Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

5 marzo 2010

UNIONE EUROPEA IN DECLINO: POTREBBE DISGREGARSI E FAR SALTARE L'EURO?


Come risultato della debole ripresa economica e l'effetto contagio della crisi fiscale sperimentato da alcuni dei suoi membri, l'Unione europea passa il momento peggiore nella storia dal suo inizio ed i pericoli di disgregazione e di rottura della sua moneta sono al centro del dibattito.
L' euro, la moneta unica, forgiata nel cuore della vecchia Comunità economica europea, si trova ad affrontare la sua prova più critica contro l'assalto del dollaro, come prevedono gli esperti e il cancelliere tedesco Angela Merkel.

Merkel ritiene che l'euro si trova di fronte ad un esame storico a causa della crisi finanziaria della Grecia, un paese le cui autorità hanno chiesto di fare i loro compiti ed applicare senza indugio l'annunciato programma di risparmio.
"L'euro affronta, sicuramente, la sua fase più difficile dalla sua creazione", ha detto Merkel in un'intervista trasmessa dalla "Bericht aus Berlin" (Relazione di Berlino).

Grecia, tutti gli analisti concordano: è la miccia di un potenziale focolaio finanziario a catena che potrebbe, come emergente principale, innescare un processo di crisi sociale nell' eurozona (vedi Segnali: La crisi fiscale fa crollare i mercati mondiali).

La contagiosa crisi fiscale dell' eurozona è alimentata dai dati negativi della ripresa economica nella zona euro.
Secondo l'ultima relazione della Commissione europea, le aspettative economiche nei 16 paesi della zona euro è peggiorata nel mese di febbraio per la prima volta in quasi un anno, un segno che ha rallentato la ripresa economica.

Di fronte a questa sensazione e i maggiori timori nella zona della moneta unica, in particolare in Grecia, la Commissione ha detto che rispetto alle sue previsioni di novembre l'economia della zona euro crescerà quest'anno dello 0,7%.

"Dirigere l'economia europea per un sentiero solido e sostenibile dovrebbe essere un obiettivo prioritario', ha detto il nuovo Commissario per gli Affari monetari dell'UE Olli Rehn. "Per questo dobbiamo lavorare su due fronti: la ripresa economica e il consolidamento delle nostre finanze pubbliche'', ha detto Rehn.

L'incapacità della zona euro per forgiare nel 2009 una via d'uscita dalla recessione si è evidenziata nell' indicatore mensile della Commissione sullo stato d'animo dell' economia, che è sceso da 0,1 a 95,9 punti nel mese di febbraio, in parte a causa del peggioramento della fiducia dei consumatori.

Il declino, primo in 10 mesi consecutivi di aumento, non era stato anticipato dai mercati e segue una serie di sondaggi che indicano che la ripresa economica è in stallo. "Sembra che il rimbalzo ha perso slancio'', ha detto la Commissione. Per essa "la percezione dei consumatori delle prospettive economiche e i timori per la disoccupazione, in particolare in Spagna e in Italia, hanno contribuito al deterioramento generale.

In questo scenario, l'umore degli speculatori internazionali è passato dal pessimismo nei confronti del dollaro al pessimismo sull'euro.

I problemi della Grecia hanno sottolineato la fragilità della ripresa della zona euro e ogni "nervosismo", circa l'economia e l'enorme deficit di bilancio degli Stati Uniti è stato relegato in un secondo piano.

Così, il dollaro guadagna sull'euro ed è tornato a servire come un rifugio sicuro per gli speculatori internazionali preoccupati per la diffusione della crisi del debito, sia negli Stati Uniti e l'Unione europea.

La questione si riferisce ad un punto centrale: gli speculatori internazionali (all' attacco della nuova crisi fiscale nell'eurozona) acquistano il debito pubblico degli Stati Uniti garantito dal "rifugio sicuro" del dollaro.

L'opinione rispetto al dollaro "è cambiata radicalmente", ammette Claire Dissaux, direttore di economia globale e strategica della firma londinese Millennium Gobal Investments.

La crisi fiscale, dice il Financial Times, "E 'iniziata ad Atene ed è continuata a Lisbona e Madrid, ma sarebbe un grave errore credere che la crisi del debito sovrano interesserà solo le economie più deboli della zona euro.

Per la finanziaria britannica, qualsiasi decisione in merito alla Grecia può avere un impatto diretto sul Portogallo, la Spagna e sicuramente altre economie, ed è probabile che la soluzione non arriverà subito.

L'euro, che per mesi ha mantenuto una scalata e aveva spiazzato il dollaro, continua a scendere per la fuga in massa degli speculatori verso l' acquisto di attivii più "sicuri" in valuta statunitense.

La situazione si ripete con la crisi del debito regionale che cresce e si diffonde in tutta la zona euro, con epicentro in Grecia, come crescono i timori degli speculatori per un'insolvenza di pagamento generalizzata e un collasso a catena nelle economie più deboli portato dalla Spagna.

Per il Financial Times, la Spagna segna il centro dell' "incertezza" e i nuovi bassi rating della sua economia potrebbero innescare un collasso finanziario innterconnesso dei paesi, che si mantengono sulla linea "rossa" di insolvenza per rispettare gli impegni di loro debiti pubblici.

