxi fra le personalità di assoluta fiducia per l’amministrazione repubblicana.

A partire dal 1979 Craxi abbracciò la posizione presidenzialista accarezzata da Gelli e dalla P2 e, a partire da questo momento i rapporti fra la loggia coperta atlantista e il PSI si faranno stabili e profondi. Dalla documentazione della Commissione d’Inchiesta parlamentare sulla loggia P2, emerge come Craxi fosse interessato ai rapporti con Gelli, perché questi intratteneva relazioni con personaggi importanti d’oltreoceano, per cui avrebbe potuto mediare futuri contatti americani per accreditare il nuovo corso del PSI. Nel gennaio 1981 alla cerimonia di insediamento del Presidente Reagan presenziarono sia il Maestro Venerabile della loggia P2 Licio Gelli, sia il giovane pupillo di Craxi, Claudio Martelli. A conferma del prestigio e della considerazione riservata a Gelli presso ambienti americani altolocati, il Venerabile era già stato invitato alle cerimonie di insediamenti dei predecessori di Reagan, il repubblicano Gerald Ford e il democratico Jimmy Carter.

Secondo Gianni Cipriani – l’informazione è riportata ne "Lo stato invisibile" (Sperling & Kupfer Editori – 2002) – Martelli si identificava con la fonte "Urano" del SID, il servizio di informazioni del Ministero della Difesa. Si ritiene che pure Gelli fosse stato informatore ed agente del SID – nome in codice "Filippo" – oltre che uomo di fiducia della DIA, il servizio segreto del Pentagono, e della CIA. Comunque i vari servizi di intelligence italiani operavano in uno stato di costante sudditanza rispetto ai "colleghi" americani.

Significativamente Craxi incaricò proprio Martelli di tenere i rapporti con la loggia P2 e gestire il conto Protezione numero 633369 acceso alla UBS di Lugano ove transitavano i finanziamenti al PSI provenienti dal Banco Ambrosiano diretto dal piduista Roberto Calvi. Quando emergerà la grave situazione di dissesto in cui versa l’istituto di Calvi, sarà chiaro che l’esposizione debitoria del PSI nei confronti del Banco Ambrosiano è più elevata di quella di qualsiasi altro partito italiano. Fra la documentazione sequestrata a Gelli dalla Guardia di Finanza risulta il fascicolo sul Conto Protezione intestato a Claudio Martelli, futuro Ministro della Giustizia. A più riprese il Maestro Venerabile della Loggia Propaganda 2 farà maliziosamente allusione a un suo rapporto con l’onorevole Martelli.

Ascoltato e apprezzato consigliere del "delfino" di Craxi è l’ex leader di Lotta Continua Adriano Sofri che negli anni Ottanta si segnala innanzitutto per l’appoggio e l’aiuto materiale offerto al sindacato cattolico polacco Solidarnosc che stava conducendo una strenua e intransigente opposizione contro il regime comunista filosovietico di Varsavia. Come molti altri compagni "lottacontinuisti" Sofri rispecchia e fa proprie le posizioni di politica internazionale del PSI craxiano e spesso si ritroverà in posizioni di assoluta sintonia con la linea adottata dagli americani e dalla NATO come accadrà nella ex Jugoslavia e nei Balcani, in Cecenia e, più in generale, in Medio Oriente.

Intellettuale e scrittore sempre molto apprezzato dall’establishment italiano, diventa firma sia del periodico berlusconiano "Panorama" che di "Repubblica", il quotidiano della sinistra moderata, progressista e neoliberale. Un carattere quasi amichevole, poi, assume la collaborazione con il quotidiano del "berlusconismo di sinistra" il "Foglio" diretto da Giuliano Ferrara. Una particolarità di questo giornale consiste proprio nell’ospitare le firme di reduci della stagione sessantottina e postsessantottina anche se, sicuramente, quella di Sofri rimane la più prestigiosa. Già militante della FGCI, responsabile per i rapporti sindacali del PCI, poi convertito al PSI craxiano e, successivamente, al berlusconismo, Ferrara ha ammesso di avere fatto l’informatore per la CIA per un certo periodo, nel corso degli anni Ottanta. La biografia di Sofri non finisce di stupire…

Veri e presunti amici dell’ex leader di Lotta Continua – Cunningham jr, D’Amato, Martelli e Ferrara – erano in odore di servizi segreti o, comunque vicini a tali ambienti… Beninteso questi contatti rimandano costantemente ai servizi di intelligence americani o italiani…
Con l’esteso e generoso appoggio finanziario e materiale offerto a Solidarnosc e al suo leader Lech Walesa e alle altre opposizioni antisovietiche nell’Europa dell’Est si intravede una convergenza e sinergie di diversi soggetti come l’Amministrazione USA di Ronald Reagan, quella conservatrice del premier inglese Margaret Thatcher, il Vaticano sotto il papato del polacco Giovanni Paolo II, la loggia P2 di Gelli e Ortolani e la relativa rete di istituti finanziari, il PSI di Bettino Craxi e, molto probabilmente pure potenti organizzazioni mafiose e criminali. Particolarmente munifici lo IOR diretto da monsignor Marcinkus e il Banco Ambrosiano di Roberto Calvi.

Il crac di quest’ultimo verrà probabilmente provocato dalle generose elargizioni al sindacato polacco anticomunista. Inoltre non è mai stato fugato il sospetto che a tale "donazioni" avessero partecipato i boss della mafia siciliana e della Banda della Magliana. Sicuramente il vasto sostegno a Solidarnosc rientra in una strategia di respiro internazionale delineata con il patto segreto stretto da Reagan e Papa Giovanni Paolo II nel 1981. Nel 1984, con il primo governo Craxi, viene rivisto il Concordato fra Stato e Chiesa. Tale risultato ha potuto essere raggiunto soprattutto per l’intesa raggiunta dal Papa e dal leader del PSI sulla linea da tenere nell’Europa dell’Est. Purtroppo però vi sono altri aspetti tutt’altro che edificanti e dai contorni spesso criminali.

