Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

25 settembre 2011

SACCHEGGIO O RIVOLUZIONE MONDIALE

1- I paesi egemonici hanno avuto, hanno, e avranno un altro metodo che non sia l’intervento militare per affrontare la loro stessa crisi e dei paesi periferici? La costruzione di armi muove l’industria. Il reclutamento di mercenari occupa e allontana i marginali. La distruzione dei paesi per dividersi le risorse anima l’assalto finanziario. 
Di Luis Britto García
2- Sarà sufficiente la guerra infinita per salvare l’imperialismo? La spesa in armi spezza le economie. Il deficit si mischia con tagli della spesa sociale che fomentano la sollevazione interna. L’economia dei casinò delle borse conduce da una crisi all’altra. La continua aggressione esterna impantana gli imperi in guerre che non possono vincere contro culture che non capiscono. Il saccheggio e spreco di idrocarburi finirà una volta esauriti. L’attuale stile della civiltà non sopravviverà all'esaurimento della fonte del più del 90% del consumo energetico. La corsa per il petrolio, acqua e biodiversità porta allo scontro tra le grandi potenze e alla Guerra Mondiale.

3- L’attentato contro la Libia modifica questo panorama? Bombardamenti filantropici della NATO aprono la strada ad un’umanitaria coalizione di saccheggiatori che include speculatori finanziarie dell’autocrazia petrolifera del Qatar, ex funzionari di Gheddafi, fondamentalisti sunniti, yihadisti, gruppi tribali e pedine di Al Qaeda. Questa benevola compagnia ha iniziat uccidendo il suo primo capo, Younis. Non sembrano le basi per costruire una pace duratura né una vittoria veloce che quelle infinitamente ritardate in Afghanistan e in Iraq. Gli USA hanno armato in Afghanistan i talebani, adesso i loro peggiori nemici. Nove anni di demolizione dell’Iraq si sono conclusi con la conquista del governo da parte degli sciiti favorevoli all’Iran, il primo rivale degli USA nella regione. A forza di bombe, l’Alleanza Atlantica apre la strada in Libia a gran parte dei suoi nemici. Ogni alleato degli USA diventa vittima o nemico.

4- Basterà non fare nulla perché l’Impero si fermi? In una intervista tv realizzata a marzo del 2007, l’ex comandante della NATO, il generale Wesley Clark, rivela che poche settimane dopo l’11 settembre, cominciava l’invasione in Afghanistan, uno dei segretari che lavorava direttamente con il Segretario Rumsfeld e il sottosegretario Wolfwits, mostrò delle carte dell’ufficio del Segretario della Difesa dicendo: "Questa è una memoria che descrive come invaderemo 7 paesi in 5 anni. Cominciando dall’Iraq, Siria, Libano, Libia, Somalia e Sudan per finire con l’Iran" (Generale Wesley Clark: piano degli Stati Uniti nel 2007 per invadere 7 paesi, tra questi la Libia, www.foroperu.com 13-08-2011)

5- Il ladrocinio contro la Libia migliorerà la sorte delle autocrazie petrolifere di Bahrein, Arabia Saudita, Kuwait e Qatar, dalle potenze che hanno omesso l'uso del veto contro l'intervento, consumatori di idrocarburi? Le compagnie imperiali manterranno alti i prezzi, perché da questi dipendono guadagni esorbitanti. Le autocrazie petrolifere sono utili come pedine contro i paesi dell’OPEP ancora indipendenti. Man mano che saranno sottomessi, le autocrazie petrolifere del Golfo diverranno inutili, l’oro nero sarà pagato sempre di meno e i loro popoli affamati le faranno cadere. La Russia e la Cina sono state escluse dalla divisione del petrolio libico. Ben presto saranno escluse dal petrolio mondiale.

6- Il saccheggio calmerà la turbolenza globale? Se il bottino non è sufficiente per le grandi potenze, meno arriverà al popolo. La recessione aumenterà la disoccupazione, questo peggiorerà la discriminazione contro gli immigrati, la crisi alimentare farà aumentare il costo della vita, la decisione dei governi di versare il peso della crisi sui lavoratori li porterà alla fame, questi continueranno sotto le bandiere dell’indignazione, liberandosi del neoliberalismo e facendo cadere le autocrazie conservatrici come quelle di Tunisia e Egitto.

7- Basterà una crisi terminale del capitalismo e un’ondata di ammutinamenti e di agitazione popolare per far esplodere una rivoluzione internazionale? Le forze sociali si dissipano senza macchine o di progetti capaci di canalizzarle. Durante l’ecatombe neoliberale, partiti e intellettuali prima rivoluzionari, si sono concessi al Pensiero Unico e hanno abdicato la conduzione della potente commozione che oggi scuote il pianeta. Urge la costituzione o ricostituzione di progetti rivoluzionari e di partiti radicali disposti a compierlo. Solo questo ci separa da una Rivoluzione Mondiale.