In generale, l'ombra di un' insolvenza (prodotta dal disavanzo e dal basso gettito fiscale) solleva timori di una recrudescenza della crisi finanziaria, e favorisce ancora l'assalto del dollaro nei confronti dell'euro.

In questa situazione, e più di un decennio dopo aver attivato la moneta che ha unito dodici monete nazionali, come la peseta spagnola, c'è un dibattito sull'opportunità di continuare o no con l'euro in seno all'UE.
La discussione su una potenziale rottura (parziale o totale), dell'euro si è diffusa nelle ultime settimane in molte economie europee e in particolare nelle più deboli.

Paesi come Spagna, Italia e Portogallo sono di fronte alla crisi economica e finanziaria carenti dell'arma principale che in passato li ha aiutati a risalire dal pozzo: la svalutazione della propria moneta, che serve a regolare gli squilibri economici (disavanzi, i salari, competitività ..) nei periodi di prosperità.
La sua adesione al valore inalterabile dell' euro, impedisce l'uso di questa risorsa utilizzata in tempi di crisi macroeconomica per i paesi della regione.

I paesi più deboli dell' eurozona sono legati e dipendenti dai più forti come la Germania o la Francia attraverso l'unione monetaria, dice Paul Donovan di UBS.
Per l' UBS, le conseguenze di un ipotetico abbandono dell'euro per un paese sarebbe quella rinominare il debito pubblico nella nuova-vecchia moneta, un cambiamento tanto radicale delle condizioni del paese emittente che sarebbe uguale ad un fallimento o un' insolvenza.

L'agenzia di rating S&Poor, avverte che se uno sceglie di mantenere il debito in euro, la profonda svalutazione della nuova moneta moltiplicherebbe il valore reale del debito detenuto in euro, quindi la capacità di rimborso e l'accesso a nuove fonti di finanziamento sarebbero una missione quasi impossibile.

Secondo gli analisti di UBS, "anche se riteniamo che l'euro è rimasto intatto è chiaro che in termini economici, l'euro non funziona. Voglio dire, ci sono parti dell' eurozona, che sarebbe stato meglio economicamente se non fossero mai state insieme. Questo non è un argomento per discostarsi [dall'euro], ma solleva questioni circa i fattori che costruiscono il successo economico nelle unioni monetarie, e che succede quando questi fattori non appaiono".

Il riconoscimento (solo "dichiarativa") dell' UE alla Grecia rappresenta un riconoscimento implicito che il blocco di moneta deve risolvere quello che alcuni considerano la sua più grande debolezza: la mancanza di coordinamento delle politiche fiscali. Con il sistema attuale, la Banca centrale europea (BCE) ha il potere di attuare la politica monetaria in blocco, ma ha poca influenza sulla politica fiscale nei paesi membri.

La decadenza in numeri

José Manuel Durao Barroso, presidente della Commissione europea, ha presentato due settimane fa, ai leader dei 27 membri del Parlamento europeo un rapporto che mostra le debolezze dell' UE in numeri sconcreti.
L'economia della UE nel 2009 è scesa del 4%, il dato peggiore dopo la Seconda Guerra Mondiale.
La produzione industriale è crollata del 20%, portando la struttura industriale europea alla situazione che c' era alla metà degli anni '90 del secolo scorso.

Attualmente ci sono 23 milioni di europei disoccupati, 7 milioni in più di 20 mesi fa, e la disoccupazione continuerà a crescere secondo tutte le stime.
Circa l'8% della popolazione europea ha un lavoro che non gli consente di uscire dalla povertà, 80 milioni vivono appena sulla soglia della povertà.
Ma nonostante gli annunci di una "ripresa" la produttività economica è famelica e rende la crescita strutturale europea due terzi inferiore a quella statunitense.

I deficit pubblici regionali raggiungono una media del 7% del PIL, contro il limite del 3% imposto dal Trattato di Maastricht. E il debito sale all' 80%. Le banche continuano a non prestare denaro, come prima della crisi, impedendo il normale funzionamento delle imprese.

Per quanto riguarda le esportazioni, le esportazioni si riducono di anno in anno sotto la pressione delle potenze emergenti. La Germania lotta con la Cina come secondo esportatore, ma il 60% delle esportazioni tedesche si fanno nella zona euro.

Meno di un terzo degli europei tra i 25 ei 34 anni hanno una laurea. Negli Stati Uniti questa frangia della popolazione raggiunge il 40% e in Giappone il 50%. Un bambino su sette ha lasciato il sistema scolastico senza nessun titolo. L'Europa avrà bisogno nel 2020, di 16 milioni di lavoratori altamente qualificati, che in questo modo non si crea, ma continua a chiudere le porte all'immigrazione.

Lavora solo il 66% degli europei in età lavorativa, rispetto al 70% degli Stati Uniti e del Giappone. Per quelli di età superiore ai 55 anni, tale percentuale scende al 46%.

Questi numeri dimostrano più di ogni altra cosa in declino e la decadenza che sembra essere entrata nell'Unione Europea.

Fonte: http://www.iarnoticias.com/2010/secciones/europa/0012_europa_decadencia_01mar2010.html

Articoli correlati: 

1 commento:

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)