Negli intrecci e nelle connections fra USA, Gran Bretagna, Vaticano, P2 e sue propaggini, il PSI e altre formazioni e correnti politiche entrano estesi e redditizi traffici d’armi e droga, finanziamenti alla mafia e al terrorismo e, conseguentemente, il riciclaggio di tali sporchi proventi. Oltre allo IOR e al piduista Banco Ambrosiano, nella rete finanziaria al servizio dei più remunerativi affari illeciti della connection sono presenti la BNL, la Banca Nazionale del Lavoro da tempo diventata roccaforte e cassaforte della P2 e dei socialisti craxiani e la pakistana BCCI (Banca di Credito e Commercio Internazionale). Con soggetti diversi si ripropone il "sistema Sindona"…

Lavanderia dei capitali raccolti da dittatori, terroristi, mafiosi e narcotrafficanti, oltre che della solita CIA, la BCCI finanziò la jihad dei mujaheddin afgani contro i sovietici. Addestrati da ufficiali dell’ISI, i servizi segreti pakistani, i mujaheddin hanno potuto contare sul supporto degli americani, degli inglesi oltre che dei sauditi e di vari paesi della NATO e del Medio Oriente. Nel momento in cui, ipocritamente, l’amministrazione americana retta da Reagan e dall’ex direttore della CIA Bush senior dichiara guerra al narcotraffico, sottobanco le agenzie di intelligence americane, i loro alleati, i loro collaboratori e i loro fiduciari utilizzano i profitti dei traffici di stupefacenti per alimentare operazioni clandestine…

Nel 1987 scoppia lo scandalo Iran – Contras, l’accordo che la CIA e uomini dell’Amministrazione Reagan hanno raggiunto con gli ayatollah iraniani – formalmente nemici – per liberare gli ostaggi dell’Ambasciata americana a Teheran. Sottobanco – e in collaborazione con gli israeliani - gli americani si mettono a vendere armi agli iraniani e il ricavato viene investito per finanziare la guerriglia antisandinista dei Contras, l’esercito clandestino e terrorista nicaraguense sostenuto anche attraverso i capitali dei traffici di droga. Se nell’Europa dell’Est gli USA sono orientati ad appoggiare le opposizioni antisovietiche, civili e pacifiche come quella di Solidarnosc, in America Latina foraggiano e sostengono l’anticomunismo di feroci e spietati dittatori, degli squadroni della morte e di un’organizzazione terrorista come i Contras.

Argentina, Brasile, Uruguay, Guatemala, Salvador, Nicaragua, ecc… la musica non cambia molto… Al contempo le armi vendute agli ayatollah dovrebbero venire consegnate alle fazioni sciite dei mujaheddin che combattono i sovietici in Afganistan. Quest’ultimo paese diverrà il ricettacolo del terrorismo e dell’estremismo islamista… Nel 1984 l’Amministrazione Reagan avvia i rapporti diplomatici con l’Iraq retto dal dittatore baathista Saddam Hussein che, in quel periodo, era in guerra con l’Iran dell’ayatollah Khomeini (1980 – 1988).

Gli USA cominciano a rifornire di armamento moderno l’Iraq aggirando l’embargo imposto dall’ONU. In seguito all’operazione militare americana "Desert Storm" (1991) voluta dal successore di Reagan, George Bush senior, per ricondurre Saddam Hussein a più miti consigli dopo l’invasione del Kuwait, scoppierà lo scandalo della filiale di Atlanta dell’italiana BNL utilizzata per finanziare l’arsenale bellico del dittatore irakeno. Anche la BCCI verrà travolta da un gravissimo scandalo… Se negli anni Sessanta e Settanta si poteva contare sul sistema messo in piedi da Michele Sindona, nei rampanti anni Ottanta tale ruolo è stato ricoperto da istituti come lo IOR, il Banco Ambrosiano, la BCCI e la BNL, tutte coinvolte in criminose transazioni finanziarie alimentate dalle politiche belliciste, dalle operazioni clandestine dei servizi segreti, dai traffici di armi e droga, dal terrorismo, da altre attività mafiose, dall’evasione fiscale e dalla corruzione, dal foraggiamento di gruppi politici, associazioni e lobbies.

Sono tutti fili di una rete scabrosa e letale che chi anche il solo sfiorarla equivale ad una condanna a morte. E sicuramente qualche filo deve averlo smosso il giudice di Trento Carlo Palermo che, nel corso degli anni Ottanta, si occupò della più importante inchiesta sulla criminalità organizzata e suoi intrecci ed internazionali insieme a quella sulla Pizza Connection sul coinvolgimento dei rami siciliani e italoamericani di Cosa Nostra nel traffico internazionale di droga fra Italia e USA, frutto della collaborazione fra i giudici milanesi e palermitani con la magistratura statunitense. L’inchiesta sui traffici internazionali di armi e di droga portata avanti dal giudice Palermo toccò importanti e altolocati personaggi vicini all’Amministrazione Reagan, piduisti e massoni, faccendieri vicini al PSI craxiano come Ferdinando Mach di Palmstein, esponenti di spicco della mafia e di altre organizzazioni criminali internazionali e procacciatori e mediatori d’affari nell’intermediazione dei commerci di armi come Sua Maestà Vittorio Emanuele di Savoia, già iscritto alla P2.

In qualche modo è il quadro generale che qualche anno a cui accennerà l’ex contractor CIA Brenneke quando parlerà della connection CIA – P2 – mafia siciliana e italoamericana. Inevitabilmente si tenterà di screditare il giudice Palermo che Bettino Craxi definirà un autentico pazzo. Nel 1985 Palermo ottiene dal CSM il trasferimento nella sede giudiziaria di Trapani ove, evidentemente, intende proseguire le sue indagini. E’ il 5 aprile, a Pizzolungo in provincia di Trapani, un’autobomba congegnata da sicari della mafia locale provoca la morte di una donna e delle sue due figliolette. Quell’esplosivo era destinato proprio al giudice Palermo che si salva per miracolo e che, rimasto traumatizzato per l’accaduto, decide di rassegnare le dimissioni e lasciare la magistratura.

La presenza a Trapani del magistrato che, più di ogni altro, aveva accumulato un patrimonio di conoscenze sui più colossali e criminali traffici internazionali, non è casuale. Crocevia di transiti, commerci e traffici marittimi, Trapani accoglie le cosche mafiose tradizionalmente più feroci, logge massoniche che hanno raccolto l’eredità della più celebre P2, prestigiosi ordini cavallereschi e una base della GLADIO di recente formazione, il centro Scorpione. Sempre nei pressi di Trapani verrà assassinato l’ex numero due di Lotta Continua e giornalista Mauro Rostagno il 26 settembre 1988. Aveva puntato il dito contro la mafia locale e le relative complicità istituzionali. Sicuramente Rostagno è stato assassinato da uomini della mafia trapanese, ma le motivazioni del delitto potrebbero essere ben più complesse… Sempre nel settembre di quell’anno i maggiori esponenti di Lotta Continua vengono incriminati per l’omicidio del commissario Calabresi. Cosa bolle in pentola ?

Si parlerà di un filmato girato dallo stesso Rostagno nel quale viene ripresa la pista aerea del Centro Scorpione della GLADIO. Gli aerei della cooperazione scaricano medicinali e farmaci destinati alla Somalia per caricarvi armi da consegnare a varie formazioni armate e guerrigliere. Nel 1988 in Somalia è ancora al potere il dittatore Siad Barre, filoamericano e amico di Bettino Craxi. Oltre ad essere una delle rotte per i traffici di armi la Somalia è diventata una gigantesca discarica per le scorie radioattive e per altri rifiuti prodotti dall’Occidente. I lucrosi affari di questi settori attirano anche rampanti faccendieri e businessmen che si sono arricchiti all’ombra del solito leader del PSI. La "pista somala" dei traffici di armi e di rifiuti tossici è probabilmente all’origine di una catena di delitti ed episodi misteriosi quanto inquietanti come l’incidente capitato alla Moby Prince, la morte mai chiarita di Vincenzo Li Causi, già direttore del Centro Scorpione e l’esecuzione di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin da parte di un gruppo di "banditi" somali.

