Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

23 maggio 2011

NAKBA: Il giorno della catastrofe



15/05/2011. Una giornata per celebrare la pulizia etnica di 800.000 palestinesi cacciati dalle loro case. Un giorno per ricordare a se stessi e al mondo, che un giorno, torneranno alle loro case, che non hanno dimenticato la loro terra. Oggi sono 63 anni di spoliazione, 63 anni di pulizia etnica. Migliaia di palestinesi hanno marciato a nord di Beit Hanoun al muro; migliaia di palestinesi hanno marciato verso le loro case.

Mentre ci avvicinavamo al muro l'esercito israeliano ha "abbaiato" il suo saluto. Un carro armato ha iniziato a sparare sulla folla e sulle dune di sabbia che fiancheggiano la strada. I bulldozer israeliani avevano già completamente distrutto tutto ciò che c' era una volta su questa terra, oltre che minacciare la folla non c'era nient'altro da fare. E' strano essere sparati con un cannone da un carro armato, si può quasi sentire l'aria scossa quando esplode la granata. La folla non si è fermata, ha continuato ad andare avanti, cantando contro l'occupazione, cantando l'amore per la loro terra.
Ben presto è iniziato il flusso di feriti. Uomini e ragazzi trasportati dai loro amici, da chi era in piedi accanto a loro quando sono stati colpiti. Sono arrivati con un flusso costante, si sentiva l'eco dei fucili israeliani contro il cielo sereno. In Cisgiordania, i soldati di solito stazionano su una collina, arriva prima il gas lacrimogeno, e poi le pallottole, di solito di gomma in un primo momento, poi le munizioni vere. A Gaza non ci sono finzioni, prima i carri armati sparano con i loro cannoni, poi i soldati al sicuro nella loro torre iniziano a sparare proiettili veri in mezzo alla folla.

 Saber dice: "Sulla torre di fronte a noi c'è un cecchino, che non sbaglia un colpo. Ogni proiettile raggiunge esattamente il bersaglio. La torre di sinistra è dotata di una macchina a controllo remoto che spara proiettili di calibro molto più grandi, che sono illegali secondo il diritto internazionale".

Secondo il Centro palestinese per i diritti umani, un ragazzo di 18 anni è morto e il numero totale dei feriti è di 105, di cui 31 bambini, tre donne e tre giornalisti. I feriti sono stati portati in tre diversi ospedali nella striscia di Gaza, e incredibilmente, alcuni di quelli con lesioni lievi sono tornati alla manifestazione dopo essere stati medicati in ospedale. Altri hanno preferito rimanere alla dimostrazione piuttosto che essere portati in ospedale, ad esempio un uomo con una gamba ferita, i pantaloni strappati e sporchi di sangue, la gamba fasciata con una bandiera sanguinante e ha continuato dimostrare.

**********************************************************

Un grazie a Silvia Todeschini per il seguente appello:

Appello ISM per attivarsi il 5 giugno...

Il diritto al ritorno è un obiettivo centrale della lotta di liberazione palestinese. Dal 1947-1948, quando oltre 750.000 palestinesi sono stati espulsi con la forza dalle loro case - e più di 700.000 hanno subito la pulizia etnica dal loro paese tutto - essi e i loro discendenti si sono organizzati per chiedere la rettifica di questa ingiustizia storica. I profughi della guerra dei Sei Giorni nel 1967 (dopo la quale le forze israeliane hanno espulso 300.000 palestinesi dalla Striscia di Gaza e Cisgiordania), l'amministrazione israeliana dei territori occupati nel 1967-1994 (durante il quale Israele spogliato 140.000 palestinesi dei loro diritti di residenza), la colonizzazione della Palestina in corso e lo spostamento dei suoi abitanti originari, hanno aggiunto le loro ragioni al crescente movimento per il diritto al ritorno.
Negli ultimi anni, il diritto al ritorno è emerso anche come una richiesta chiave degli attivisti nei movimenti di solidarietà alle aspirazioni di libertà dei palestinesi. Il 9 luglio 2005, per esempio, l'appello della società civile palestinese per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) - il documento fondante di un movimento globale guidato dai palestinesi per la giustizia in Palestina - ha affermato che "le misure punitive nonviolente devono essere mantenute fino a quando Israele rispetterà l'obbligo di riconoscere il diritto inalienabile del popolo palestinese all'autodeterminazione e si conformerà pienamente a quanto sancito dal diritto internazionale ... rispettando, proteggendo e promuovendo i diritti dei profughi palestinesi a tornare alle loro case e proprietà".

Oggi i sette milioni di rifugiati palestinesi sono il più grande gruppo di rifugiati al mondo, un terzo della popolazione totale di rifugiati. Il loro diritto di tornare alle proprie case, e di ricevere un indennizzo per i danni causati su di esse, sono sanciti dal diritto internazionale. La risoluzione 194, che l'assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato in data 11 dicembre 1948 e Israele ha accondisceso ad attuare, come condizione della sua successiva l'ammissione alle Nazioni Unite,

sancisce che i rifugiati che desiderano tornare alle loro case e vivere in pace con i loro vicini dovrebbero essere autorizzati a farlo al più presto possibile, e che deve essere pagato un risarcimento per le proprietà di coloro che scelgono di non tornare e per la perdita o il danneggiamento delle proprietà che, secondo i principi del diritto internazionale o in equità, dovrà essere versato dai governi o dalle autorità responsabili.

