Sostieni la ricerca sulle polveri sottili

14 marzo 2009

DISORDINI CIVILI IN AMERICA?

di José Miguel Alonso Trabanco

L'EurAsia sta attraversando gravi problemi derivanti da difficoltà economiche e finanziarie, come la disoccupazione, la crescita negativa del PIL, la svalutazione monetaria, il rallentamento economico globale, e così via. Diversi membri dell'Unione Europea e della NATO (ricordiamo Polonia, Ungheria, Islanda) sono già di fronte ad una notevole mole di malcontento interno. Alcuni membri della ex-Unione sovietica (in particolare l'Ucraina, la Bielorussia e le repubbliche dell'Asia centrale) e anche la Russia si sono confrontati con problemi simili. Anche i funzionari del governo cinese accusano proteste nella Cina continentale, come sottolineato dal professor Michael Klare, il che significa che l'Asia orientale non è affatto un'eccezione. Come vedremo, condizioni finanziarie ed economiche sono altrettanto gravi nel emisfero americano, se non di più.

Zbigniew Brzezinski, ex National Security Advisor e primo sostenitore di Barack Obama nella campagna presidenziale, ha avvertito che disordini civili sul suolo americano sono una possibilità che non deve essere esclusa. Brzezinski spiega che "[gli Stati Uniti] avranno milioni e milioni di disoccupati, le persone si troveranno veramente di fronte ad una stretta. Saremo per un certo periodo di tempo in questa situazione prima che le cose possano migliorare. E allo stesso tempo c'è la sensibilizzazione dellla gente su questa straordinaria ricchezza che è stata trasferita a poche persone ai livelli più alti senza precedenti storici in America... Brzezinski si conclude con questa annotazione degna di nota "... maledizione, ci potrebbero essere anche disordini".
Questo significa che la parte superiore dell'èlite ai livelli più alti della politica americana hanno capito che l'attuale turbolenza finanziaria ed economica è molto peggiore di quello che molti esperti avevano previsto, e che le cose potrebbero davvero sfociare in una spirale fuori controllo, se l'attuale situazione degenerasse ulteriormente. Infatti, segni di ottimismo non si trovano da nessuna parte. Piuttosto il contrario.

La piena dimensione finanziaria del maremoto si riflette chiaramente in un pezzo scritto da Barry Ritholtz, che stabilisce che il piano di salvataggio promosso da ex Segretario del Tesoro Henry "Hank" Paulson è pari ad una somma di denaro che è superiore a quello stanziato per la Louisiana Purchase , il New Deal, il piano Marshall, il progetto lunare Apollo, la Guerra di Corea, la guerra del Vietnam, l'invasione dell'Iraq e di altri grandi spese pubbliche - combinate (!). Ciò dimostra che l'èlite dei politici statunitensi (sia democratici e repubblicani) hanno gravi preoccupazioni circa la salute del sistema finanziario americano e dell'economia americana.

Il fallimento della Lehman Brothers' (il più grande nella storia americana), è stato soltanto la punta di un iceberg e le condizioni economiche e finanziarie hanno drammaticamente peggiorata da allora. Il 22 gennaio 2009, il Christian Science Monitor ha pubblicato che le quattro maggiori banche degli Stati Uniti "hanno perso metà del loro valore dal 2 gennaio." Inoltre, nel periodo estivo dal 2008 al marzo 2009, l'indice Dow Jones Industrial Average è diminuito più del 50%. Inoltre, solo in febbraio 2009, più di 651 000 posti di lavoro sono stati persi negli Stati Uniti, e il tasso di disoccupazione ha raggiunto 8,1%, il più alto in 26 anni. Inoltre, alcuni costruttori di automobili degli Stati Uniti (come Ford, General Motors e Chrysler), una volta l'orgoglio d'America, l'industria, devono praticamente essere sovvenzionati per vivere.

Steve Lohr, dal New York Times, scrive che "Alcune delle grandi banche negli Stati Uniti, secondo gli economisti e altri esperti di finanza, sono come uomini morti che camminano". In effetti, vi erano solo due banche d'investimento a sinistra: Morgan Stanley e Goldman Sachs e la loro condizione non è esattamente solida perché sono riusciti a sopravvivere, solo diventando normali banche commerciali. The Guardian riproduce una valutazione da Bill Isacco, è un esperto finanziario, egli sostiene che la trasformazione sia Morgan Stanley e Goldman Sachs, è "un peccato, perché questo paese [gli USA], è stato costruito, in parte, con l'assunzione di rischi da Goldman e Morgan e da un intero gruppo di imprese prima di loro." Karl-Ovest, dal Daily Mail che cita finanziari specialisti avvertono che il colosso-banca Citigroup "potrebbe crollare".