La "pista somala" e la GLADIO siciliana hanno attirato l’attenzione anche del giudice Falcone, il più celebre dei magistrati antimafia la cui fine è nota a tutti…
In un mondo in cui si privilegiano i rapporti di affari e nel quale le dispute sono sempre più assimilabili a guerre di bande, non si può addivenire a solidi accordi su tutto. Qualche problema lo riserva il Medio Oriente ove il conflitto israelopalestinese mescola le carte in tavola e causa divisioni, contrasti e difficili rappacificazioni. In altro contesto "strategico" si consuma una frattura tutta interna alle forze "atlantiche" e anticomuniste…

Nel 1982 l’Argentina dei militari golpisti e l’Inghilterra del premier Margaret Thatcher entrano in conflitto per le Malvinas. E’ una guerra breve, ma che lascia a terra un certo numero di militari da ambo le parti. Dopo qualche esitazione, il Presidente USA Reagan decide di schierarsi a favore dell’Inghilterra, partner strategico storico a cui gli States non possono rinunciare nonostante la giunta golpista argentina avesse dimostrato un indubbio zelo nell’eliminazione delle opposizioni e nell’addestramento degli squadroni della morte anticomunisti che operavano in Centroamerica rispondendo alle sollecitazioni americane. D’altronde la giunta militare è composta da iscritti alla solita P2 che nell’America Latina aveva messo radici.

Da qualche tempo Gelli non gode più della fiducia degli amici americani e dopo lo scoppio dello scandalo avvenuto l’anno precedente è stato bellamente scaricato. Forse per rispondere anche alla volontà del Maestro Venerabile della loggia P2, deciso ad aiutare i confratelli argentini, il piduista Calvi finanziò l’acquisto di missili Exocet francesi. Anche se la mano che lo appese al Blackfriars Bridge di Londra poteva essere mafiosa o camorrista, è ormai chiaro che dietro il "suicidio" del Presidente del Banco Ambrosiano ci sono ragioni ancora inconfessabili, un ginepraio di allucinanti segreti difficilmente districabili…
 
Per quel che riguarda l’ingresso dell’Italia negli anni del riflusso, dell’individualismo sfrenato e dell’apatia politica, si deve nutrire più di un dubbio. Fu processo spontaneo o il risultato di un’operazione culturale ben congegnata ? A tale proposito vorrei consigliare al lettore la lettura del testo di Paolo Morando "Dancing days – 1978 – 1979 i due anni che hanno cambiato l’Italia" (Editori Laterza – 2009). A tali dinamiche hanno naturalmente concorso la stampa, i mass media e i mezzi di informazione e, ancora una volta, si incontra la P2. Lo stesso Gelli riteneva che il vero potere è detenuto da coloro che possiedono i mezzi di informazione. E’ sufficiente scorrere le pagine del Piano di Rinascita Democratica per comprendere l’importanza strategica attribuita dai piduisti al settore dei della stampa, dell’informazione e dei mass media. Leggiamo…
"Nei confronti della stampa (o, meglio, dei giornalisti) l’impiego degli strumenti finanziari non può, in questa fase, essere previsto nominatim. Occorre redigere un elenco di almeno 2 o 3 elementi per ciascun quotidiano e periodico in modo che nessuno sappia dell’altro. L’azione dovrà essere condotta a macchia d’olio, o meglio, a catena, da non più di 3 o 4 elementi che conoscono l’ambiente.
Ai giornalisti acquisiti dovrà essere affidato il compito di "simpatizzare" per gli esponenti politici come sopra, prescelti in entrambi le ipotesi alternative (…).
In un secondo tempo occorrerà:
a) acquisire alcuni settimanali di battaglia;
b) coordinare tutta la stampa provinciale e locale attraverso un’agenzia centralizzata;
c) coordinare molte TV via cavo con l’agenzia per la stampa locale;
d) dissolvere la RAI-TV in nome della libertà di antenna ex art. 21 Cost."
Si evince come per i piduisti i settori merceologici relativi all’industria culturale, dell’informazione, dei mass media e dello spettacolo non costituiscano semplicemente un ottimo affare imprenditoriale, ma anche lo strumento precipuo per il controllo della pubblica opinione. A tal fine il Maestro Venerabile ha articolato l’organizzazione della sua loggia costituendo uno specifico gruppo "Stampa e TV", il Gruppo 17. A conti fatti sono essenzialmente due i risultati di un certo rilievo raggiunti dal duo Gelli – Ortolani: il controllo del quotidiano milanese di via Solferino "Il Corriere della Sera" e delle società editoriale Rizzoli, una delle maggiori del paese e l’edificazione dell’impero mediatico del tycoon Berlusconi a partire dal monopolio imposto nel settore dell’emittenza televisiva privata.

Negli anni Settanta, il "Corriere della Sera" – il quotidiano più letto del paese – sotto la direzione di Piero Ottone aveva assunto una linea decisamente "progressista" e, comunque, pericolosamente squilibrata a sinistra secondo il giudizio di molta buona borghesia benpensante di salotto e circoli altolocati preoccupata per le sorti del giornale. Nel corso del 1976 con un’abile manovra finanziaria e di aggiramento Gelli e Ortolani riescono a convincere Angelo Rizzoli jr, proprietario della omonima impresa culturale, editoriale e cinematografica, ad acquisire le quote di maggioranza del "Corriere" da Giulia Maria Crespi e, poi, quelle della famiglia Agnelli e di Moratti. L’intera operazione – già accarezzata da Eugenio Cefis - viene finanziata dal Banco Ambrosiano del piduista Roberto Calvi, ma il vero regista è Umberto Ortolani, numero due della loggia gelliana.

Dal punto di vista strategico per la loggia coperta è un autentico successo, ma rappresenta un disastro sotto il profilo economico sia per il Banco Ambrosiano che per la Rizzoli. La loggia P2 diventa il padrone virtuale del quotidiano milanese: la Rizzoli editore Spa appartiene a Rizzoli jr affiliato alla loggia come il direttore generale Bruno Tassan Din, mentre a sostituire Piero Ottone come direttore del "Corriere" viene chiamato Franco Di Bella, un altro iscritto di sicuro affidamento. Come previsto dal Piano piduista, entrano nel "Corriere" diversi giornalisti piduisti come Roberto Gervaso, Maurizio Costanzo e Paolo Mosca , ogni tanto, viene chiamato a scrivere articoli su argomenti di natura economica e finanziaria anche un promettente imprenditore edile che risponde al nome di Silvio Berlusconi. Tutti risultano inseriti nel Gruppo 17…

L’intraprendenza di Gelli, Ortolani, Tassan Din e Rizzoli jr non si limita all’operazione "Corriere della Sera". La Rizzoli acquisisce rapidamente una serie di quotidiani locali come "Il Piccolo" di Trieste, "Il Giornale di Sicilia" di Palermo e "l’Alto Adige" di Trento e, ancora, assume la gestione della "Gazzetta dello Sport", stampa i supplementi di ben quattro quotidiani ed entra nella proprietà del craxiano "Il Lavoro" di Genova. L’espansione di questo colosso dell’editoria e della stampa comincia a destare qualche preoccupazione e nel comitato di redazione del "Corriere" si diffondono le voci sul gruppo che detiene la vera proprietà del quotidiano.

