Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

26 gennaio 2010

"EQUO COMPENSO"...SOLO PER LA SIAE


 
Alcuni personaggi un po' improbabili si complimentano con il ministro Bondi per aver esteso l'equo compenso e aumentato la "tassa Siae" agli italiani.

Da alcuni giorni (anzi, da alcune notti) stiamo ricevendo dei fax palesemente falsi ma assolutamente divertenti e che soprattutto dovrebbero far riflettere sulla recente estensione della tassa dell'equo compenso a cellulari e Pc, a tutto beneficio della Siae.
Alla vicenda abbiamo già dedicato un articolo e intitolato una newsletter, ma la cosa sembra essere già passata nel dimenticatoio, sia a livello nazionale, sia nel campo stesso dell'information technology, sostituita da notizie più recenti.


Per questo motivo una anonima ma divertente mano, con l'arma della satira, sta cercando di tenere vivo l'argomento, e lo sta facendo in un modo decisamente inusuale: l'invio notturno di fax. Come anticipato, sono dei documenti assolutamente falsi, indirizzati al ministro Sandro Bondi, congratulandosi per aver approvato la legge sull'equo compenso.

Il primo fax, scritto in un italiano molto raffazzonato, sembrerebbe provenire dal gestore di un sito di ecommerce che si congratula con Sandro Bondi per l'approvazione della legge: questo gli consentirà di vendere a prezzi vantaggiosi agli utenti italiani. "Noi 100 Dvd di vendiamo a 19 euro e voi ci mettete 40 euro di tasse; 100 Cd a 13 euro con quasi 30 euro di tasse [...] Con questa legge della Siae per voi costa di più uscire di casa per comprare 20 Dvd in negozio che comprare i Dvd da noi in Lussemburgo".

Il secondo fax, giunto in redazione la notte successiva, è firmato dal (sedicente) assessore ai trasporti del Comune di Roma (anch'esso palesemente falso). L'autore, sempre rivolgendosi a Bondi, inizia con un cordialissimo "Ciao Sandro", e anche in questo caso si tratta di una (finta) lettera di congratulazioni.
L'assessore però ha "l'ingrato compito di far quadrare il bilancio" relativo alle multe per infrazioni stradali. Così si rivolge a Bondi "avendo saputo della sua trovata: la multa preventiva. [...] Far pagare la Siae a prescindere dell'uso che verrà fatto delle memorie è semplicemente geniale". E allora il finto assessore si inventa una multa preventiva anche per gli automobilisti, risanando il bilancio.

Ma vale la pena leggere fino in fondo il divertente fax: "Non posso che confessare la mia totale impreparazione nel riuscire a far passare una tale manovra sotto silenzio o quasi da parte degli organi di informazione. [...] Sandro, francamente l'hai studiata a tavolino, hai avuto culo o un mix di entrambi?"
 
Infine la terza notte è arrivato in redazione un terzo fax, anche stavolta chiaramente fasullo, firmato niente meno che dal (sedicente) direttore generale della Siae. Si inizia sempre con un "Sandro carissimo", ma stavolta la lettera è un bonario rimprovero: "Maremma maiala, s'era detto di includere tutti i sistemi di calcolo dotati di memoria, tra cui anche quelli elettromeccanici e meccanici, fino al pallottoliere."
 
E invece il pallottoliere è rimasto fuori, da cui la reazione del "direttore": "Non l'avrai mica fatto per paura della reazione dei media? Hai visto benissimo che s'è risolto tutto nel silenzio generale". "Mi raccomando, correggi questa bozza del cavolo, o mettiti subito al lavoro per una nuova legge".
Tre fax satirici che purtroppo descrivono molto bene la verità dei fatti. Stanotte ne arriverà un quarto?

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)