Inoltre, la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani , adottata dall'Assemblea Generale il 10 dicembre 1948, afferma che "ogni individuo ha il diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese." E la risoluzione 3.236 , che l'Assemblea Generale ha adottato il 22 novembre 1974, “...ribadisce il diritto inalienabile dei palestinesi a tornare nelle case e proprietà da cui sono stati sfollati e sradicati, e chiede il loro ritorno".

Nonostante i suoi chiari obblighi secondo il diritto internazionale, Israele continua a porre resistenza alle richieste da parte dei rifugiati palestinesi che hanno il diritto di tornare alle loro case. Più recentemente, domenica 15 maggio durante la 63° commemorazione della Nakba, o "catastrofe", della pulizia etnica della Palestina 1947-1948, le truppe israeliane hanno risposto alle manifestazioni da parte dei rifugiati inermi marcia verso le loro case con una forza letale.

Le forze israeliane hanno ucciso almeno 15 manifestanti su tre confini (con Gaza occupata, Libano e Siria e tra le alture del Golan occupate), ferito centinaia di persone con armi da fuoco, proiettili di artiglieria e gas lacrimogeni, e scatenato una ondata di arresti e repressione in West Bank occupata. Questa massiccia violenza potrebbe essere stata progettata come una dimostrazione di forza bruta, finalizzata, insieme con affermazioni ripetute Benjamin Netanyahu che "non succederà", a dissuadere i profughi palestinesi dal far valere i propri diritti storici e sfiancare il consenso mondiale per il diritto al ritorno.

Ma la storia che più a lungo resterà impressa nelle nostre menti dal 15 maggio potrebbe essere quello di Hassan Hijazi. Profugo siriano di 28 anni, ha sfidato la sparatoria che ha ucciso altri quattro lungo il confine con la alture del Golan occupato, ha fatto l'autostop e, infine, ha preso un autobus, fino a casa della sua famiglia a Jaffa. Prima di andare lui stesso dalla polizia di Tel Aviv, ha detto ai giornalisti israeliani, "non ho avuto paura e non ho paura. Sul bus a Jaffa, mi sedetti accanto a soldati israeliani. Mi resi conto che erano più paura di me. "

Altri milioni di persone hanno deciso di seguire il percorso di Hijazi. Domenica 5 giugno, durante la commemorazione del 44 ° Naksa, o battuta d'arresto, l'espulsione israeliana nel 1967 di 300.000 palestinesi dopo la Guerra dei Sei Giorni, i rifugiati palestinesi torneranno in massa alle frontiere. Il 18 maggio, annunciando la mobilitazione, la “Third Intifada Youth Coalition” ha detto, "Gli ultimi giorni hanno dimostrato che la liberazione della Palestina è possibile e concretamente ottenibile anche con una massiccia marcia disarmata se la nazione decide che è pronta a pagare tutto in una volta per la liberazione della Palestina".

La Commissione preparatoria per il diritto al ritorno, un organismo di coordinamento non schierato con nessun partito, ha chiesto che i sostenitori della lotta di liberazione palestinese di attivarsi per il 5 giugno, organizzando manifestazioni, marce e proteste in tutto il mondo esigendo il diritto dei rifugiati palestinesi a ritornare alle loro case. Luoghi adatti potrebbero includere le ambasciate, i consolati, e le missioni israeliani, gli obiettivi della campagna BDS, e governi stranieri e organizzazioni internazionali che consentono i crimini israeliani.

"Le manifestazioni del 15 maggio non erano un caso isolato, ma erano piuttosto l'inizio di una nuova fase di lotta per la storia della causa palestinese, dal titolo: 'il diritto dei profughi a tornare alle loro case '", afferma una dichiarazione da parte della Commissione.

Per la prima volta, i palestinesi sono passati da commemorare la loro deportazione con le dichiarazioni, festival e discorsi, a tentativi reali di tornare alle loro case.

L'immagine di profughi in marcia da tutte le direzioni verso la loro terra di Palestina ha inviato un forte messaggio al mondo intero: i rifugiati sono decisi a tornare alle loro case per quanto tempo ci voglia: 63 anni non sono stati sufficienti a uccidere il loro sogno di tornare, e le nuove generazioni nate in esilio forzato che non hanno mai visto la loro terra d'origine non sono meno collegate ad esse dei loro nonni e padri che hanno assistito alla Nakba.

Quello che è successo il 15 maggio era solo un piccolo esempio di quello che accadrà presto, una marcia che sarà effettuata dai profughi palestinesi e di coloro che li sostengono. Passeranno il filo spinato e torneranno ai loro villaggi e le città occupate.

La folla si radunerà fuori da ogni dove: ci saranno rifugiati palestinesi dalla Cisgiordania, dalla Striscia di Gaza e dai confini della Palestina occupata con Giordania, Siria e Libano, in marce pacifiche alzando la bandiera palestinese e il nome dei loro villaggi e le città, le chiavi alle loro case, e documenti di certificazione.

I “venti di cambiamento” della primavera araba soffiano tra i campi profughi, non meno che nelle capitali arabe, verso la Palestina. Ed essi non mostrano segni di volersi fermare.

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)