Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

30 gennaio 2010

ACCORDO SEGRETO SUL COPYRIGHT

Diversi media rivelano un accordo mondiale sul copyright di cui era cominciata la negoziazione in segreto sotto il mandato di Bush tra gli USA, l’UE ed importanti paesi asiatici come il Giappone e la Corea. L’accordo convertirebbe i provider dei servizi internet in poliziotti della Rete sotto l’esigenza di aziende e proprietari dei diritti d’autore per controllare la rete ed il traffico dei clienti. Gruppi civili hanno inviato una lettera a Obama protestando per la segretezza di questo affare, in contraddizione con la politica di trasparenza annunciata.

Queste negoziazioni segrete rivelate da El Pais sono venute fuori da un documento dell’UE il quale spiegava ai suoi stati membri la posizione degli USA nell’Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA), che anche se formalmente si tratta di un accordo mondiale per combattere la falsificazione, il testo include una proposta su internet per controllare gli internauti che scambiano file attraverso il P2P.

Alle negoziazioni partecipano circa 40 paesi dagli USA all’UE passando per importanti paesi asiatici, come il Giappone e la Corea. In base a tale informazione si è cominciato a lavorare in segreto sotto il mandato di Bush e ancora adesso continua. Settimana scorsa c’è stata una nuova riunione a Seul e a gennaio ce ne sarà un’altra in Messico.

L’accordo permetterà ai titolari dei diritti d’autore di obbligare operatori e provider dei servizi internet a controllare il traffico dei loro clienti per evitare lo scambio o la distribuzione di materiale protetto da copyright. Una responsabilità che attualmente non hanno e che nella maggior parte dei paesi deve passare attraverso controlli giuridici. Un giro di vite che convertirà i provider in polizia della Rete.

Fonte:http://muycomputer.com/Actualidad/Noticias/Acuerdo-secreto-sobre-copyright

Traduzione per Voci Dalla Strada a cura di VANESA 

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)