Solo lo scandalo della loggia P2 e l’esposizione debitoria del Banco Ambrosiano faranno emergere la reale situazione di un giornale che aveva cambiato letteralmente volto privilegiando le interviste compiacenti ai selezionati politici "amici", gli articoli da "rotocalco rosa" o su argomenti frivoli e le tematiche relative al "privato" degli italiani. Forse il vero successo viene colto nell’ambito del settore televisivo privato. Con la legge 103/1975 viene ristrutturato il servizio radiotelevisivo pubblico e, al contempo, regolamentato il nascente settore privato a cui viene concessa la trasmissione via cavo locale. Tale disposizione verrà aggirata da alcuni operatori di settori che costituiranno dei network con l’espediente della trasmissione tramite videocassette. La diffusione dei canali televisivi locali e privati viene a coincidere con l’introduzione della TV a colori che cambia letteralmente il volto all’Italia…

I nuovi canali privati offrono prodotti televisivi sicuramente meno colti e accurati, ma che sembrano rispondere ali gusti e alle inclinazioni del pubblico. E’ sempre la loggia gelliana a cogliere l’importanza di questo cambiamento e, non a caso, cercherà di inserirsi nella galassia sempre più fitta di piccole e locali stazioni televisive. Alla proliferazione di studi televisivi corrisponde, invece, la crisi dell’industria cinematografica italiana, penalizzata dalla legge del Ministro socialista della cultura Corona (1972). Le insegne di piccole ma prestigiose case cinematografiche vengono rimpiazzate con quelle delle nuove televisioni private. E con il declino della cinematografia italiana, si impone il monopolio del colosso statunitense e hollywoodiano con i suoi nuovi blockbuster e la diffusione dei multiplex , per la maggior parte di proprietà delle grandi major.

Nel 1976 Rizzoli jr verrà convinto a gettarsi nell’avventura televisiva di Tele Malta - con sede nell’isola per aggirare la normativa come accadde in altri casi – allestita per fare un’agguerrita concorrenza alla RAI TV sulla parte della penisola affacciata sul Mediterraneo. La pretestuosa impresa affidata al giornalista piduista Maurizio Costanzo avrà vita breve. Solo l’imprenditore edile meneghino Silvio Berlusconi, futuro tycoon di sicuro successo, saprà fare tesoro delle opportunità offerte. Il giovane impresario possiede doti innate di spregiudicatezza e intraprendenza: con capitali svizzera di provenienza ignota ha saputo costruire la città satellite Milano 2, facendo parlare di sé tutta l’Italia. Da vero uomo di spettacolo, la sua vera vocazione è la televisione.

Nel 1978 crea un’emittente via cavo, Telemilano 58, che trasmette unicamente programmi per i residenti della sua città satellite. Nel giro di pochi anni, grazie anche alla posizione conquistata nel mercato pubblicitario, fa di Canale 5 – così è stata ribattezzata Telemilano 58 – il canale privato di maggiore ascolto e in grado di competere con la RAI e riesce ad acquisire la proprietà di Italia Uno e Retequattro. Berlusconi può anche contare sui suoi anonimi soci ed investitori, sull’iscrizione alla loggia di Gelli e sull’amicizia di lunga data con l’energico leader del PSI Bettino Craxi che, a più riprese, verrà in suo soccorso a partire dalla sentenza dei Pretori di Torino, Roma e Pescara che imponevano l’oscuramento del network per mancato rispetto della normativa in materia (1984).

Il governo Craxi congegnò un decreto ad hoc per consentire il ripristino delle programmazioni delle reti Fininvest in attesa di una normativa che sistemasse in maniera definitiva l’assetto radiotelevisivo italiano, pubblico e privato. La giungla del mercato televisivo determinò la situazione di monopolio da parte delle Fininvest di Berlusconi che aveva alle spalle potenti alleati ed appoggi. Quando nel 1975 venne costituita la Fininvest srl, capofila dell’impero berlusconiano, due fiduciarie della BNL, SAF Spa e Servizio Italia Spa, fungono da schermo ai soci occulti del gruppo. Servizio Italia non è nuovo a operazioni di questo tipo ed è stato utilizzato sia per i maneggi finanziari di Sindona che di Gelli ed è presente nelle vicende della Rizzoli e del "Corriere della Sera". Fra i consulenti di Servizio Italia risulterà l’enfant prodige del SuperSISMI Francesco Pazienza, pupillo di Ledeen.

La BNL è controllata dalla P2 e occupata dal PSI. Sia il direttore generale Alberto Ferrari che l’amministratore delegato Graziano Graziadei sono iscritti alla loggia P2. Come abbiamo visto la BNL, come il Banco Ambrosiano, hanno alimentato traffici e compravendita d’armi e altre operazioni illecite decise nell’ambito di complesse opzioni strategiche. C’è qualche connessione fra tutti questi aspetti ?
Di sicuro l’iscrizione alla P2 ha condizionato la carriera di imprenditore di successo del Cavalier Silvio Berlusconi. Con il fallimento del Banco Ambrosiano – vero proprietario della Rizzoli – sarà proprio Berlusconi a rilevare il settimanale di estesa tiratura "TV, Sorrisi e Canzoni". D’altronde l’attività editoriale di Berlusconi è già ben avviata: quando Indro Montanelli lasciò il "Corriere della Sera" per fondare il "Giornale Nuovo" nel lontano 1974, si affidò alle sue giovani mani a partire dal 1979. Fra i collaboratori del nuovo quotidiano figurava il solito Michael Ledeen come esperto di questioni italiane e, d’altronde, il foglio montanelliano è stato indicato come uno degli strumenti di influenza dell’opinione pubblica utilizzati dalla CIA.

Sul versante televisivo il primo autentico successo di portata nazionale venne colto a cavallo fra il 1980 e il 1981 quando Canale 5 trasmise il Mundialito su tutto il territorio nazionale, torneo calcistico a cui parteciparono le nazionali che avevano vinto i Mondiali, facendo uso dei ripetitori RAI. Al di là del procedimento anomalo con cui venne concesso alla Fininvest questo trattamento privilegiato derogando alle legge – ma il Ministro delle Poste e Telecomunicazioni è il socialdemocratico piduista Michele Di Giesi – è da rilevare il contenuto propagandistico del torneo. Il Mundialito si svolge a Montevideo, la capitale dell’Uruguay retta da una dittatura militare che ha costante bisogno di alimentare il consenso della popolazione tramite operazioni propagandistiche come può esserlo un prestigioso torneo calcistico. Qualcosa di simile accadde un paio di anni prima, in occasione dei Mondiali di calcio argentini del 1978 che videro trionfare la squadra di casa. Sia i militari argentini che quelli uruguagi erano inseriti nella tela allestita dalla loggia P2 in America Latina.

