Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

27 luglio 2010

UNA BUGIA SMASCHERATA

di Jerry White
Quattro mesi dopo che il Congresso USA ha adottato come legge la normativa che Obama aveva proposto in materia di assicurazione sanitaria salutata da tutti i settori liberali del paese come la riforma sociale più progressista del paese dal 1960, le implicazioni reazionarie del provvedimento stanno emergendo sempre più chiaramente. La pietra angolare del piano, sosteneva la Casa Bianca, era l'estensione della copertura alle decine di milioni di americani non assicurati e il contenimento dei costi che sono impossibili per i cittadini comuni che pagano l'assistenza sanitaria e la cura della loro salute. Il presidente ha detto che la riduzione dei costi e l'attuazione di nuovi "efficienti" non inciderebbe sulla qualità dei servizi medici. Inoltre, quelli già assicurati possono tenere i loro medici e piani sanitari che già avevano.
Come ha spiegato il World Socialist Web Site, queste affermazioni sono false. Il vero scopo della normativa è stato quello di ridurre i costi delle cure mediche e l' assistenza sanitaria che le società e il governo americano coprivano. Il risparmio si otterrebbe riducendo la copertura e il razionamento delle cure sanitarie per milioni di americani.
La classe dominante ha visto la "riforma" di Obama come un'opportunità per le aziende di eliminare i piani di assicurazione sanitaria pagati dal datore di lavoro, o almeno limitare la capacità dei lavoratori di scegliere i loro trattamenti, medici e ospedalieri.

Il risultato, ha avvertito il WSWS, sarebbe quello di istituire un sistema di classe attraverso la quale ai lavoratori verrebbero offerti servizi medici inferiori, mentre i ricchi hanno continuano a godere del trattamento medico che il denaro può comprare.

Recenti notizie di stampa hanno confermato questo avviso.

Un pezzo del New York Times pubblicato il 18 luglio con il titolo "Le compagnie di assicurazione spingono per piani che limitano la possibilità di scegliere i medici", riferisce quanto segue: "Come l'amministrazione Obama comincia ad attuare la nuova legge nazionale di assistenza sanitaria,, compagnie di assicurazione stanno promuovendo il più grande low cost del paese sulla base di piani di riduzione dei premi, che obbligano ai partecipanti una scelta di medici e ospedali molto più limitata rispetto a prima".

L' articolo fa notare che le grandi compagnie di assicurazione come Aetna, Cigna, UnitedHealth Group e Wellpoint, hanno già offerto i propri piani basati su "reti limitate" per le piccole imprese a New York, San Diego e Chicago. Egli aggiunge che "per le imprese di tutte le dimensioni tali piani rappresentano una calamita per ridurre i costi".

"Ciò che il cambiamento significa" secondo il Times, "è che ai cittadini del paese verrà chiesto di pagare prezzi più elevati per il privilegio di scegliere o di stare con loro proprio medico se non sono nelle liste delle nuove reti. Questo potrebbe cogliere di sorpresa tutti coloro che ricordano i tempi in cui Obama ed altri funzionari assicuravano il popolo che i consumatori manterrebbero una varietà di alternative per le cure mediche".

Ad esempio, a New York, la "limitata rete" del suo piano prevede l'accesso solo alla metà dei medici e due terzi degli ospedali che offrono una copertura tradizionale. Inoltre, a San Diego, 80.000 dipendenti pubblici del sistema scolastico coperti da UnitedHealth sono stati messi in un piano di livelli diversi attraverso i quali sono tenuti a pagare di tasca propria in base alla qualità e il prezzo dei medici che scelgono.

Così la società risparmia il 15%.

"La capacità di pagamento è il problema più urgente", ha detto al giornale il dottor Sam Ho, direttore medico dei piani di assicurazione sanitaria UnitedHealth. L'obiettivo principale della "riforma" di Obama in termini di assistenza medica era fin da principio, ridurre i costi invece di migliorare la copertura. Questo è un fatto di cui il New York Times e il resto dei settori liberali erano ben a conoscenza e che molto diligentemente hanno nascosto dal pubblico. Come rileva l'articolo, i dirigenti di Cigna già sondavano le opinioni dei loro principali dirigenti esecutivi, in termini di piani super economici mentre si preparava il disegno di legge.

