Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

1 maggio 2010

AGENZIE DI RATING: "NE' INDIPENDENTI, NE' TRASPARENTI"!

Di Rosa Muñoz Lima
C'è da fidarsi di coloro che decidono l'affidabilità di paesi e imprese? Chi valuta i valutatori? Le agenzie di rating hanno molto da dire in questi giorni, ma delle loro parole si dubita. Le agenzie di rating valutano la capacità finanziaria delle imprese o dei paesi, stabiliscono in anticipo le loro possibilità di effettuare i pagamenti e gli investimenti a breve, medio e lungo termine e il rischio del mancato pagamento o investimento.

In linea di principio è solo una stima. Ma se una di queste agenzie, o peggio, se una delle tre grandi che dominano il business dei rating a livello internazionale - Moody's, Standard & Poor's o Fitch Ratings, dice che un paese è esposto al rischio e diminuisce la sua valutazione, ciò presuppone gravi conseguenze: "questo paese dovrebbe pagare un premio di rischio più elevato sul suo debito. Improvvisamente, i debiti dello Stato costano di più perché i tassi di interesse salgono", ha detto a DW-WORLD Dennis Snower, presidente del World Institute for Economics (WIF) di Kiel, nel nord della Germania.
Questo è esattamente il problema della Grecia, e ora la paura degli spagnoli. L'agenzia Standard & Poor's ha declassato questa settimana la valutazione di solvibilità greca, ancora una volta, e quella del Portogallo, che ha generato grandi movimenti sui mercati finanziari internazionali. Poco dopo, ha ridotto l'affidabilità della Spagna da "AA+" a "AA", e l'indice Ibex 35 della Borsa di Madrid è crollato.

Valutazioni sopravvalutate?

Tuttavia, economisti e politici europei mettono in discussione l'autorità di queste istituzioni di valutazione. Il futuro economico del continente non dovrebbe essere lasciato nelle loro mani, dicono. "Queste agenzie hanno fallito sin dall'inizio della crisi finanziaria. Che motivo ha la Banca Centrale europea di fidarsi delle loro valutazioni in questa fase critica?" Ha dichiarato al giornale tedesco Die Welt Germania il celebre economista Peter Bofinger.

"Durante la crisi finanziaria si presentarono gravi conflitti di interessi che non sono stati risolti fino ad oggi. Queste compagnie hanno ricevuto soldi da imprese che dovevano valutare", dice Snower. I pacchetti di mutui statunitensi che poi innescarono la crisi erano stati valutati dalle agenzie importanti come investimenti sicuri (con il massimo dei voti AAA). Anche banche che poi crollarono avevano ricevuto buone valutazioni.

Con tagli graduali e successivi (e non unici e definitivi) della misura del rischio che implicherebbe prestare denaro a Grecia e Portogallo, le agenzie hanno portato grande nervosismo e instabilità dei mercati, ha assicurato alla stampa tedesca il Direttore dell' Instituto Ricerca di Economia a Colonia (IW Köln), Michael Hütner.

I rating rilasciati sono sopravvalutati, molti credono, tra cui il presidente del Consiglio, del Ministero delle Finanze tedesco, Clemens Fuest. Anche il presidente del Fondo Monetario Internazionale (FMI), Dominique Strauss-Kahn questa settimana, ha minimizzato l'importanza degli istituti di rating, ma non ha negato che siano "utili".

"Né indipendenti né trasparenti"

"Le Agenzie non sono indipendenti e questo è un errore del sistema. Se le loro dichiarazioni hanno conseguenze pubbliche, queste agenzie dovrebbero essere finanziate con fondi pubblici", consiglia Snower. "Le agenzie di rating non dovrebbero sviluppare, commercializzare e valutare prodotti finanziari allo stesso tempo", ha detto il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle.

Le cosiddette agenzie di rating "si promuovono come indipendenti, ma "sono legate a grandi investitori finanziari", ha detto giovedi a  Berlino quotidiano Tageszeitung. Il 17% di Moodys appartiene all' investitore americano Warren Buffet. Il suo concorrente Fitch Ratings è di proprietà del miliardario francese Marc de Lacharrière e Standard & Poor's fa parte della Corporation mediatica McGraw-Hill.

Le indagini del Senato USA sulla crisi finanziaria hanno rivelato questo fine settimana e-mails che attestano le pressioni a cui queste società sono state sottomesse dal settore bancario. A New York è stata presentata questa settimana una causa contro Moody's e Standard & Poor's per le loro false valutazioni finanziarie, di cui si presume fossero a conoscenza.

Un'alternativa europea?

Nella valutazione delle economie nazionali "possono sorgere conflitti indiretti in quanto le agenzie sono finanziate dalle imprese i cui guadagni dipendono da queste valutazioni", dice Snower. "Le agenzie hanno grande influenza sull' attuale processo decisionale europeo in materia di politica finanziaria e non dovrebbero averlo. Non sono trasparenti, non soddisfano i criteri per qualificarsi. Sarebbe molto meglio se fossero pubbliche, ma poi non ne avremmo bisogno, potremmo decidere per noi stessi se tali criteri siano appropriati o meno", aggiunge l'esperto Kiel.

L'Unione europea dovrebbe contrapporre i propri sforzi al business delle agenzie di rating", dice il ministro degli Esteri tedesco. Tanto lui quanto il cancelliere tedesco Angela Merkel, si sono impegnati nella creazione di un'agenzia europea indipendente per stabilire i "ratings" e liberarsi dalla dipendenza di agenzie essenzialmente statunitensi.

"Il nostro obbligo è quello di rendere pubblico ciò che pensiamo, anche se è doloroso per le persone colpite", ha detto il capo della Fitch Ratings in Germania, Jens Schmidt-Bùrgel, all'agenzia di stampa dpa. I metodi di valutazione sono "chiari e trasparenti, soprattutto nella qualificazione dei paesi", e molti dati sono disponibili al pubblico, ha aggiunto Bùrgel.

Il presidente dell'Istituto di Economia Mondiale di Kiel non concorda con i politici tedeschi né con Bürgel: "un'agenzia di rating indipendente europea potrebbe essere creata, anche se io personalmente non credo che abbiamo bisogno di una qualsiasi di queste agenzie. Credo che ciò di cui abbiamo bisogno sono criteri molto chiari e trasparenti, secondo i quali vengano valutati i paesi e le imprese. Se esistono, se tali informazioni sono pubbliche, tutto il resto è superfluo".

2 commenti:

  1. Speriamo si sbrighino a fare il nuovo governo mondiale non c'è altra strada per sistemare le cose una volta per tutte. Consapevolezza!!!!

    RispondiElimina
  2. Molti fanno fatica a capire se è nato prima l'uovo o la gallina...in ogni caso "le cose da sistemare" non sono casuali...sono state create per un fine ultimo...cioè un governo mondiale e la riduzione in schiavitù "una volta per tutte!
    Cadere nella rete come pesciolini non proprio segno di consapevolezza!
    ;)

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)