Andando a ripercorrere, ricostruire e collegare taluni importanti fatti che sono accaduti nel nostro paese – e non solo – negli anni Settanta e Ottanta non si può fare a meno di notare come si dispieghi e consolidi un asse Gelli – Craxi – Berlusconi e come questa rete faccia riferimento a precisi ambienti internazionali, politici, finanziari, economici, industriali e militari. La macchina dedita alla guerra psicologica, alla propaganda, alla conquista del consenso e al condizionamento dell’opinione pubblica non trascura i settori dell’industria culturale, dei mass media, dell’informazione, dell’immagine, dello spettacolo e dell’intrattenimento. La vera novità rappresentata dall’Amministrazione USA del Presidente Reagan consiste probabilmente nella "spettacolarizzazione della politica".

In effetti un consumato ex attore come il Presidente repubblicano conosceva bene i meccanismi che permettono di divertire e intrattenere il pubblico al di là di frusti e vieti discorsi politici magari intrisi di retorica. Sia Craxi che Berlusconi cercheranno di assimilare questa lezione… Pensandoci bene il movimento berlusconiano Forza Italia non è stato altro che una macchina spettacolare messa in piedi da un’azienda all’avanguardia nel settore. Pressato dalla situazione politica che si è venuta a determinare con Tangentopoli e la conseguente fine politica degli antichi protettori democristiani e socialisti, Berlusconi ha ripreso una vecchia idea di Craxi che voleva trasformare il PSI in un partito di personaggi dello spettacolo.

Quanto è seguito rimanda ad una deculturazione e ad una demolizione della politica operata dall’onnicomprensiva e pervasiva macchina dello spettacolo sotto il principale impulso del Cavaliere. Tycoon di successo, proprietario di ben tre reti televisive private, di stazioni radiofoniche, di case di produzione e distribuzione cinematografica, di blasonate squadre di calcio, Berlusconi incarna all’ennesima potenza quell’imperio dello spettacolo sulla società che è la cifra principale della cultura americana.

Forse ciò non rientrava precisamente nei piani piduisti anche se, a leggere il Piano di Rinascita Democratica, soprattutto per quel che concerne l’assetto radiotelevisivo nazionale, si moltiplicano i segnali di una dissoluzione della RAI. Nella sostanza quell’apatia politica e culturale che addormenta la coscienza politica delle masse è stata quasi raggiunta. In tal senso il Piano di Rinascita Democratica della loggia P2 si è conformato perfettamente allo spirito del famoso documento della Commissione Trilaterale del 1975 redatto da Samuel Huntington, da Michel Crozier e da Joji Watanuki nel quale si paventava il "sovraccarico" e "l’eccesso" di democrazia.

I media e i mezzi di informazione avrebbero dovuto favorire le condizioni per impedire qualsivoglia protagonismo delle masse e diffondere l’indifferenza e l’apatia nei confronti degli argomenti di interesse collettivo e pubblico. Istruzioni e tracce che la loggia P2 ha seguito come altri…
In qualità di responsabile informativo nei rapporti con l’Europa per il Partito Repubblicano e il Presidente Reagan, Robert Hugh Cunningham jr poteva essere estraneo al contesto illustrato ?
 
Analisi logica e storica

Tentando di analizzare il senso della singolare biografia dei Cunningham – almeno per quel che concerne la parte conosciuta della loro vita – inserendola nel più ampio contesto storico, possiamo comunque essere quasi certi che non ci troviamo di fronte a normali impresari, editori intenti a promuovere la normale attività politica di movimenti e associazioni e dei loro organi di stampa. Perché un imprenditore o un uomo di affari dovrebbe imbarcarsi nell’impresa di sostenere e alimentare gruppi, gruppetti e gruppuscoli in un paese alleato lontano e, perdipiù, prevedibilmente senza un tangibile ritorno economico ?

Inevitabilmente la risposta rimanda alle attività istituzionali e"paraistituzionali" conferite negli USA ed, infatti, non si può prescindere dal fatto che Robert Hugh Cunningham sr fu uno strettissimo collaboratore del direttore della CIA Richard Helms (1966 – 1973) e che Richard Hugh Cunningham jr divenne poi il responsabile del Partito Repubblicano per i rapporti con l’Europa durante la Presidenza Reagan. La costante compresenza del padre e del figlio nelle società tipografiche di via Dandolo indica la comune partecipazione a piani e progetti ideati e portati avanti da oltreoceano. Tutto sommato, però, sarebbe riduttivo ricondurre l’impresa editoriale avviata dai Cunningham alla CIA o a settori molto particolari della politica americana interessati a dare un determinato indirizzo alle vicende italiane.

Una risposta a molte domande potrebbe venire dalla pregressa affiliazione di Robert Hugh Cunningham sr alla "confraternita universitaria" di Yale Skulls and Bones nota per aver contribuito alla selezione della classe dirigente statunitense ai vertici delle istituzioni, della politica, della finanza e dei servizi segreti. Molti candidati presidenziali – sia repubblicani che democratici – ne hanno fatto parte, compresi George Bush sr – ex direttore della CIA, vicepresidente sotto la Presidenza Reagan e poi egli stesso Presidente – e il figlio George Walker Bush jr, il Presidente della "guerra infinita al terrorismo". Fondata nel 1832 da due studenti di Yale, William Huntington Russell e Alphonso Taft, nonno del futuro Presidente USA William Howard Taft. L’origine di tanta fortuna ed influenza di questa confraternita collegata evidentemente alla massoneria americana sembrerebbe molto inquietante.

Un cognato di William Huntington Russell, Samuel Russell contrabbandava ingenti quantità di oppio da immettere sul mercato cinese attraverso una società di facciata, la Russell and Company. La denominazione sociale della Skulls and Bones – usata negli atti pubblici - è, infatti, Russell Trust Association con un ammontare di patrimonio che nel 1999 è stato stimato intorno ai 4.133.246 dollari. Una dimostrazione ulteriore che dietro logge massoniche, ordini cavallereschi, confraternite e altre associazioni apparentemente dedite alle ricerche in campo esoterico e occultistico in realtà si celerebbero organizzazioni e reti di carattere mafioso e dedite ad attività illecite quali traffici di armi e droga e occultamento di capitali di dubbia provenienza. Senza spendere ulteriori parole che rischierebbero di far scivolare il discorso su una china eccessivamente complottistica, possiamo però desumere che soggetti come i Cunningham – che possono contare su un certo potere ed influenza – sono perfettamente inseriti in un reticolo di relazioni , una rete di interessi apparentemente della più disparata natura, finanziari ed economici; politici e diplomatici; strategici e militari, ecc…