Traduzione per Voci Dalla Strada di VANESA

4 commenti:

  1. IN TUTTI GLI STATI,IN TUTTI I GOVERNI, CI SONO OGGI FAZIONI O PARTITI (dal Lat.PARS,parte ), CHE IMPEDISCONO IL GOVERNO DEL POPOLO . FAZIONI O PARTITI CHE IMPEDISCONO AL POPOLO DI SCEGLIERE DIRETTAMENTE, CON SEMPLICI ELEZIONI, I SUOI GOVERNANTI LEGALI . QUESTE FAZIONI CHE UN TEMPO AVEVANO UN ' IDEOLOGIA PERSEGUONO GLI INTERESSI DI UNA SOLA PARTE DEL POPOLO, SPESSO DI UN SOLO GRUPPO RELIGIOSO O SOCIALE . QUESTI CI INGANNANO FACENDOCI CREDERE CHE SIA IL POPOLO A GOVERNARE,MA SONO GLI EREDI DELLE IDELOGIE . ALIENANO CON PROMESSE E UTOPIE LA GENTE PER OTTENERE IL VOTO,LA ALLONTANANO DALLA LORO REALTA', ANZI DALLA GIUSTIZIA . EBBENE SONO LORO CHE IMPEDISCONO A TUTTO IL POPOLO DI GOVERNARE , SONO LORO IL MASSIMO PERICOLO PER IL MONDO . IN OGNI STATO O GOVERNO IN CUI CI SONO BISOGNA COMBATTERLI ED ELIMINARLI PER FAR EMERGERE IL GOVERNO DEL POPOLO PERCHE' LA GIUSTIZIA SOCIALE SI HA SOLO FACENDO EMERGERE I DIRITTI DEL POPOLO .
    TRAD. IN EGLISH : IN ALL THE STATES IN ALL GOVERNMENTS, THERE ARE FACTIONS TODAY OR PARTIES (from Lat.PARS part), TO PREVENT THE GOVERNMENT OF THE PEOPLE. FACTIONS OR PARTIES THAT CHOOSE TO PREVENT THE PEOPLE DIRECTLY WITH SIMPLE ELECTIONS, LEGAL their rulers. FACTIONS THAT THIS WAS A TIME 'IDEOLOGY OF PURSUING THE INTERESTS OF ONE PARTY OF THE PEOPLE, OFTEN ONLY ONE GROUP OF RELIGIOUS OR SOCIAL. UTOPIA AND PROMISES THEY DISPOSE WITH THE PEOPLE GET THE VOTE, THE AWAY FROM THEIR REALITY ', EVEN FROM JUSTICE. WELL THEY ARE ALL THE PEOPLE THAT PREVENT A GOVERNMENT, THEY ARE THE MOST DANGER FOR THE WORLD. IN ANY STATE OR GOVERNMENT IN WHICH THERE ARE NECESSARY FOR THE EMERGENCE Combat and Eradicate THE GOVERNMENT OF THE PEOPLE WHY 'IS SOCIAL JUSTICE HAS ONLY BY THE PEOPLE OF THE EMERGENCE OF RIGHTS.
    TIENE SOLAMENTE POR EL PUEBLO DE LA APARICIÓN DE LOS DERECHOS.
    EN ESPANOL
    En todos los Estados en todos los gobiernos, hay facciones HOY O PARTES (de la parte Lat.PARS), PARA EVITAR EL GOBIERNO DE LA GENTE. Facciones o partidos que optan por evitar que la gente DIRECTAMENTE CON LAS ELECCIONES SIMPLE, LEGAL sus gobernantes. FACCIONES que esta era la ideología de un tiempo "de defender los intereses de una Parte de los personas, a menudo sólo un grupo de religiosos o sociales. UTOPIA Y las promesas que la tire con la gente consigue el voto, lejos de "su realidad, INCLUSO DE LA JUSTICIA. Bueno, están todas las personas que impide que un gobierno, que son las más peligro para el mundo. EN CUALQUIER ESTADO Y DE GOBIERNO EN EL QUE NO SON NECESARIOS PARA EL SURGIMIENTO Combatir y Erradicar el Gobierno de la gente por qué "es la justicia social

    RispondiElimina
  2. Si, tutto giusto quello che viene detto in questo articolo.

    RispondiElimina
  3. Fin dai tempi antichi ce ne sono molti di esempi in cui la necessità dell'autorità avveniva naturalmente .
    nelle tribù africane ancora oggi governano gli anziani... , cioè coloro che conoscono e rappresentano le loro leggi e isituzioni ....... nell'antica Roma c'erano i patres familias ,non dei parititi ideologici,poi i senex,gli anziani,ovvero diventati poi senatori (da senex :anziano) . Nella bibbia Mosè si lamenta con Dio perchè il popolo è grande e lui non ce la fa ad aministrarlo tutto ,allora Dio gli dice : scegli degli anziani fra ogni tribù e famiglia ,insomma come a Roma anziani e pater famias !!! Non disse vedi quanti pariti, quante idee ci sono e fatti aiutare dai loro rappresentanti.. Quindi basta eleggere persone di una certa età che non siano iscritti a partiti!! E questo lo può fare anche un colonello un delinquente .....però deve mettersi poi da parte,accettare che il popolo elegga i sui leggitimi rappresentanti eliminando i partiti

    RispondiElimina
  4. Il problema non è la rivoluzione, quella si fa subito, volendo,ci porteranno loro stessi presto, il problema è : CON CHE COSA SI COSTRUISCE ? Chi ci metti a quel posto e con che criteri ? Che programma ? Avete delle idee ? Per me la condizione base rimane l'eliminazione dei partiti come primo passo, poi consegnare il governo alla società civile . Ogni città elegge i sui governanti. Certo se ci fosse un governo militare che aiutasse sarebbe un bene , ma il pericolo è che questi poi si incollano alle poltrone .......come a Cuba o come negli stessi Stati Uniti dove governa la massoneria del capitale o in altri paesi dove sono avvenute rivoluzioni , si sostituisce un partito con un altro partito.

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)