Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

21 novembre 2011

SCENARIO DI UN DEFAULT ITALIANO

La discussione più importante della nostra vita è ora in corso. Per molti, la risposta sarà esistenziale. Subito, la domanda: “Deve la Banca Centrale Europea (BCE) “staccare un assegno” per i governi nazionali dell’Eurozona?” Nel pensare la risposta a questa domanda fondamentale, preferisco spostare l’attenzione cambiando il verbo “deve” con “vuole”. 
Di Edward Harrison 
Creditwritedowns.com
Rispondere a questa domanda un po’ diversamente impostata, per voi investitori, uomini d’affari e lavoratori, è molto più importante che rispondere alla domanda nella sua prima formulazione. 
Se la BCE decide di staccare l’assegno, i risultati economici e di mercato saranno molto diversi se non lo “dovesse” fare.
La vostra prospettiva personale in qualità di investitore, uomo d’affari o lavoratore cambierà drasticamente nei prossimi decenni sulla base di questa unica scelta politica e sulla vostra buona preparazione a riguardo.  

Allora, la domanda giusta da porsi è: “La BCE vuole “staccare l’assegno” per i governi nazionali dell’Eurozona?” 

1 commento:

  1. I mercati stanno operando affinché la giurisdizione legale del nostro debito estero sia spostata dall'Italia alla Gran Bretagna. Così per noi sarà impossibile ri-denominare il nostro debito in lire e dovremo pagarlo tutto in euro. E a quel punto, con una lira paurosamente svalutata, sarà come avere le casse piene di cipolle e dover pagare una Ferrari in dollari pagandoli a forza di tonnellate di cipolle.
    In Grecia questa operazione pare che sia stata fatta non molto tempo fa.

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)