I soggetti che compongono questa rete di interessi a volte confliggono, e tuttavia convergono sull’obiettivo di implementare la globalizzazione economica e di estendere l’imperio del Mercato. Per creare consenso intorno a questa prospettiva che rende somme spropositate di dollari ed euro a una minoranza sempre più ristretta del pianeta, si è fatto in modo di diffondere e divulgare le idee, i concetti e i (dis)valori del neoliberismo e del neoconservatorismo legittimanti l’attuale neocapitalismo finanziario. A ben vedere non c’è mai stata la Guerra Fredda dopo la Seconda Guerra Mondiale bensì la "guerra totale" per conquistare le menti, i cuori e i corpi dei cittadini occidentali ricorrendo ad ogni tipo di arma o strumento militare, spionistico, finanziario, economico, politico, diplomatico, scientifico, tecnico, tecnologico, psicologico, culturale, informativo, propagandistico, massmediatico, spettacolare, ecc…

Non escludendo ovviamente neanche l’assassinio mirato o l’attentato indiscriminato, il ricorso ai servizi della mafia o di altre organizzazioni criminali e della malavita, i traffici di armi e di droga, la manipolazione del terrorismo e l’allestimento di operazioni provocatorie. Particolarmente scabroso è il capitolo sugli esperimenti per il controllo della mente che hanno implicato anche l’uso di droghe letali. Molti capitoli dovrebbero essere ancora scritti sulla guerra ufficialmente mai dichiarata a ogni tentativo di opporsi al Mercato e non solo da parte dell’URSS, ma anche di paesi del cosiddetto Terzo Mondo a guida socialista o nazionalista…

Naturalmente poi sotto l’ombrello del Mercato si sono costruite molte fortune, perché l’adesione più convinta scaturisce dalla possibilità di lauti profitti. Negli anni Sessanta – Settanta, quando l’Italia era al centro di questi interessi, i Cunningham hanno concorso alla normalizzazione del paese – affiancando "privati" ed influenti cittadini come Sindona, Gelli e Calvi – in modo semplicemente egregio. Quando Ronald Reagan verrà eletto Presidente degli USA, questi meriti verranno riconosciuti e Cunningham jr assumerà incarichi di prestigio. L’Italia ormai è stata normalizzata e il baricentro degli interessi finanziari, politici, militari e strategici si è spostato altrove…

Al contempo l’Amministrazione Reagan costituisce l’approdo e l’avvio di una fase nuova nella storia dell’umanità, rispondendo ai propositi formulati dalla Commissione Trilaterale. La rete summenzionata è ormai solida… Ne sono fulcro le borse finanziarie, specialmente Wall Street e quella di Londra, mentre il sistema delle basi militari americane e NATO è stato ormai esteso in tutto il mondo per stroncare ciò che può turbare la sopravvivenza del Mercato.
Nella fattispecie, per quel che concerne l’attività palese e clandestina dei Cunningham possiamo fare tre ordini di riflessioni…
1) L’impresa editoriale e tipografica dei Cunningham si è quasi esclusivamente occupata di supportare e sostenere gli organi di stampa di partiti, movimenti e gruppi che, sia pur abbracciando diverse prospettive e concezioni ideologiche e politiche, sono accomunate dalla connotazione spiccatamente antisistema e dall’opposizione al cosiddetto arco costituzionale. Si pensi presidenzialismo antiparlamentarista di Pacciardi e del suo gruppo, alle venature fasciste, forcaiole e antidemocratiche che attraversano il gruppo de "Assalto", la polemica antipartitocratica condotta dai radicali pannelliani e il "sovversivismo" teorizzato o praticato da Lotta Continua e da gran parte dei movimenti extraparlamentari di estrema sinistra.

Che interesse potevano avere i Cunningham e gli americani a foraggiare movimenti e gruppi radicali e, spesso, dal carattere eversivo ? Semplicemente volevano creare le condizioni per una destabilizzazione dell’Italia che, in quel momento, a partire dal 1969, stava scivolando verso l’occupazione egemonica della scena politica da parte della DC e del PCI attraverso il Compromesso Storico propugnato da Moro e da Berlinguer.

E’ documentalmente comprovato come tale eventualità preoccupasse gli americani, gli inglesi e gli altri principali aderenti alla NATO e come questa preoccupazione fosse condivisa da Gelli e dalla loggia P2. Fortunatamente, fuori dal cosiddetto arco costituzionale e fra i movimenti extraparlamentari di varia matrice, era diffusa un’aggressiva ostilità nei confronti del Compromesso Storico. Sono gli anni che vanno a coincidere con la "strategia della tensione"… E’ la solita strategia della destabilizzazione per stabilizzare a destra il quadro politico. Dopo la morte di Moro si troverà il modo di liquidare i movimenti extraparlamentari e di scaricare gli "amici" piduisti che avevano creato un vero e proprio "governo ombra" nel paese per transitare il paese verso il nuovo corso. La stabilità viene raggiunta con la formula governativa del pentapartito (DC, PSI, PRI, PSDI, PLI) che, guarda caso, non riprende altro che la "solidarietà nazionale" andreottiana con l’esclusione dei comunisti. La DC, ormai non più egemone, viene ridimensionata mentre si impone l’astro del decisionista Craxi che tanto piace agli alleati americani ed inglesi.

2) L’ipotesi di un collegamento fra l’impresa dei Cunningham e la "strategia della tensione" con i suoi attentati dinamitardi e mirati è corroborata dalla corrispondenza temporale fra le fasi dell’attività imprenditoriale e quelle del terrorismo più o meno pilotato. Vediamo…
- dal 1968 al 1971, all’incirca nel periodo del golpe Borghese, Robert Hugh Cunningham si dedica alla stampa di settimanali che sono espressione dell’"estremismo di centro" presidenzialista, filoamericano, filoinglese ed atlantico e della destra radicale e fascista. Sono gli anni di piazza Fontana e degli attentati attribuibili soprattutto ai neofascisti anche se con la copertura di sigle dell’estrema sinistra.

