Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

12 luglio 2010

SPIARE IL POPOLO

di Juan Gelman

Vale la pena visitare il museo della Stasi- o Ministero della Sicurezza di Stato o Servizio d’Intelligenza Interna- situato nella sua vecchia sede, strada Nomrnestrasse, a Berlino Est. La Stasi è nata nel 1950 sotto il regime “socialista reale” della Repubblica Democratica Tedesca ed è finita con la caduta del Muro di Berlino, nel 1989. Contiene, tra le tante cose, una collezione di strumenti usati per spiare la popolazione della Germania Orientale, camere in miniatura che si potevano nascondere nell’asola della giacca, nelle cravatte e perfino in finte caramelle, artefatti per l’ascolto a distanza con tecnologia perfezionata dal paese.
La Stasi è stata considerata il miglior sistema di controllo del prossimo e non è da meno: il numero dei suoi agenti ammontava a 91.000 ed inoltre contava sulle soffiate di 173.000 informatori civili, in molti casi obbligati a rendere un tale servizio. Sorprende trovare i nomi di qualche scrittore più o meno famoso nella lista. Le amministrazioni autoritarie non si comportano diversamente. Forse perché hanno coscienza dell’orrore che impongono e temono le reazioni della cittadinanza. Il loro stile di ordine e comando non ammette repliche.

Le tentazioni d’imitazione sono forti e la grande democrazia del Nord sta copiando certe tecniche. Il governo di Obama ha consolidato ed amplificato i programmi di spionaggio degli statunitensi  che Bush aveva stabilito. Un paio d’anni fa, il Pentagono aveva sospeso l’Ufficio delle Attività della Controspionaggio in campo (CIFA, le sue sigle in inglese) che si dedicava a controllare i gruppi pacifisti ed infiltrare provocatori nelle manifestazioni di chi si opponeva al servizio militare obbligatorio. L’argomento del terrorismo qui non serve: una cosa è mettere bombe ed un’altra è manifestare un’opinione che non piace alla Casa Bianca. Con Obama, la CIFA è rinata sotto le ali del Pentagono.

Lo scorso mese è stato il Washington Post ad informare che la DIA o Agenzia d’Intelligenza della Difesa “desidera aprire una nuova base d’informazione su individui e gruppi” (www.washigntonpost.com 15-06.2010). Il loro lavoro consisterebbe nel raccogliere dati concernenti “individui coinvolti o d'interesse per le operazioni del Pentagono relazionate con l’intelligence, controspionaggio, antiterrorismo e antinarcotraffico”, così che come “persone coinvolte in attività dell’intelligence estera e/o in addestramento” (www.thfederalregister.com 15-06-2010). Due funzionari ,che hanno preferito l’anonimato, dicono che “la CIFA è stata sciolta sulla carta, ma buona parte del suo personale e alcune delle sue funzioni sono state trasferite” ad un centro DIA (www.newsweek.com 18-06-2010), incaricato di documentare operazioni che colpirebbero la sicurezza nazionale con lo scopo di sanzionarle.
La sua definizione è vaga e può comprendere molte cose.

Lo spionaggio dei cittadini statunitensi è cominciato, da parte del governo, nel 1967 con Lindon B.Johnson presidente ed è aumentato dopo l’11-09. Mike van Wikle, portavoce del Centro d’Informazione antiterrorista della California, ha spiegato così il controllo dei manifestanti pacifici contro la guerra in Iraq: “Se c’è un gruppo che protesta contro una guerra la cui causa è la lotta al terrorismo internazionale, ci potrebbero essere dei terroristi in quella protesta. Si può quasi dire che la protesta è un atto terroristico”. (www.progressive.org 04-02-2010)
Queste dichiarazioni sono state fatte a più d’un anno dal governo Obama.

L’Unione Statunitense di Libertà Civili (ACLU, sigla in inglese) ha denunciato stalking e persecuzioni contro semplici cittadini nei 34 dei 50 stati del paese (www.aclu.org 29-06-2010), i più frequenti in California e Colorado. Alcuni di questi superano la linea del ridicolo. Il Dipartimento della Polizia di Los Angeles ha ordinato nel 2008 che tutti i suoi agenti di controllare 65 persone aventi condotte sospette. Le condotte erano “usare binocoli, disegnare diagrammi, prendere appunti”. La più curiosa: “fare foto o fare dei video senza valore estetico apparente”.

I vegetariani devono stare attenti negli USA. Un sostenitore del trattamento umano agli animali ha dato a Fresno una conferenza sui “benefici di una dieta vegetariana”. Lo hanno ascoltato una settantina di persone, delle quali il 10% erano agenti sotto copertura.  La polizia dello stato diel Maryland ha infiltrato più di 30 gruppi pacifisti e/o contrari alla pena di morte ed ha “erroneamente identificato come terroristi a 53 persone ed ad una decina di organizzazioni”.Questa informazione è stata inviata a diversi organismi della sicurezza, incluso l’FBI.

Guantanamo ancora non chiude e- un esempio- continuano le torture nella base statunitense di Bagram, Afghanistan ( www.truth-out.org 23-05-2010). Il protocollo di W.Bush su questa materia si è “perfezionato” con Obama. Nessuno ferma il progresso.

Fonte: http://www.pagina12.com.ar/diario/contratapa/13-149243-2010-07-11.html

Traduzione per Voci Dalla Strada a cura di VANESA 

Leggi anche: 

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)