Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

22 marzo 2010

IL CONGO OSTAGGIO DEL «BUSINESS» DELLA BANCA MONDIALE


Di Renaud Vivien, giurista al comitato per cancellare il debito del terzo mondo (1).

Come le istituzioni finanziarie globali penalizzano la legislazione sociale?

Il bilancio 2010 della Repubblica Democratica del Congo (RDC), emanato il 25 gennaio è settantasette volte inferiore a quello della Francia (2) per una popolazione di dimensione equivalente. Nonostante questo bilancio ridicolo e la crisi economica, il governo congolese prevede di spendere non meno di 430 milioni dollari per rimborsare il debito estero, che è tuttavia illegale. Infatti, il popolo congolese continua a pagare gli arretrati impagati ereditati dal dittatore Mobutu con la complicità dei creditori occidentali. Nel diritto internazionale, si descrive questo il debito «odioso». Il governo congolese può quindi legittimamente rifiutarsi di pagare e risparmiare centinaia di milioni di dollari l'anno. Perché non lo fa?
La spiegazione si basa sostanzialmente su un calcolo economico effettuato sul breve termine: l'aiuto internazionale non è inferiore al 46,3% dei ricavi del bilancio totale nel 2010, e la RDC spera di ottenere quest'anno una riduzione del debito previsto dal 2003! Tenuto conto di questa dipendenza, il governo congolese ha fatto quindi la scelta di piegarsi alle ingiunzioni dei suoi finanziatori, riuniti in seno alle istituzioni finanziarie internazionali (IFI) e del Club di Parigi, un gruppo informale di diciannove ricchi paesi creditori tra cui la Francia.

Il prezzo di questa docilità è molto elevato: la Repubblica Democratica del Congo deve rinunciare alla sua sovranità impegnandosi a seguire alla lettera le riforme strutturali dettate dalle Istituzioni Finanziarie Internazionali (FMI e BM, ndt) che che impongono di migliorare «il clima degli affari». In altre parole, il governo deve lavorare per il benessere delle multinazionali e accelerare la svendita delle sue risorse naturali e privatizzare i suoi settori strategici. Questa politica di privatizzazione non solo ha importanti conseguenze sul piano economico, dal momento che comporta automaticamente meno entrate per lo Stato, ma anche in termini umani, con decine di migliaia di posti di lavoro eliminati.

E questi futuri ex-lavoratori congolesi non possono contare su un sistema di protezione sociale in quanto ciò potrebbe degradare «il clima degli affari». Infatti, la Banca Mondiale incoraggia gli Stati ad eliminare la protezione sociale dei lavoratori nel Sud ma anche del Nord (3), in particolare attraverso la pubblicazione della sua relazione annuale Doing Business (attività commerciali), in cui la banca stabilisce una classificazione di tutti i paesi in base alla loro capacità di «fare affari». Più la legislazione più di un paese facilita i licenziamenti e più è quotato! Ad esempio, il Ruanda registra nel 2009, il più grande guadagno in quanto i datori di lavoro non sono più tenuti ad effettuare consultazioni preliminari con i rappresentanti dei lavoratori (in relazione a ristrutturazioni), nè ad informare l'Ispettorato del Lavoro. Al contrario, il Portogallo è declassato per aver prolungato di due settimane il periodo di preavviso. Non è quindi sorprendente scoprire la Banca mondiale in prima linea in questa operazione "Dimissioni volontarie" nella Repubblica Democratica del Congo. Tra il 2003 e il 2004, questo piano di licenziamento illegale ha colpito 10.655 lavoratori della Gecamines (l'azienda pubblica si trova nella provincia mineraria del Katanga), che non erano stati pagati per diversi mesi. E 'in questo contesto che la Banca Mondiale è intervenuta nel finanziamento dei licenziamenti, su richiesta del governo congolese, ma avendo cura di imporre prima le sue condizioni illegali: la banca ha limitato l'ammontare del risarcimento in una forma «a saldo di tutto il conto» in una modalità di calcolo che viola il diritto del lavoro e delle norme congolesi dell' Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). Mentre il bilancio richiesto dai lavoratori era 240 milioni di euro, il consulente incaricato dalla Banca Mondiale per calcolare l'importo del risarcimento, offre solo un pacchetto per la soluzione definitiva di 43 milioni di dollari!

Oggi, gli ex dipendenti della Gecamines chiedono dei conti alla Banca Mondiale e hanno sequestrato il suo pannello di controllo, che è responsabile di accertamento delle violazioni che sarebbero state commesse nei progetti in cui è implicata. Anche se quest'ultimo ha dichiarato la loro applicazione ammissibile, le sue relazioni non sono vincolanti sulla direzione della banca. Solo una sentenza di un tribunale ordinario potrebbe costringere la banca a riparare i danni causati alle persone. Una causa contro la Banca Mondiale per tali violazioni costituirebbe un precedente. La banca non può essere al di sopra della legge, tanto più che non gode dell'immunità dalla giurisdizione. Secondo il suo statuto, può essere citata in giudizio in tutti i paesi in cui ha una rappresentanza.

I lavoratori congolesi sono vittime della stessa logica capitalistica che prevale al Nord. La solidarietà internazionale deve essere rafforzata contro le politiche anti-sociali delle IFI e per la cancellazione totale e senza condizioni del debito del sud.

(1) www.cadtm.org

(2) http://www.legifrance.gouv.fr

(3) Vedere di Eric Toussaint, Uno sguardo allo specchio: l'ideologia neoliberale dalle origini fino ad oggi. Éditions le Cerisier, 2010. 

Fonte: http://www.humanite.fr/2010-02-23_Idees-Tribune-libre-Histoire_La-Banque-mondiale-au-coeur-des-affaires-de

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)