- dal 1971 al 1974 in società con il figlio, Cunningham sr diversifica ulteriormente il parco delle sue imprese. Se la Dapco gestita dal padre stampa i fogli di "destra", il figlio si occupa di quelli di "sinistra" e, in particolare, di "Lotta Continua". Si vogliono sfruttare le potenzialità eversive degli "opposti estremismi", in un periodo in cui si susseguono episodi di violenza attribuibili all’una e all’altra parte… Come abbiamo visto, è anche possibile che si fossero delineate diverse posizioni nei vari settori della politica, della finanza e dei servizi segreti americani ed italiani, distinte in filogolpisti e coloro che, comunque puntano a una "normalizzazione" apparentemente interna al sistema costituzionale. Forse per tale motivo Cunningham è indotto a cedere il "Daily American" al finanziere Sindona.
- dal 1974 in avanti si vira decisamente a "sinistra", mentre le redini dell’impresa familiare vengono prese da Cunningham jr. Formalmente l’Agenzia è fuori dall’attività e i ricchi editori dell’Ohio operano per proprio conto come "privati cittadini". Oltre dedicarsi al sostegno ai radicali – al loro organo di stampa e al comitato per la promozione dei referendum – Cunningham jr si mette in società con giovani lottacontinuisti per costituire una cooperativa che non stampa solo il giornale del movimento, ma anche diversi fogli dell’Autonomia che , in varie sue frange, è implicata in gravissimi fatti di terrorismo e di violenza di piazza. Nello stesso periodo la loggia P2 intensifica la sua opera di reclutamento e di penetrazione nelle istituzioni. Il quadro è ulteriormente destabilizzato, almeno fino all’assassinio dell’onorevole Moro.
Terminata la stagione della "strategia della tensione", degli attentati e delle stragi, del radicalismo e del terrorismo diffuso, della teorizzazione eversiva e con la liquidazione del Compromesso Storico, Robert Hugh Cunningham jr può abbandonare l’Italia ed allargare lo sguardo all’Europa…

3) I rapporti fra Robert Hugh Cunningham jr e i vertici di Lotta Continua si sono protratti nel tempo e non sono stati certo superficiali. Non è poi così peregrino pensare che militanti della più importante organizzazione dell’ultrasinistra italiana fossero stati cooptati dalla CIA o da uomini vicini all’Agenzia. Un quadretto certo poco edificante per chi accusava costantemente gli avversari di lavorare per la CIA. Terreno comune d’intesa fra gli "agenti" americani neoconservatori e reaganiani e i "neolibertari" di Lotta Continua poteva essere la posizione antisovietica da spendere nell’Europa dell’Est. Significativamente i "lottacontinuisti" mantengono una sintonia di vedute e prospettive con il PSI e il craxismo. In questo senso è emblematica la biografia del leader Adriano Sofri che, di volta in volta, gravita fra fiduciari americani della CIA, vertici dei servizi segreti italiani e i socialisti. Mancano, invece, documenti e testimonianze che attestino il prolungamento dei rapporti fra Cunningham jr e gli ex di Lotta Continua anche se, per le ragioni suesposte, non si possono escludere.
Invece, per concludere la nostra storia, facciamo un passo indietro nel passato… 
 
Conclusione: un’ipotesi di lavoro per la morte del commissario Calabresi
 
Presagendo l’orribile fine il giudice Falcone ebbe a dire che si muore quando si viene lasciati soli, quando, insomma, il gioco si fa troppo grande per le deboli spalle di un uomo. Chi ha ancora impressi nella mente gli anni dell’offensiva del pool antimafia di Palermo nei confronti del crimine organizzato siciliano, delle sue complicità e connivenze, ricorderà anche come prima della tragica morte di Falcone e Borsellino venne fatto il vuoto intorno a loro, con le lettere del Corvo di Palermo – una talpa interna alla Procura che scrisse lettere anonime piene di accuse infamanti – e anche con il celebre articolo di Leonardo Sciascia sui "professionisti dell’antimafia" sul "Corriere della Sera".

Prima dei proiettili e dell’esplosivo, spesso arriva l’inchiostro… tanto inchiostro capace di stroncare la credibilità e la reputazione delle future vittime. Qualcosa del genere potrebbe essere accaduto al commissario Calabresi il quale prima di morire era rimasto solo. La sua fine ha fatto comodo a molti e salutata con gioia da altri… Faceva comodo ai colleghi e ai diretti superiori poiché conosceva la verità sulla morte "accidentale" di Pinelli… Soddisfaceva un sentimento diffuso nell’ultrasinistra che auspicava un gesto di "vendetta proletaria" nei suoi confronti… Faceva tirare un sospiro di sollievo alla destra neofascista coinvolta in una rete di traffici di armi che entravano nel nostro paese per alimentare ed rafforzare bande e gruppi terroristici ed estremisti.

Alcuni pesanti indizi indicano l’implicazione di frange dei servizi di intelligence americani, inglesi e israeliani in un coacervo di interessi strategici ed economici a cui la stessa criminalità organizzata non deve essere estranea. Non è da sottovalutare la "redditività" procurata da taluni commerci illeciti e intaccare certi interessi non è mai salutare…
Pochi sanno che negli ultimi anni della sua vita il commissario Calabresi aveva profuso la riserva residua delle sue energie nell’indagine relativa a tali traffici e ai molteplici canali di ingresso nel nostro paese per fare luce soprattutto sulla strage di piazza Fontana e sull’esplosivo utilizzato. Le sue investigazioni hanno toccato lo snodo cruciale – mai completamente disvelato in tutte le sue componenti e sfaccettature – da cui si diramavano sia i traffici di armi e droga che il riciclaggio di proventi derivati da lucrose attività criminali come i sequestri di persona su cui si stagliava l’onnipresente ombra della mafia e della criminalità organizzata.

Approfondendo le tracce seguite da Calabresi emergerebbero connessioni con la strage di carabinieri a Peteano e con la morte di Feltrinelli, oltre che con la scoperta dei NASCO, i depositi clandestini di armi, munizioni, esplosivi ed altre apparecchiature riservate alle formazioni paramilitari atlantiche della STAY BEHIND. Le ricerche lo condussero a Monaco di Baviera e in Svizzera… In particolare, secondo le ipotesi ventilate da Cucchiarelli nel testo citato sulla strage di piazza Fontana, il commissario aveva scoperto un canale per il flusso di esplosivi di tipo militare provenienti dalle basi NATO tedesche, che sarebbe stato gestito da circoli neonazisti tedeschi collegati con l’organizzazione Gehlen, antica propaggine europea della CIA.

Il centro di questi traffici sarebbe stato insediato nei pressi di Trieste, sul confine fra Italia e Jugoslavia, ove le armi e gli esplosivi sarebbero stati smistati fra i neofascisti italiani e gli ustascia croati. Secondo un informatore del commissario, Gianfrancesco Belloni, esponente del partito del "fascismo istituzionale" MSI, l’itinerario delle armi e degli esplosivi terminava in Emilia ove la merce veniva scaricata nei pressi di cittadine fra Rovigo e Ferrara, facendo capire che erano destinate sia a formazioni di estrema destra che di estrema sinistra. In quel periodo Ferrara accoglieva le sigle più agguerrite del maoismo, del marxismo leninismo, del "nazimaoismo" e del neofascismo in un intreccio difficilmente dipanabile.

Tre giorni prima di morire Calabresi scoprì un deposito "naturale" di esplosivi ed altri armamenti occultati in grotte e cave sul confine friulano. Una scoperta che avrebbe turbato il poliziotto: si era imbattuto in un NASCO… Correndo contro il tempo e consapevole forse di non avere molto tempo a disposizione, il giorno del suo assassinio avrebbe dovuto incontrare una sua fonte sconosciuta a Lugano. Frequentemente si recava in Svizzera, ove, evidentemente aveva sviluppato la ricerca di una pista importante. Secondo il giudice Ugo Paolillo – il primo magistrato che si occupò della strage di piazza Fontana – Calabresi stava approfondendo una traccia relativa a un traffico di armi leggere per le formazioni dell’ultrasinistra italiana, che conduceva agli israeliani, all’Ambasciata israeliana a Roma e alla ditta di import export Nuova Olbia.