"Questo mira ad eliminare i medici tipo 'Gucci'", ha detto al giornale Peter Skoda, supervisore di Haro Bicycle Corporation, nella città di Vista in California. Il Times nota con orgoglio: "Di fronte alla possibilità di un aumento del 35% sulle indennità di assicurazione sanitaria, Haro ha cambiato un piano offerto da Aetna che impedisce ai dipendenti di consultarsi con i medici che lavorano per due gruppi di affiliati con il sistema di Scripps Howard a San Diego. Se i dipendenti consultano uno dei medici esclusi, sono responsabili del pagamento dell' intera prestazione".

Il Times ha osservato che l'ultima volta in cui le aziende e gli assicuratori hanno cercato di limitare l'accesso a specialisti ed ospedali, con l'istituzione alla fine del 1990 della Health Management Organizations, meglio conosciuta con la sua sigla inglese, HMO, provocarono un'enorme reazione violenta del pubblico. È per questo che Obama, con l'aiuto del New York Times e altri media, ha cercato di nascondere il vero contenuto della "riforma" dell'assistenza sanitaria.

In base alle disposizioni del piano, le aziende non hanno alcun obbligo di offrire l'assicurazione medica, per non dire del mantenimento dei livelli di di copertura esistenti. Al contrario, le imprese che mantengono piani di assicurazione che governo ritiene troppo costosi dovranno subire una tassa punitiva. Inoltre, i datori di lavoro sono tenuti a versare solo una piccola multa, ben al di sotto del costo di continuare a pagare i premi, se eliminano ai dipendenti la loro copertura assicurativa sanitaria.

Nello stato del Massachusetts, dove il governo ha approvato una revisione del sistema sanitario, centinaia di aziende hanno scelto di eliminare la copertura che offrivano e obbligare i loro lavoratori ad aderire al programma sanitario finanziato dallo Stato. Secondo un recente articolo del Boston Globe, in condizioni più costose e il costante rallentamento dell'economia, le imprese dicono che è molto più economico pagare le multe imposte allo Stato, per non coprire più i loro dipendenti - crica 295 $ annuali a dipendente - piuttosto che pagare migliaia di premi.

Simili incentivi finanziari inizieranno a livello nazionale, una volta che il piano di Obama entra in pieno effetto.

Secondo la normativa, i lavoratori che sono stati privati dei benefici che le aziende pagano, insieme a coloro che attualmente non sono assicurati, saranno costretti a comprare la loro copertura assicurativa sulla base di detto scambio di assicurazione amministrato dagli Stati. Se non riescono ad assicurarsi in questo modo saranno multati.

I giganti assicurativi che approfitteranno dei vantaggi straordinari (e inaspettati) che circa 24 milioni di polizze nuove stanno per portare, ora scommettono che sui piani di assicurazione sanitaria a buon mercato saranno molto popolari tra i lavoratori che non possono permettersi una copertura di qualità. "Riteniamo che questi piani saranno un grande successo nei prossimi anni a venire", ha dichiarato al NYT Ken Goulet, vice presidente esecutivo di Wellpoint, una delle compagnie di assicurazione più grande della nazione

Il New York Times condotto la campagna per il passaggio del piano sanitario di Obama. Il 24 marzo, il Times, in un articolo intitolato: "Con il disegno di legge in materia di sanità, Obama ha attaccato la disuguaglianza sociale", David Leonhardt ha scritto che una tale normativa è stata "il più forte attacco del governo federale contro disuguaglianza economica da quanto la disuguaglianza cominciò a crescere tre decenni fa". Secondo Leonhardt, questa faceva parte di "uno sforzo intenzionale per porre fine a quella che gli storici hanno chiamato l'era di Reagan".

Questa era una bugia evidente e sfacciata e gli scrittori ed editori ben pagati del Times lo sapevano bene. In realtà, il piano di Obama per sviscerare l'assistenza sanitaria delle persone faceva parte di un lavoro incompiuto: l'offensiva, da parte delle imprese e del governo, lanciata nel corso del 1980 contro la classe operaia. C'era anche un indizio di questa mossa quando il presidente Democratico ha attaccato i benefici per la salute dei lavoratori del settore auto durante il fallimento e la ristrutturazione forzata di General Motors e Chrysler lo scorso anno.

Il rapporto di WSWS sulla "riforma" di Obama in materia di assistenza sanitaria ci distingue da tutte le organizzazioni di pseudo-sinistra e le pubblicazioni liberali borghesi, come The Nation, che hanno promosso tale legislazione antioperaia.

Fonte: http://www.wsws.org/articles/2010/jul2010/pers-j20.shtml

Leggi anche:
COME OBAMA IMMAGINA IL FUTURO...SENZA CAMBIAMENTI

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)