Tutti ciò indica che il tanto temuto tracollo finanziario non è più una lontana e remota possibilità, perché in realtà è già in atto. Tuttavia, questo potrebbe scatenare un caos molto grave con conseguenze preoccupanti. Al fine di avere una chiara comprensione di queste implicazioni, è di vitale importanza tener conto di alcune relazioni a cui non è stata data l' attenzione che meritava, quando sono state pubblicate per la prima volta.

Il professor Michel Chossudovsky ha osservato che la 3° Divisione di Fanteria della I Brigata Combat Team dell’esercito Usa, è tornata dall' Iraq alcuni mesi fa. Tale informazione è molto preoccupante perché tali unità militari "possono essere chiamati a contribuire in caso di disordini civili e per il controllo della folla", secondo fonti ufficiali. Ora, quale scenario potrebbe eventualmente richiede l'implementazione operativa di tali unità sul territorio americano? Professor Chossudovsky puts forward an intriguing hypothesis that must be borne in mind. . Il professor Chossudovsky deduce un intrigante ipotesi che dev' essere tenuta in considerazione. Egli sostiene che "una sommossa civile risultante dalla fusione dal punto di vista finanziario è una distinta possibilità, dato l'ampio impatto del crollo finanziario sui risparmi a vita, fondi pensione, proprietà immobiliari, ecc".
Poco tempo dopo, il Centro per la ricerca sul sito Centre for Research on Globalization, ha pubblicato un articolo scritto da Wayne Madsen. Il sig. Madsen afferma che un rapporto altamente riservato, ma ufficiale sta circolando tra gli alti membri del Congresso degli Stati Uniti e dei loro consulenti ai livelli più alti. La relazione è stata presumibilmente soprannominata come il "Documento C & R". L'autore precisa che tali lettere significano nient' altro che "Conflitto" e "Rivoluzione" in quanto tali scenari sono presumibilmente considerati dai politici statunitensi come plausibili conseguenze innescate da un tracollo finanziario. Secondo il Sig. Madsen, il contenuto del documento che rivela che il grave caos finanziario potrebbe essere la scintilla per una grande guerra, se Washington si rifiutasse di onorare il suo debito estero e / o disordini nelle città degli Stati Uniti se la popolazione americana non accettasse il considerevole aumento delle imposte.

Per decenni, nel complesso la stabilità politica negli Stati Uniti è stata data per scontata. Tuttavia, come è stato sottolineato, anche alti statisti americani stanno prendendo in considerazione il fatto che la volatilità finanziaria potrebbe essere il combustibile per un'ondata di malcontento che potrebbe facilmente raggiungere proporzioni preoccupanti. Sembra che l'America non è immune dal "regime-threatening instability"(regime-pericolo di instabilità), come la definiscono il Pentagono e la comunità di intelligence Usa. È probabile che i funzionari del governo americano non hanno escluso lo scenario peggiore. Infatti sembra che si stiano preparando di conseguenza.

Pertanto, da ciò che è stato esaminato qui, una volta che si procede a collegare i puntini comincia ad emergere un'immagine molto cupa, per usare un eufemismo. Un onnicomprensiva nube di incertezza ci impedisce di formulare una previsione accurata degli sviluppi per quanto riguarda ciò che si verificherà e il modo in cui si svolgerà la situazione prossimi mesi, per non parlare di anni. L'unica cosa che può essere data per scontata e che si può essere certi che l'impensabile è ora diventato possibile.

José Miguel Alonso Trabanco è uno scrittore indipendente con sede in Messico, specializzato in geopoltica e affari militari. Ha una laurea in Relazioni Internazionali della Monterrey Institute of Technology e Studi Superiori, Città del Messico. La sua attenzione si concentra sulla geopolitica contemporanea e storica, il mondo della bilancia del potere, il sistema internazionale di architettura delle nuove competenze emerghenti.

Fonte: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=12619

Tradotto per Voci Dalla Strada da Loris

Articoli correlati:
Legge marziale… a quando?

Nessun commento:

Posta un commento

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog Voci Dalla Strada

Non sono consentiti:
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)