Un’indagine delicata, interrotta poi anche per le minacce e le pressioni a cui fu sottoposto il giudice a cui venne assegnata una scorta. Sempre dalla Svizzera un confidente del nucleo investigativo di Perugia manifestò i suoi sospetti sulla morte di Calabresi indirizzandoli sull’italoamericano Joseph Leo Pagnotta. E chi era Pagnotta ? Da informazioni raccolte dal Centro di Controspionaggio di Milano era stato accertato che dalla fine degli anni Quaranta fino al 1952/1953 aveva diretto una rete dell’intelligence militare americana di stanza a Trieste. Qualche dettaglio interessante su Pagnotta viene fornito dai giornalisti francesi Fabrizio Calvi e Frederic Laurent nella loro inchiesta su piazza Fontana esposta nell’omonimo libro edito da Mondadori nel 1997 sulla base del procedimento avviato dal giudice milanese Guido Salvini. Il diretto superiore di Pagnotta si identificava nel colonnello Joseph Luongo del 430° distaccamento dei CIC, i Counter Intelligence Corps della Us Army.

Della rete avrebbe fatto parte l’americano John Luis Hall, titolare della società di import export AVIPA e di un garage officina, il TES Garage Concession, ubicato in via Ghiberti a Trieste e nella disponibilità degli automezzi della US Army. Inoltre in via Ghiberti erano situati numerosi uffici dell’Esercito USA e il circolo ufficiali. Un’altra figura interessante avrebbe fatto parte della rete di intelligence americana, un personaggio che, sottotraccia, compare e scompare in diverse vicende della "strategia della tensione" , l’ingegnere bulgaro Jordan Vesselinoff, imprenditore e titolare della Ve.Ma.Co., impresa di Bolzano per la produzione di macchine per la costruzione di strade ed autostrade, massone e sospetto ex collaborazionista dei nazisti tedeschi.

Anche se non è stata acquisita la prova della comune appartenenza alla rete spionistica americana, Pagnotta e Vesselinoff si conoscevano e, secondo il Centro di Controspionaggio, in passato avevano risieduto entrambi a Trieste, collaborando con organismi di intelligence americani ed inglesi. Avvolta ancora in un alone di mistero, la figura di Vesselinoff è degna di nota e di approfondimento. Il suo nome attira l’attenzione dell’Ufficio I della Guardia di Finanza soprattutto in merito alle indagini sull’organizzazione eversiva MAR dell’"estremista di centro" atlantista Carlo Fumagalli e sulla strage si piazza della Loggia a Brescia. Vesselinoff sarebbe stato il maggiore finanziatore del MAR, già foraggiato dai carabinieri della Divisione Pastrengo, egemonizzata della loggia P2. Le sorprese non terminano qui…

Sicuramente Vesselinoff avrebbe intrecciato relazioni con alti ufficiali dell’Arma dei Carabinieri e dell’Esercito anche affiliati alla P2 e con personaggi che vanno ad incrociare il Noto Servizio. Gli sviluppi della sua affiliazione massonica sono piuttosto oscuri, ma il suo ruolo non può essere stato secondario: nel 1958 aderì alla loggia Camea di Santa Margherita Ligure, e forse contribuì alla sua formazione. Come abbiamo visto la loggia Camea compare in relazione a note vicende siciliane e alcuni dei suoi membri sono implicati nel falso rapimento del bancarottiere siciliano Michele Sindona, come il medico italoamericano Joseph Miceli Crimi che fece da intermediario fra Sindona e il Venerabile Gelli e sparò un colpo di pistola ad una gamba del banchiere per rendere credibile il sequestro.

A quanto sembra la Camea attirò l’attenzione degli inquirenti siciliani e anche di Giovanni Falcone svelando l’inquietante universo della "massomafia" siciliana, l’intreccio fra mafia e massoneria. Ma la comunione massonica della Camea ha anche solidi addentellati con la massoneria negli USA e in America Latina, facendo supporre stretti e tutt’altro che superficiali contatti con la P2. Anche se si ha notizia di una presenza operativa solo fra la fine degli anni Quaranta e l’inizio dei Cinquanta, i nominativi di Pagnotta, Vesselinoff e Hall sembrano rimandare, non solo alla rete di intelligence americana ma anche ai traffici di armi e alle indagini del commissario Calabresi. Infatti in quegli anni la città di Trieste costituisce il crocevia dei flussi di armi, traffici che dovevano essere "attenzionati" dagli americani.

Ma tale sospetto che, però, dopo la morte del commissario non sembra aver ricevuto la giusta attenzione investigativa, non è nuovo… Sempre nel 1972 il quotidiano comunista l’"Unità" fece il nome della Mondial Export, la solita società di copertura del commercio di armi, amministrata da esponenti neofascisti come Mario Coltellacci. Secondo l’estensore dell’articolo i maggiori azionisti della società sarebbero stati ufficiali americani della NATO ricevendo il "cappello politico" degli USA. Insomma ce n’è abbastanza per coltivare la "pista americana", ma il potente alleato è intoccabile… Scavando un po’ più in profondità sugli episodi più misteriosi della nostra Repubblica – compreso l’enorme traffico di armi collegato alla "strategia della tensione" – ci si imbatte spesso nelle reti di intelligence americane insediate nelle basi della NATO. Si pensi agli intrecci e ai collegamenti con la loggia P2, con il Noto Servizio, con la formazione paramilitare atlantica Rosa dei Venti e con i terroristi stragisti e neonazisti di Ordine Nuovo…

Lo stesso Gelli collaborò attivamente con i CIC dopo il 1944 e nell’ultima fase della Guerra Mondiale.
Ma se la mano che armò gli assassini del commissario Calabresi – fossero essi killer professionisti, sicari mafiosi o malavitosi o terroristi o estremisti di "centro", "destra" o "sinistra" – recava l’impronta "americana" ed atlantica interessata all’eliminazione di un personaggio scomodo che troppe cose aveva scoperto sui traffici di armi, segreti che mettevano in pericolo i rapporti fra USA, gli alleati e il nostro paese, allora acquista un senso la testimonianza dell’esponente di destra intervistato da Cucchiarelli. Prima di uccidere il poliziotto occorreva screditarlo e attaccarlo sul piano morale. Forse per questi motivi in via Dandolo si riunivano i Cunningham e i loro "amici". Bisognava distruggere ed isolare Calabresi prima del compimento del suo destino, stroncandone così le indagini.
Missione compiuta…

1 commento:

  1. Che pasticcio .Perché non lavorate negli archivi e sui documenti invece che sui ritagli di giornale, forse fareste meno disinformazione

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)