Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

2 luglio 2009

IL MITO DEL LIBERO COMMERCIO


"Un modo per minare l'agricoltura messicana è inondando il mercato con le esportazioni degli Stati Uniti, che sopravvivono grazie a sovvenzioni, risalenti al periodo di Reagan. Questo non è il libero commercio".
Noam Chomsky


Noam Chomsky ha risposto ai lettori di BBC World in un'intervista in cui ha parlato dal "interesse nazionale" di Washington nel punire Cuba fino all'immagine "demoniaca", che si è dipinta di Hugo Chávez negli Stati Uniti, passando per il "mito "del libero commercio", tema principale della terza ed ultima parte di questa conversazione.

Linguista, attivista, filosofo, Chomsky è stato per quattro decenni uno dei più feroci critici della politica estera del suo paese.

Dopo 80 anni, anche il mondo accademico mette in guardia contro i pericoli di ripetere parole senza chiedersi davvero cosa significano. Ad esempio, il Trattato di Libero Commercio del Nord America è veramente un accordo di libero commercio?

Durante queste tre interviste Noam Chomsky ha risposto a questa e ad altre domande da Boston, dove ha insegnato per più di mezzo secolo presso il prestigioso Massachusetts Institute of Technology. L'intervista è stata condotta da Dalia Ventura.

NAFTA E IL MITO DEL LIBERO SCAMBIO

Alcuni lettori si chiedono che cosa ne pensi degli accordi di libero commercio.

Quando le persone mi chiedono in merito al libero commercio, mi ricordo un commento fatto da Gandhi, quando gli hanno chiesto che cosa pensasse della civiltà occidentale. E la sua risposta è stata: "potrebbe essere un'idea interessante", e lo stesso succede con il libero commercio.
Il cosiddetto libero commercio, in realtà, ha poco a che fare con il libero commercio. In realtà, a volte non hanno molto a che fare neanche con il commercio.

Consideremos, por ejemplo, el tratado de libre comercio entre EE.UU. Si consideri, ad esempio, il trattato di libero commercio tra gli Stati Uniti e il Messico (NAFTA). Ha tutti i tipi di elementi altamente protezionista per il profitto delle imprese. Comprende misure che non hanno nulla a che fare con il commercio, come le condizioni speciali di diritti di investimento.

Il commercio, nel senso di scambio attraverso le frontiere, è aumentato dopo il NAFTA, ma questo commercio, è in gran parte la costruzione di un programma ideologico.

Al tempo dell'Unione Sovietica, se una fabbrica di produceva componenti di auto in Leningrado, li inviavano a varsavia per essere montati, eppoi a Mosca per la vendita, non possiamo chiamare questo scambio commerciale, anche se attraversavano le frontiere. Todo se daba dentro de una economía dirigida. Tutto è all'interno di un' economia.

E una parte sostanziale del commercio tra gli Stati Uniti Messico ed è all'interno di economie. Quindi, se la General Motors produce componenti in Indiana, li invia al Messico del nord per poi essere assemblati e poi vende le vetture a Los Angeles, questo viene chiamato commercio a doppio senso (in entrambe le direzioni), ma tutto si svolge all'interno di un economia.

Non abbiamo dati precisi, le corporations li mantengono segreti, ma probabilmente più della metà di ciò che è chiamato commercio, non è il libero commercio.

Inoltre, un modo per minare e distruggere l'agricoltura messicana eventualmente è inondando il mercato con esportazioni agricole degli Stati Uniti, che sopravvivono con notevoli sovvenzioni pubbliche che risalgono al periodo di Reagan. Questo non è il libero commercio.

Sicuramente, gran parte dell'economia americana si basa sul settore statale, compresi i suoi principali settori come l'informatica e Internet, che è stato sviluppato a livello statale per decenni. La fabbricazione e l'esportazione di aerei, per esempio, un' industria è nata in gran parte dalle Forze aeree.

DA HAITI AL MESSICO
Quindi, quello che è chiamato il libero commercio è uno scambio con alcuni elementi del mercato, ma non è di libero scambio.

E questa si nota. L'anno scorso, per esempio, la grande crisi alimentare in gran parte del mondo in via di sviluppo, in primo luogo, e in forma grave ad Haiti, dove vi sono stati scontri perché la gente non aveva da mangiare.

Fino a non molto tempo fa Haiti era autosufficiente nella sua produzione alimentare, ma questa produzione è stata distrutta da misure di libero commercio che le furono imposte, per esempio, quando Clinton ha deciso di porre fine al terrore di Haiti, che lui stesso aveva sostenuto, ha deciso che non poteva consentire il ritorno di Aristide e ha imposto misure molto restrittive, neo-liberali. Egli non ha consentito ad Haiti a fissare tariffe per proteggere la sua economia.

Gli agricoltori haitiani sono produttori di riso molto efficienti, ma non possono competere con l'industria alimentare degli Stati Uniti che ottiene gran parte dei loro profitti dalle sovvenzioni statali.
Nel caso del Messico, questo accade con la produzione di mais.

Non dobbiamo farci ingannare con il termine "libero commercio". E come disse Gandhi, forse il libero commercio è una buona idea, ma non è il regime che si sta imponendo.

PROTEZIONISMO DEGLI USA.

In realtà, il vero libero commercio non è mai stato messo in atto dai paesi ricchi, tranne per brevi periodi in cui conveniva loro.
Gli Stati Uniti ad esempio, durante il suo periodo di rapido sviluppo nel XIX secolo fino a dopo la seconda guerra mondiale è stato probabilmente il più protezionista del mondo con tariffe molto elevate per bloccare l'entrata di beni di qualità superiore del Regno Unito, Giappone o altri paesi.
Negli anni'50 gli Stati Uniti possedeva la metà della ricchezza del mondo, ha vinto in ogni competizione, così ci siamo mossi in direzione del libero scambio, ma temporaneamente.

Reagan era considerato il profeta del libero commercio, mentre in realtà è stato il presidente più protezionista nella storia del dopoguerra degli Stati Uniti. Raddoppiò le barriere protezionistiche per cercare di salvare l'industria statunitense dalla migliore qualità di merci provenienti dal Giappone.
Molto di ciò che viene detto in merito a tali questioni è mito è davvero necessario smantellare questi miti, prima ancora di iniziare a parlare seriamente di questi temi.

Soprattutto nel caso di Reagan c'è un'organizzazione chiamata L'eredità di Reagan che ha inventato una splendida figura, un po 'come Kim Il Sung (leader della Corea del Nord), che non avevano nulla a che fare con la realtà.

Reagan è stato anche responsabile di molte morti, distrutto quasi quattro paesi in America centrale e sostenuto le atrocità commesse dal Sudafrica in Mozambico e Angola, che hanno causato la morte, forse un milione di persone. E' un record che spaventa molto.

Fonte: http://www.bbc.co.uk/mundo/participe/2009/06/090618_participe_chomsky_librecomercio_3.shtml

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)