Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

8 marzo 2009

RICOSTRUZIONE DI GAZA: UN COMPLOTTO MASCHERATO DA COMPASSIONE

di Jean Shaoul

La conferenza tenutasi lo scorso Lunedi a Sharm el-Sheikh, in Egitto, non aveva nulla a che fare con un tentativo di alleviare la terribile crisi umanitaria a Gaza, né il suo scopo apparente era quello di ricostruire le case, fabbriche, scuole e infrastrutture distrutte da parte di Israele. Il suo scopo dichiarato era quello di fornire la copertura per la promozione degli interessi geopolitici di Washington nel Medio Orientericco di petrolio, ribaltamento di Hamas al potere e ripristinare il screditato presidente palestinese, Mahmoud Abbas, contribuendo così al controllo della regione in funzione degli interessi di Stati Uniti ed Israele.

La riunione è avvenuta dopo la guerra di Israele contro Gaza che è durata venti giorni, con il sostegno degli Stati Uniti che ha avuto inizio alla fine dell'anno scorso, un attentato che ha ucciso oltre 1.300 palestinesi, molte migliaia di feriti e di sfollati, hanno perso casa più di 400.000 persone. La conferenza dei donatori, con l'assistenza del Segretario di Stato, Hillary Clinton è parte di un tentativo da parte della amministrazione Obama di sembrare più imparziale nel suo approccio verso il Medio Oriente in generale e per il conflitto israelo-palestinese in particolare. Ciò è essenziale per fornire la copertura della collusione dei regimi arabi con gli Stati Uniti nell'occupazione in Iraq, la guerra in Afghanistan e in qualsiasi offensiva contro l'Iran.


Lo scopo principale di questa riunione è stato quello di chiedere che i palestinesi "rompino il ciclo del rifiuto e della resistenza" e di presentare le richieste di Israele. Ciò significa accettare uno stato pieno di biforcazioni che consistono per Gaza e in diverse enclavi senza continuità nella Cisjordania, governata dall' AP sotto il controllo di Fatah. Questo soggetto sarebbe dominato da Israele con l'aiuto di Egitto e Giordania, mentre Israele continua ad espandere i suoi insediamenti in Cisgiordania. Proprio la scorsa settimana, il movimento Peace Now israeliano ha annunciato che Israele ha preparato piani per la costruzione di 70.000 nuove case per coloni ebraici in Cisgiordania.

La conferenza ha visto la partecipazione di diplomatici di 45 paesi, ma non in Palestina. Hamas, nonostante sia il governo eletto, non è stato invitato, perché Israele, Stati Uniti e Unione Europea lo considerano un'organizzazione terroristica. Al suo posto, i palestinesi erano rappresentati dal regime fantoccio dell'Autorità palestinese, guidata da Abbas, anche se il suo mandato è scaduto il 9 gennaio.

Il ministro degli Esteri egiziano Aboul Gheit ha annunciato che donatori internazionali, di 68 paesi, hanno promesso 5200 milioni di dollari per la ricostruzione di Gaza. Egli ha detto che l' importo "supera di gran lunga le nostre aspettative". L'Autorità palestinese aveva chiesto solo 2.800 milioni di dollari per la ricostruzione, che sarebbe incanalata attraverso il governo in Cisgiordania. Paesi del Golfo tra cui l'Arabia Saudita, hanno promesso 1.650 milioni di dollari, gli Stati Uniti 900 milioni di euro, e le potenze europee 554 milioni di dollari.

Clinton ha messo in chiaro che Washington contributo di $ 900 milioni è subordinata all'accettazione dei palestinesi dei suoi dettami. Egli ha detto: "Ci sarà un esborso [del pacchetto di aiuti] sempre essendo chiaro che devono essere soddisfatti i nostri obiettivi, che non saranno compromessi o annullati. Vogliamo dimostrare che abbiamo a cuore la loro situazione [dei palestinesi], e che, ovviamente, non vogliamo far soffrire i civili di più di quello che hanno già subito. Ma noi vogliamo mettere in chiaro che i contributi non saranno per Hamas "

Clinton ha aggiunto: "La nostra risposta alla crisi attuale nella striscia di Gaza non può essere separata dal nostro più ampio sforzo per raggiungere una pace globale". L'obiettivo dell'aiuto è quello di "promuovere le condizioni affinché si possa realizzare uno Stato palestinese".

Il suo portavoce, Robert A. Word, ha detto che erano $ 600 milioni per l'AP, che ha il suo quartier generale in Cisgiordania, e solo $ 300 milioni per aiuti umanitari a Gaza. Questa è una goccia nel mare rispetto alle esigenze di entrambe le Gaza e il sostegno che Washington ha profuso su Israele per oltre quaranta anni. Clinton ha sottolineato che è incontrovertibile attuare misure di salvaguardia per garantire che non un centesimo di $ 300 milioni possano andare ad Hamas.

Le potenze europee appoggiano pienamente questa agenda, anche se hanno cercato di apparire più eque. Il ministro degli Esteri britannico, David Miliband, ha detto che è indispensabile che qualsiasi "segno visibile di progresso" nella Cisgiordania e a Gaza. Tuttavia, ha aggiunto che i palestinesi necessitano di "un unico governo nei territori occupati."

Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha adottato un diverso approccio, esortando Hamas ad "impegnarsi per trovare una soluzione politica e di dialogo con Israele."
Pochissimi di questi fondi impegnati sono nuovi. La maggior parte degli importi già impegnati presso la conferenza di Parigi nel dicembre 2007 non sono mai stati consegnati a causa del rifiuto di Israele di revocare l'allora più di 500 blocchi stradali in Cisgiordania e a Gaza per consentire l'apertura dei suoi confini, il che rende impossibile ed inutile qualsiasi investimento. Ci sono ora più di 600 blocchi stradali.

Sono stati destinati nello specifico 1500 milioni di dollari per il deficit di bilancio dell'Autorità Palestinese per le "riforme" economiche e progetti del settore privato.
Solo 1330 milioni di dollari sono stati iscritti in bilancio per la ricostruzione nella striscia di Gaza. Questo è molto meno dei 2.400 milioni di euro che le Nazioni Unite hanno convenuto sulla necessità di ovviare alla distruzione perpetrata da Israele. E incluso esa miseria no va a desembolsarse hasta que Hamas deje de existir como fuerza en Gaza. E anche questa miseria non sarà versata fino a quando Hamas cessa di esistere come una forza nella striscia di Gaza.

Paesi del Golfo tra cui l'Arabia Saudita, Qatar e Kuwait, hanno detto che i 1.600 milioni di dollari che sono stati promessi, non saranno di Hamas o dell'Autorità palestinese. Essi non vogliono che vengano messi direttamente a beneficio di Abbas, hanno detto che avrebbero aperto un ufficio a Gaza per occuparsi della propria ricostruzione. Ma, come tutti i materiali per la ricostruzione, come il cemento, le attrezzature e i generatori a pompa devono passare attraverso Israele, e un portavoce del ministero della Difesa israeliano ha sottolineato che Israele vuole attuare un progetto per un processo di approvazione per "giustificare ciascuno di tutti i tubi che entrano", sembra essere del tutto impossibile che possa attuarere anche il più modesto programma di ricostruzione.

Il denaro per scopi umanitari per aggirare Hamas sarà canalizzato attraverso le agenzie delle Nazioni Unite e degli aiuti di gruppi internazionali. Ma dal momento che Israele controlla i confini, le acque territoriali e lo spazio aereo di Gaza, e consente l'ingresso a Gaza solo in alcuni prodotti alimentari, forniture mediche e di carburante, questa non ha alcun significato sostanziale. Secondo le Nazioni Unite, Gaza ha bisogno di un minimo di 500 autocarri al giorno con gli aiuti umanitari e prodotti commerciali. Anche se le autorità israeliane hanno detto che le agenzie umanitarie consentono l'entrata a 200 camion al giorno, la cifra non ha mai superato i 120 in quanto il blocco è iniziato nel giugno 2007. La media nel mese di febbraio è stato tra i 88 e 104, compreso grano inviata dal convoglio della traversata di Karni. Le nuove procedure di sicurezza attuate dopo la guerra, nel mese di gennaio, hanno reso quasi impossibile per le agenzie di aiuto di pianificare le loro consegne con più di 24 ore di anticipo. L'ultima condizione per Israele di alleggerire le restrizioni sul rilascio di Gilad Shalit, un soldato israeliano a Gaza detenuto dal giugno 2006.

Secondo Human Rights Watch, il gruppo che ha sede a New York, i dipendenti di aiuti umanitari in varie occasioni hanno affermato che le autorità israeliane si erano rifiutate di consentire l'invio di aiuti disposti a poche ore dal momento stabilito per l'invio. L'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari ha detto che Israele ha arbitrariamente rifiutato anche l'entrata di prodotti base come ceci, pasta e farina di grano tenero, quaderni per gli studenti, i frigoriferi, i generatori , pompe per acqua e gas per cucinare.

Israele insiste sul fatto che tutti i camion per entrare a Gaza attraversano Kerem Shalom, vicino a sud di Gaza, dove ogni prodotto trasportato dai camion devono essere scaricati, controllati, confezionati e ri-ri-caricati con una "tassa" di $ 1000, anche se ci sono altri incroci con le attrezzature di sicurezza molto più sofisticati. E 'chiaro che le azioni di Israele hanno come obiettivo impedire che arrivino armi a Gaza per punire ed intimidire la popolazione di Gaza, distruggendo ciò che resta della loro economia e costringendo la popolazione all' esilio.

Egitto, che controlla il confine meridionale di Gaza, ha affermato che può solo aprire completamente Rafah, con l'attraversamento di Gaza sotto gli accordi precedenti che richiedevano all'Autorità Palestinese, non ad Hamas, il controllo del terminale. L'Egitto continua a patrocinare i negoziati tra Hamas e Fatah, con l'obiettivo di ripristinare Fatah al potere.


Articoli correlati: A GAZA SI CONTINUA A MORIRE

Tradotto per Voci Dalla Strada da
Loris

1 commento:

  1. Segnalo: Jeff Halper - Ostacoli alla pace - Una ricontestualizzazione del conflitto israelo-palestinese - ed. Una città

    RispondiElimina

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)